CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
E le tre Pedaltrain vanno a...
E le tre Pedaltrain vanno a...
di [user #116] - pubblicato il

Online i risultati del gioco organizzato con Face Distribution e Pedaltrain. Ecco a chi vanno tre pedane uguali a quelle scelte nel configuratore online.
Piccole, grandi, minimali, zeppe di effetti di ogni tipo. Le pedaliere che avete progettato con il Pedalboard Planner di Pedaltrain ci hanno davvero lasciato a bocca aperta!

Alcuni giorni fa vi avevamo invitato a sperimentare insieme a noi le possibilità del configuratore online di Pedaltrain, un software su browser in cui inserire riproduzioni accurate di centinaia di pedali famosi e meno famosi, da collegare e riposizionare su quella più adatta tra le pedane del catalogo Pedaltrain. Grazie alla collaborazione di Pedaltrain e Face Distribution, a tre fortunati sarebbe andata proprio la pedana scelta per i loro rig virtuali.

In pochissime ore ci avete stupito con una valanga di sistemi da sogno, a volte pensati per la massima trasportabilità, a volte all’altezza di uno stadio. Immancabili, abbiamo scovato anche un paio di catene composte esclusivamente da Metal Zone: che ci crediate o no, anche noi in redazione ci siamo divertiti a farne una proprio così!
Bando alle ciance, ed ecco tutte le vostre proposte nella gallery che segue.

Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 


Siete stati davvero tanti, ma le pedalboard in regalo sono tre, e tre sono i fantasiosi autori che se le porteranno a casa. Ecco i loro nomi e i rig così come li hanno descritti nelle loro email.

Alessandro Proverbio: Ho scelto il modello Metro 16 che è il giusto compromesso per me, né troppo grande né troppo piccola.
- Mini Wah Cry Baby: un classico ma in miniatura, così da occupare poco spazio (ed è anche true bypass)
- Eventide H9: coltellino svizzero di altissima qualità, prenderei il modello con gli algoritmi legati alle modulazioni (per delay e riverberi ci sono già altri pedali), modulazioni che preferisco avere prima delle distorsioni, così da essere meno invadenti. Ha inoltre un accordatore integrato.
- TS808: in pedaliera un Tubescreamer non può mancare, lo userei da solo in situazioni blues/soul (eventualmente in coppia con l’Archer) e come boost per il Crunch Box in situazioni più rock/hard rock.
- Crunch Box: in realtà volevo mettere il Super Crunch Box v2 che possiedo ed adoro, ma non era presente sul sito. A mio avviso è il distorsore definitivo per i suoni classici del rock, sopratutto di stampo british. Si comporta benissimo anche a bassi livelli di gain e ad altissimi livelli di gain dove non perde definizione e botta. Bellissimo anche sui suoni alla Andy Timmons (qualcuno ha detto JHS?).
- Archer: da fan di Mayer non potevo non mettere un Klon, sia da usare da solo sia come clean boost per gli assolo in accoppiata al Crunch Box.
- Flashback Delay: delay della TC che possiedo e con cui mi trovo benissimo, è versatile, suona bene, ha un looper integrato e i Tone Print. La versione nuova ha anche il MESH che è davvero interessante. Non si possono salvare preset ma a me piace tenerlo sempre acceso per riempire un po’ senza essere troppo invadente.
- Flint: un pedale che adoro, riverbero stupendo e tremolo davvero davvero bello, qualità altissima, come tutti gli Strymon d’altronde. Visto che c’era spazio ho messo anche il pulsante esterno per richiamare i preset.

E le tre Pedaltrain vanno a...

Dweezilmichele: Giusto in tempo per Halloween, una spaventosa e versatilissima pedaliera a tema!
Per comporre la pedalboard, ho utilizzato tutti pedali che hanno una ispirazione "dark" nel nome e nell'estetica, ma che messi insieme in catena compongono una perfetta pedaliera rock/alternative.
Ho cercato di usare marchi ricercati e un po' "indie" rispetto ai grandi classici.
Pedaliera: Pedaltrain Classic JR 
Accordatore: Tc Electronic Polytune 2 (noir)
Overdrive 1: OKKO Diablo
Distorsore/fuzz: Catalinbread Sabbra Cadabra 
Overdrive 2: EarthQuaker Devices Crimson Drive 
Buffer: Emerson Custom Concord 
Pedale volume: Dunlop Volume X 
Delay: Digitech Obscura
Shimmer Echo: Mr. Black Trance Portal   
Reverb: Fuzzrocious Afterlife
Grazie per la divertente opportunità!

E le tre Pedaltrain vanno a...

Gunsmanu: La pedaliera che ho progettato su base pedaltrain Classic PRO è la stessa che uso oramai da quasi quattro anni senza quasi nessuna modifica, un record assoluto per un chitarrista malato di pedalini come me.
Uso tutto in front a un canale pulito dell'ampli e, come si vede dalla scelta dei pedali, posso spaziare dal blues, al rock fino al metal o effetti strani dati dal Line 6.
Ci ho suonato con ogni genere di gruppo, dal gruppo rockabilly fino a cover dei Bring Me The Horizon e non mi ha (quasi) mai dato problemi.
Il segnale è così composto: TU3 > supercomp > crybaby > overdrive > plexitone > fullbore > big muff > small stone > m5 > boost.
Il tutto è alimentato da un alimentatore artigianale fatto su misura.
L'unica nota dolente è il suo flight case che dopo anni di prove e concerti e avendolo preso usato è ormai in condizioni pessime.

E le tre Pedaltrain vanno a...

A loro vanno tre Pedaltrain nuove di zecca, gli stessi modelli che hanno usato per configurare sullo schermo la pedalboard dei loro sogni: una Metro 16, una Classic JR e una Classic Pro con i migliori auguri di Pedaltrain e Face Distribution!
accessori i giochi di Accordo pedaltrain
Link utili
Configuratore online Pedalboard Planner
I dettagli sul gioco
Sito Pedaltrain
Sito Face Distribution
Mostra commenti     18
Altro da leggere
Soundbrenner: record di finanziatori per lo smart watch da musicisti
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
All-Brass: patch cable in ottone da Xotic
JW-02: il trasmettitore Joyo multiplo e compatto
Joyo JP-05: alimentatore professionale a batterie
Boss WL: trasmettitori smart per tutti i gusti
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964