CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Monitor da palco: tips and tricks
Monitor da palco: tips and tricks
di [user #116] - pubblicato il

Abbiamo raggiunto Matteo Barbaro di Prase per una chiacchierata sull'utilizzo dei monitor sul palco. Sulla base della sua esperienza come product specialist, ma soprattutto come sound engineer, gli abbiamo chiesto qualche suggerimento per affrontare al meglio i live.
Quali sono i motivi per i quali uno fonico, un musicista o una produzione possono prediligere un sistema di monitoring fisico?
 
Sicuramente sono diversi e dovuti a fattori differenti:
 
il fonico, in contesti medio/grandi, è vincolato dalle richieste di una produzione o dal rider tecnico del musicista, dove normalmente si specifica posizionamento e numero di monitor. Se non ha vincoli di brand sicuramente sceglierà in base a diversi fattori quali dBspl, reiezione al feedback, utilizzatore, dimensione altoparlante, se attivi o passivi etc etc.. ci tengo a specificare che un diffusore non adeguato crea più danni rispetto al non avere nessun monitoraggio, quindi partiamo già con l’idea che esistono gli stage monitor e esistono i diffusori per fare PA ed ogni cosa dovrebbe essere usata come tale.
 
Il musicista dovrebbe comprarsi uno stage monitor appena comincia a suonare in giro, così da abituarsi già in sala prove al suo utilizzo. Devi imparare a vivere e suonare su un palco, dove ci sarà inevitabilmente un sistema di monitoraggio con cui dovrai fare i conti prima o poi. In questo caso la scelta dovrebbe essere legata allo strumento che si utilizza ed al monitor che rende più realisticamente quello che è il proprio suono (esempio Turbosound TFM122MAN , ovvero 12” per voce/chitarre, TFM152MAN, 15” per basso e batteria) .
 
Le produzioni sono in linea di massima vincolate alle esigenze dell’artista, o da ciò che viene richiesta alla produzione locale dà quella dell’artista, comunque ci sono molte dinamiche in questo senso. Mettiamo che Sting debba venire a fare un concerto in italia, la sua produzione ne contatterà una locale che dovrà fornire per esempio degli stage monitor Clair Brothers (storiche e diffusissime le 12AM ultimi arrivi 1AM e 1.5AM) in quanto richieste dalla produzione dell’artista.
 
Ci sono pro e contro nell’uso dei monitor, sicuramente da una sensazione più live al musicista, incidendo anche sulla sua performance, dall’altro lato però generano volume sul palco che potrebbe creare problemi al fonico.
 
Quali sono degli accorgimenti che possono aiutare la convivenza di monitor con bilanciamenti e mix diversi su palchi affollati?
 
Sul palco di norma è bene stare attenti al posizionamento dei microfoni in funzione anche degli stage monitor, non dimentichiamo mai la figura polare del microfono che ci permette di capire se il monitor è posizionato in modo da evitare feedback. Altro problema a cui stare attenti è il numero di canali ausiliari dedicati al monitoraggio, se ho  5 musicisti, con 5 monitor, DEVO avere 5 canali per gestirli separatamente in quanto necessiterò di 5 mix differenti, uno per musicista. Sembra scontato, ma spesso non è così, soprattutto in contesti dove ci sono pseudo service.

Monitor da palco: tips and tricks
 
Qualche consiglio per educare il musicista meno esperto all'utilizzo dei monitor. Soprattuto i chitarristi che - le prime volte - soffrono perché non riconoscono il suono della loro chitarra rispetto a come lo sentono uscire dall'ampli
 
Tocchiamo un tasto dolente, da bassista sono abituato a suonare con la D.I. dalla prima volta che ho messo il piede su un palco, lo stesso non vale per la chitarra. Di massimo teniamo presente che basta un amplificatore da 15 watt per ottenere un ottimo risultato, considerando che è SEMPRE microfonato. Potenze grosse non servono in quanto verrà sempre richiesto di abbassare abbondantemente il livello, snaturando quindi quello che è il suono. Quindi torno a dire: comprate uno stage monitor, un mixer ed un microfono, cercate la posizione corretta del microfono e create il suono sull’amplificatore in base a ciò che esce dal monitor.
 
