CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Consiglio su multieffetto semplice

di [user #36553] - pubblicato il
Cari Amici Accordiani,
sono a chiedere un consiglio sul mio prossimo acquisto, che dovrebbe essere un multieffetto.
Il punto è che dovrebbe trattarsi di un oggetto di qualità ma semplice nell'utilizzo. Purtroppo il tempo che posso dedicare alla chitarra è poco e non ho voglia di passarlo a leggere manuali di centinaia di pagine, a navigare tra i menu, ...
Non è nemmeno necessario che abbia molti effetti; è sufficiente che abbia quelli essenziali, purché siano di buona qualità.
Lo utilizzerei davanti all'amplificatore, posto che il mio attuale combo (Carr Mercury V) non ha il loop effetti.
La mia prima scelta sarebbe il Carl Martin Quattro.
È un modello un po’ datato ma ho letto ottime recensioni al riguardo.
Purtroppo non ha il boost e nemmeno il tuner. E il secondo canale dell'overdrive non ha un autonomo controllo di tono.
Un'alternativa potrebbe essere il T-Rex SoulMate.
Questo ha il boost ed il tuner.
Però la costruzione mi sembra un po’ più cheap e il chorus è integrato nel delay, cosa che non mi convince del tutto.
Infine ci potrebbe essere il TC Electronic G-System, da abbinare con overdrive esterni.
La costruzione sembra eccellente.
Però non ho la comodità di settare gli effetti con dei bei manopoloni old school e devo ricorrere a pedali esterni.
Qualcuno di Voi ha esperienza con queste unità? Come Vi siete trovati?
Per favore non mi consigliate il Fractal FX8. Era la mia prima scelta ma mi sono reso conto che non è facilissimo da utilizzare, almeno per me. E poi non ho assolutamente bisogno di tutti quegli effetti; le mie attuali esigenze sono abbastanza elementari.
Grazie in anticipo a tutti coloro che vorranno rispondere.

Marco
Dello stesso autore
Consiglio per un liutaio in zona Firenze
Aiuto per l'acquisto di una testata british
Loggati per commentare

di nanniatzeni [user #24809]
commento del 18/01/2019 ore 20:42:10
Hai scritto questo:
Purtroppo il tempo che posso dedicare alla chitarra è poco e non ho voglia di passarlo a leggere manuali di centinaia di pagine, a navigare tra i menu, ...
Non è nemmeno necessario che abbia molti effetti; è sufficiente che abbia quelli essenziali, purché siano di buona qualità.
; le mie attuali esigenze sono abbastanza elementari.


Io ti suggerisco ZoomG3.
Elementare nell'uso, ha tutti gli effetti che servono,ha le simulazioni di ampli, funge da scheda audio, ha pure un looper integrato sovraincidibile.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 18/01/2019 ore 22:06:39
Grazie per il consiglio.
Però ha molte cose che a me non servono: simulazioni di amplificatori (voglio continuare ad utilizzare il mio Carr), looper, possibilità di utilizzo come scheda audio.
Inoltre, dal punto di vista della qualità costruttiva, mi sembra molto plasticoso; insomma, di livello più basso rispetto al Carl Martin ed al T-Rex.

Marco
Rispondi
di Gasto [user #47138]
commento del 21/01/2019 ore 15:05:43
Ciao,

Mi pare tu sia già ben orientato.
Non conosco il Carl martin, posso solo confermare che la Zoom G3 è una buona macchina (soprattutto in relazione al prezzo). L’interfaccia è semplicissima avendo solo 3 knob per il controllo dei parametri e 6 slot per gli effetti.
L’interfaccia è semplicissima, è come avere gli analoghi pedalini sotto le mani.
Il fatto che abbia anche le sim di ampli è per te un plus ma che secondo me è sempre bene avere, magari come back up (in caso di problemi all’ampli puoi andare in diretta nel mixer). Inoltre il G3 li vede come un effetto, quindi se non ti interessano, basta semplicemente non selezionarli nella catena. Anch’io suono spesso con gli ampli che trovo e quindi ho delle catene senza simulazione di ampli, oppure con la simulazione disinserita e attivabile in qualsiasi momento…
Anche per quanto riguarda la qualità costruttiva: la mia è praticamente tutta storta a furia di prendere calci, l’ho usata così tanto che il mese scorso ho dovuto sostituire gli switch dei pedali perché non funzionavano più (riparazione da 1€) ma la macchina va benissimo.

