CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Tenere il tempo: facciamoci delle domande
Tenere il tempo: facciamoci delle domande
di [user #116] - pubblicato il

Nel suo ciclo di lezioni, Roberto Gualdi continua a esplorare un aspetto saliente per ogni musicista: la capacità di andare a tempo. Un'abilità che troppo superficialmente è bollata esclusivamente come una dote naturale quando invece può essere costruita e affinata.Quando affiorano delle carenze ritmiche - prima di alzare le mani invocando una mancata predisposizione naturale - sarebbe invece opportuno che ogni musicista si facesse delle domande sul repertorio che sta eseguendo, sull'attitudine con il quale lo sta affrontando e sulla qualità e tipologia di esercizi che pratica.

Tenere il tempo: facciamoci delle domande

Nella precedente lezione si erano esaminati tre aspetti che condizionano l'andare a tempo: la predisposizione genetica, il background culturale e la tecnica.

Oggi, se esamineranno altrettanti: repertorio, aspetto psicologico e consapevolezza ritmica.
Un elemento saliente circa l’abilità di tenere il tempo è il repertorio con cui ci si misura.
Bisogna avere la consapevolezza che ognuno di noi ha un repertorio, uno stile musicale, una rosa di velocità di BPM che gli sono naturalmente più confortevoli. E, ovviamente, altre che lo sono meno. Per questo, è importante quando si studiano dei brani o si prepara un set di pezzi da suonare, partire e concentrarsi maggiormente su quelli che risultano meno confortevoli. Perché saranno quelli che celano le insidie che potrebbero minare, durante l’esecuzione live, la gestione del tempo, l’espressività del suonato e la fluidità dell’esecuzione. Compromettendo la nostra performance. Anche se le difficoltà di certi pezzi non sono insormontabili, queste vanno affrontate e risolte in sede di studio perché anche una concentrazione eccessiva su questi brani, durante il live, può minare la scioltezza delle performance: sposteremmo, infatti, l’asse della nostra attenzione troppo sull’aspetto tecnico anziché privilegiare quello musicale.

Tenere il tempo: facciamoci delle domande
 
Il fatto di non essere a proprio agio con un determinato repertorio mette in gioco un altro aspetto fondamentale: quello psicologico.
Un musicista preoccupato per la complessità o non immediatezza di un repertorio, che si sente sotto esame, messo alla prova, rischia di trasmettere questa insicurezza al suo playing e, di conseguenza, al respiro ritmico dell’ensemble in cui è coinvolto.
Un esempio efficace è quello di autista insicuro: chi ancora non ha piena padronanza della guida, accelera, frena, tentenna; chi è al suo fianco percepisce e vive la sua insicurezza. Nessuno chiamerebbe mai una persona del genere come suo autista. E la stessa cosa vale per un batterista incapace di offrire solidità ritmica.
 
Tenere il tempo: facciamoci delle domande

Da ultimo, però, l’aspetto decisivo circa l’abilità di andare a tempo, interessa proprio la componente più legata allo studio, alla pratica e alla conoscenza della consapevolezza ritmica.
È importante affrontare studi ed esercizi che consolidino la “Griglia del Cervello” la capacità di vedere, sentire e organizzare il tempo in maniera totalmente consapevole e ordinata.
Anche in questo caso, gli esercizi più utili saranno quelli che spingono il musicista a uscire dalla propria comfort zone, misurandosi con studi che lo spingano a gestire il tempo in maniera per lui inedita. Per esempio, un buon metodo di lavoro (spiegato dettagliatamente nel video) è non limitarsi a studiare considerando il metronomo in battere: il battere del metronomo potrebbe essere il levare di un ottavo o l’ultima nota di una terzina. Sforzandosi di suonare con queste figure ritmiche, ottavi o terzine, e incastonando durante l’esecuzione il metronomo nelle disposizioni stabilite, si lavora concretamente su una gestione del tempo più consapevole e controllata.

lezioni lezioni di batteria roberto gualdi
Link utili
Il sito di Roberto Gualdi
La pagina officiale di Roberto Gualdi
Il corso di batteria di Roberto Gualdi sul sito del CPM
Tama, la batteria di Roberto
Nascondi commenti     2
Loggati per commentare

di c9 [user #37327]
commento del 11/01/2019 ore 08:58:11
Articolo molto interessante e ben fatto, grazie!
Io sono sempre più convinto che ogni chitarrista dovrebbe fare un corso complementare di batteria,
sarebbe utilissimo a migliorare in generale il playing da soli e con la band.
Rispondi
di Faus74 [user #41023]
commento del 11/01/2019 ore 11:33:15
Un aspetto molto interessante è proprio quello psicologico.
A volte capita a me stesso di essere insicuro anche su brani che suono da anni, e gli altri ne risentono eccome.
Concordo con c9, ottimo articolo.
Rispondi
Altro da leggere
Lo stile di Matt Garstka
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Hybrid Picking: suonare le triadi
Colori jazz per il fraseggio blues
Seguici anche su:
News
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964