Parlando ancora di chitarristi, l'utilizzo di sistemi digitali sta riducendo la presenza di amplificatori sui palchi ma rendendo ancora più delicata la presenza di monitor dedicati ai loro ascolti: qualche riflessione a riguardo?
 
Grazie al cielo, finalmente la loudness war tra i musicisti sul palco è destinata a concludersi. A maggior ragione ora i chitarristi dovranno essere meno rock n roll e più ingegneri, ascoltando cosa esce dal monitor, che inevitabilmente sarà ciò che esce nel PA. In questo caso è bene scegliere stage monitor al max da 12” in quanto un 15” risulterebbe troppo carico di basse frequenze per quello che è lo spettro di una chitarra. Avere un monitor solo con il segnale diretto della chitarra potrebbe essere una bella alternativa all’amplificatore.

Monitor da palco: tips and tricks
 
Un'ultima riflessione dedicata ai batteristi la cui posizione e strumento li relega in una condizione di isolamento acustico per sopperire  la quale un buon sistema di monitoraggio è vitale. Qualche suggerimento per ottimizzare il monitoring del batterista?
 
A mio avviso il batterista dovrebbe usare sempre gli in-ear monitor, così da preservare le sue orecchie dai volumi alti della batteria (consideriamo che un colpo di rullante è tra i 121 e i 125 dbspl, che sono pressioni elevate e pericolose per l’orecchio). Poi ci sono contesti in cui il Drumfill sarà necessario, di norma composto da top e sub (esempio Clair Bros 1AM + Kitsubmini), in quel caso sarebbe da posizionare a lato, dalla parte del charleston per capirsi, ma se gli spazi non lo permettono si può posizionare anche alle spalle del batterista. In generale però consiglio delle buone cuffie che isolino bene il musicista.
 
In generale bisogna che i musicisti si istruiscano ed imparino a suonare con il monitoraggio, già dalla sala prove, così da sapere poi di cosa avranno bisogno come riferimenti quando saranno sul palco.
 
 
casse e altoparlanti
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Visita il sito di Prase- Clair Bros
Visita il sito di Prase- Turbosound
In vendita su Shop
 
ELECTRO HARMONIX GERMANIUM 4 BIG MUFF P.I.
di Boxguitar.com
 € 94,00 
 
Peace WB-12
di Banana Music Store
 € 198,00 
 
BESPECO BP1EXS LEGGIO PIEGHEVOLE 3 ALTEZZE ACCIAIO CROMATO CON BORSA BP1-EXS
di Borsari Strumenti Musicali
 € 22,00 
 
MOOER 002 UK GOLD 900
di Centro della Musica
 € 89,00 
 
Cover Single coil Stratocaster chiusa white
di Chitarre e componenti
 € 1,50 
 
YAMAHA GC32C
di Banana Music Store
 € 1.850,00 
Visualizza il prodotto
Roadinger Plastic Rack Kr-19, 6u, Dd, Black Flightcase In Plastica Rigida Per Unità Da 483 Mm (19")
di Music Delivery
 € 119,00 
 
AROMA TDX16S BATTERIA 5 PAD CON RULLANTE MESH E HARDWARE COMPRESO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 339,00 
Mostra commenti     24
Altro da leggere
Marshall: ora anche jukebox
Le novità audio nel primo tour virtuale di AEB Industriale
Quanto suona il cabinet? Prova tu stesso
Sonos Roam: smart speaker a prova di strada
Blackbird 40: dietro le quinte del Reinforced AlNiCo Jensen
N12K: lo speaker Jensen dei Fender Tone Master
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Adamas 1681-9 anno 1983
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964