CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA
Basso G&L Tribute JB: sentirsi in un disco funk
Basso G&L Tribute JB: sentirsi in un disco funk
di [user #116] - pubblicato il

Il limite di uno strumento, quello stilistico in primis, è tutto nelle mani del musicista che lo imbraccia. Non esiste genere, approccio, stile che un basso nelle mani di un musicista preparato e illuminato non possa essere cavalcato in maniera brillante e pertinente. Eppure, ci sono quattro corde che paiono nascere con un’identità e vocazione precisa. È il caso di questo G&L.
Il G&L Tribute JB è una celebrazione vivente degli scenari in cui il Jazz Bass ha disegnato un’estetica di suono e stile: funk, jazz, blues fino al rock più tradizionale e tutta la musica che affonda le sue radici più profonde nella tradizione afro americana.
Una celebrazione compiuta ad arte, rispettosa della tradizione ma capace di apportare sensibili dettagli innovatovi che rendono questo strumento comunque adeguato allo stato dell’arte di ciò che ci si aspetta da un basso oggi. Questo connubio tra tradizione e modernità è – per esempio – perfettamente sintetizzato nell’accoppiamento tra il manico in acero (sottile, rigido e con una finitura lucida classica) e i comodi tasti in nichel, medio-jumbo, che garantiscono una suonabilità attuale. Altro dettaglio assolutamente convincente è il ponte Saddle-Lock ™ progettato da Leo Fender per trasferire e sfogare l'energia vibrante e sonora delle corde direttamente nel body del basso, rendendo lo strumento più risonante, ricco di presence e sustain. In definitiva, gli elementi di modernità paiono tutti allocati nella ricerca di una suonabilità più snella mentre la scelta dei pick up (il classico suono da single coil in Alnico) è un’ipoteca sulla tradizione.

Basso G&L Tribute JB: sentirsi in un disco funk

Con questo Tribute JB si suona - lo ripetiamo - di tutto.  Però,  quando si parte con linee suonate a dita di estrazione funk, jazzrock e – perché no – reggae o quando si inizia a spingere con lo slap, ci si sente dentro un disco. Perché tutto è al suo posto e tutto suona giusto.
Il prezzo. Questo basso si colloca in una fascia medio bassa, interessante e contenuta. È appetibile per il bassista esperto, anche professionista, che ha bisogno o curiosità, di aprire una finestra sulle sonorità sopra descritte che magari non sono quelle che pratica abitualmente e che non vuole lasciare scoperte. È ottimo per il bassista meno esperto, studente o amatore, che troverà un fedele alleato, perfetto per lo studio ma già pronto ad accompagnarlo in tutte le prime, importanti, esperienze live. Però, francamente, questo basso è uno di quegli strumenti il cui prezzo contenuto rischia di essere fuorviante: alla luce delle caratteristiche descritte e della qualità e cura costruttiva va semplicemente provato lasciando decidere mani e orecchie.
Bolt-on, scala da 34”, due pick up G&L Alnico, con il Tribute JB si può scegliere tra due finiture: con il body in Tiglio a tinta unita o in Frassino con finiture traslucide e burst; tastiera in acero o palissando.

Basso G&L Tribute JB: sentirsi in un disco funk
bassi elettrici g&l jazzbass recensioni
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
I Bassi Tribute JB sul sito della G&L
Aramini, il distributore italiano di G&L
Mostra commenti     4
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Visualizza l'annuncio
Zoom Q3 HD
Visualizza l'annuncio
Marshall JVM 215C Tabacco mod.
Altro da leggere
Billy Sheehan: 30 anni di Attitude
Scopriamo insieme le Fender American Professional II
Dean Edge Select, forza e precisione a quattro corde
Gnome: la nuova linea tascabile di testate Warwick
"McStine & Minnemann": musica bella e senza tabù
Primi modelli di Basso Elettrico (1930-1947)
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964