Anche il Looper secondo me è molto importante non tanto per fare pratica ma quanto per fare il sound check…

Buon acquisto comunque…e facci sapere.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 21/01/2019 ore 18:48:02
Temo che dovrò prendermi altro tempo per decidere cosa comprare.
Mi avete consigliato molte pedaliere che avevo escluso (HX Effects, HeadRush Gigboard, Zoom G3, TC Electronics Nova, ...) e bisogna che rifletta un po' sulla cosa.
E' chiaro che la Carl Martin sarebbe una scelta rassicurante e di sicuro non rischiosa: quattro effetti, qualche manopola, ... pure uno pigro ed impaziente come me riuscirebbe ad utilizzarla.
Però, se avessi voglia di "spippolare" un po', potrei avere molte più possibilità. Ma in questo caso dovrei riprendere in considerazione anche la Fractal FX-8, che ora costa anche meno di un anno fa.
Ovviamente vi terrò aggiornati.
Grazie per adesso!

Marco
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 18/01/2019 ore 20:59:10
Lascia perdere il G-System, quando ci colleghi i pedali di drive esterni la qualità del suono si degrada in maniera imbarazzante. I nuovi modelli hanno delle modifiche circuitali ma non mi fiderei. Sempre in casa TC se lo trovi ti consiglierei invece il Nova System, non so se ha il tuner, il boost mi sembra di sì. Questo è un multieffetto discreto.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 18/01/2019 ore 21:53:5
Chiarissimo.
Il Nova System si trova senza alcuna difficoltà. Devo verificare se ha boost e tuner; penserei di sì.
Secondo te è migliore, come suono, rispetto al Carl Martin ed al T-Rex?
Grazie per la risposta e saluti,

Marco
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 18/01/2019 ore 23:23:42
Non saprei. Sia Carl Martin che TRex godono di ottima reputazione. Però il Nova ha un po’ tutto l’indispensabile e a portata di mano senza impazzire troppo...io nel tempo ho costruito una pedaliera con tutti pedali singoli proprio perché deluso dal G-System. Però del Nova ho sempre sentito parlare bene.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 18/01/2019 ore 23:43:59
In effetti ha ottime recensioni.
Rispetto al Carl Martin è sicuramente più complesso (ci vuole poco ...) però è anche più completo.
Dovrò vedere un po’ di demo per capire se il funzionamento è intuitivo. Tieni presente che io cambio spesso chitarra e, quindi, ho l'esigenza di poter modificare le impostazioni al volo per adattarle allo strumento. Per questa ragione preferisco i manopoloni old school e non mi interessano i preset (dovrei creare un set per ogni strumento ...).
Grazie comunque per il consiglio.

Marco
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 18/01/2019 ore 23:45:36
Il Nova ce l'ho avuto due volte, quando usci era sicuramente tra i migliori se non il migliore dei multieffetti, tutt'ora può tenere testa a molti dei più recenti specialmente per il reparto modulazione, delay e reverb, i drive mi piacevano meno rispetto a tutto il resto ma sono comunque discreti.... si ha boost e accordatore..
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 18/01/2019 ore 23:58:08
Hai avuto qualche esperienza con il Carl Martin ed il T-Rex?
La sezione drive per me è fondamentale. Il Carr lo imposto non pulito ma già leggermente in crunch e ho bisogno di qualcosa per i soli, aggiungendoci poi un po’ di delay e magari un filo di chorus.
Tutto qui. Niente di particolarmente sofisticato. Potrei comprarmi tre bei pedali boutique ma vorrei evitare di trovarmi in giro per casa pedali, cavi, cavetti, alimentatore, ... Se trovassi una soluzione semplice ma di qualità sarebbe l'ideale.

