CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Pat Smear è l'influenza che non sapevi di avere
Pat Smear è l'influenza che non sapevi di avere
di [user #116] - pubblicato il

L’incontro tra classico e moderno dà vita a una Hagstrom capace di spaziare dalle distorsioni sgraziate dei The Germs ai muri di suono dei Foo Fighters.
Quando si parla di fonti d’ispirazione per i giovani chitarristi, Pat Smear potrebbe non essere nella top ten, ma a ben vedere la sua influenza nella scena musicale moderna è molto più ingombrante di quanto non si creda.

Vero talento dietro le quinte, Pat è riuscito a lasciare il segno in tre delle più importanti realtà rock degli ultimi decenni, contribuendo a delineare il sound dell’hardcore punk rock coi The Germs, del grunge nei Nirvana e ora dell’hard rock moderno insieme ai Foo Fighters.



La sua storia ha inizio coi The Germs, band losangelina idolo indiscusso per i punkrocker californiani. Se il nome dei The Germs non riempie gli scaffali dei negozi di musica, il motivo è presto detto: il gruppo ha inciso un solo album nel 1979 prima di sciogliersi a seguito della morte del frontman Darby Crash, ma tanto è bastato a farne un riferimento per la scena punk rock e a rendere Pat Smear un nome ben noto nell’ambiente, al punto che i Nirvana lo vogliono in tour come chitarra di supporto. Pat li accompagnerà fino alla morte di Kurt Cobain ed entrerà in seguito a far parte dei Foo Fighters di Dave Grohl, ex batterista dei Nirvana ora cantante e chitarrista della nuova band.

Affezionato utilizzatore di chitarre Hagstrom e avido collezionista di esemplari vintage, Pat Smear attira le simpatie del marchio svedese fino a diventarne l’artista di punta. All’inizio degli anni 2000, Hagstrom lo chiama in laboratorio per dedicargli una signature su sue dirette specifiche: la Pat Smear Signature vede la luce nel 2013 e riassume tutto il carattere flessibile e variegato del suo stile musicale.

Pat Smear è l'influenza che non sapevi di avere

La chitarra prende in prestito la forma a corna asimmetriche della H-II che faceva battere i cuori dei chitarristi elettrici nella metà degli anni ’60 e la impreziosisce con le curve morbide della Swede con tutti i suoi più moderni ritrovati tecnologici e stilistici.

Di estrazione vintage, sfoggia un manico spesso e tondeggiante abbinato a un body sostanzioso, voluto da Pat perché ritenuto responsabile di un timbro più ricco e consistente.

Il body in mogano è uno standard per la categoria e il top in acero ne valorizza le curve oltre che la sonorità. Quasi a contrastare con la tridimensionalità del corpo, Pat ha voluto un battipenna sollevato che segue le curve della metà destra del corpo. Attraverso un forellino praticato sullo stesso, fa capolino il selettore a tre posizioni in posizione strategica per essere sempre a portata di mano. La finitura tutta nera dello strumento consente al piccolo anello blu (il logo dei Germs) di spiccare con decisione.
Non mancano i piccoli ritocchi estetici di sicuro impatto come il binding intorno alla tastiera e i segnatasti a blocco con spigoli smussati, una vera chicca per gli amanti della scuola Hagstrom d’annata.

Pat Smear è l'influenza che non sapevi di avere

Sul top, due humbucker Custom 58 Alnico sfoderano un suono presente e incisivo, ideale per farsi sentire nel mix affollato delle tre chitarre dei Foo Fighters. Per il genere in cui si muove, Pat ha richiesto un timbro capace di affrontare anche le distorsioni rock più spinte, ma che fosse anche in grado di valorizzare i suoni puliti con spessore e carattere. Due volumi e due toni con manopole in metallo in stile Barrel ne gestiscono l’output in maniera individuale per maggiore flessibilità.

Appassionato di vintage ma tutt’altro che immune alle lusinghe delle tecnologie sviluppate negli anni da Hagstrom, Pat Smear ha richiesto tutti gli appunti moderni presenti sulle attuali produzioni.
Il manico incollato riporta un sistema H-Expander a rafforzare la struttura e a caratterizzare il suono con maggior sustain e un timbro più rotondo. La tastiera è in Resinator e il ponte Tune-O-Matic con sellette roller è abbinato a un tailpiece con fermi in ottone singoli per ogni corda come quelli visti sulla collezione Swede.

Pat Smear è l'influenza che non sapevi di avere

La sua Hagstrom, reperibile in Italia con la distribuzione di Aramini, è un vero pezzo unico. Basata su grandi classici di casa pur senza rifarsi a un modello in particolare, dà i natali a uno strumento inedito che si muove a suo agio tra clean profondi, overdrive ricchi e distorsioni definite: un mix di retrò e modernità tutto da scoprire.
chitarre elettriche hagstrom pat smear
Link utili
Le Swede spiegate su Accordo
Pat Smear Signature sul sito Hagstrom
Sito del distributore Aramini
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Gibson: torna la The Paul dopo 40 anni
Fender Meteora è arrivata
EKO S350V Daphne Blue
La prima e la seconda chitarra mai costruite da PRS
Schecter svela la gamma 2019
25 inedite per l’anniversario della Luke
Seguici anche su:
News
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)
L'invenzione del talkbox: la storia del pupazzo Stringy




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964