Marco
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 19/01/2019 ore 00:04:2
Mi dispiace, gli altri mai provati, ho avuto dei t rex a pedalino ma non i multieffetti...
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 18/01/2019 ore 21:59:02
Ho verificato e ha sia il boost che il tuner.
Rispondi
di Desmo8 [user #38806]
commento del 18/01/2019 ore 23:22:42
Nux Cerberus, consigliatissimo effetti molto buoni con interfaccia analogica, abbinato ad un pre amp della mooer sei apposto per un bel po buona musica
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 18/01/2019 ore 23:46:59
Grazie per il consiglio.
Il preamp però a cosa mi servirebbe?
Il multieffetto intendo piazzarlo davanti al mio Carr, cioè tra chitarra ed amplificatore.

Marco
Rispondi
di Desmo8 [user #38806]
commento del 19/01/2019 ore 09:13:10
Ciao Marco il preamp serve se vuoi girare leggero è il massimo con il Cerberus ci sta tutto su una pedaliera da 40 cm alta 15..... il Cerberus ha l’emulazione di cassa che puoi attivare a piacimento. Saluti
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 19/01/2019 ore 10:52:3
Io in realtà non devo girare (purtroppo ...).
Ho solo bisogno di una soluzione semplice ma di qualità da utilizzare nel mio studio casalingo davanti all'amplificatore.
Potrei risolvere la questione comprando tre, quattro pedali boutique ma vorrei evitare cavi, cavetti, alimentatore, ... ecco perché chiedo notizie di un’unità all-in-one.
Grazie e buon weekend,

Marco
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 19/01/2019 ore 08:38:4
Per mia esperienza, i risultati migliori, sia in termini di semplicita' di utilizzo che di qualita' sonora, si ottengono con pochi pedalini di buona qualita'. Come soluzione questa e' nettamente migliore rispetto al multi fx e permette piu' versatilita' e possibilita' di fare modifiche rapide.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 19/01/2019 ore 11:05:21
Lo so.
Solo che quello dei pedalini è ormai un mondo sterminato ...
E poi dovrei ricomprare alimentatore, cavetti patch, ... tutte cose che in casa sono brutte e fanno disordine.
Ecco perché cercavo un multieffetto semplice ma di qualità.
Il Carl Martin sembrerebbe essere il migliore.
Potrei anche decidere di comprarlo e poi eventualmente, qualora si dimostrasse in concreto troppo limitato, passare ai pedalini singoli in futuro.

Grazie e buon weekend,

Marco
Rispondi
di FakkWylde [user #46330]
commento del 19/01/2019 ore 10:19:06
Mooer Red Truck, Black Truck, Nux Cerberus, Tech 21 Fly Rig. Con questi c'è poco da programmare.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 19/01/2019 ore 11:00:27
Ma la qualità com’è?
Considera che ho appena venduto un Fulltone OCD v2 e che tra poco metterò in vendita dei pedali della Boss della serie Waza Craft proprio perché non soddisfatto della qualità ...
Io cerco una soluzione semplice ma deve essere di livello, altrimenti rischio di compromettere il suono degli altri miei strumenti che sono abbastanza importanti.
Vorrei evitare di perdermi nello sterminato mondo dei pedalini ... Vediamo se è possibile; altrimenti mi ci perderò ...

Grazie e buon weekend,

Marco
Rispondi
di FakkWylde [user #46330]
commento del 20/01/2019 ore 10:17:21
Non posso parlare per esperienza personale. Riguardo Mooer Ge200 e Headrush Pedalboard invece si.
Ti consiglio la Gigboard a questo punto. Ogni parametro è facilmente raggiungibile da touchscreen. Però la sezione Drive non è fornitissima. Sul sito Headrush trovi la lista effetti e nel gruppo facebook il pdf che riporta a cosa cosa è ispirato l'effetto.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 20/01/2019 ore 16:27:41
La Gigboard l'avevo presa in considerazione.
È vero che non ha tantissimi effetti ma questo per me non sarebbe un problema.
Il problema è che dovrei programmarla e che, non avendo controlli analogici, per fare modifiche al volo dovrei comunque navigare tra menu ...
Il touchscreen aiuta ma non è rapido come un manopolone old school.

Marco
Rispondi
di FakkWylde [user #46330]
commento del 20/01/2019 ore 17:16:45
Non devi navigare da nessuna parte: clicchi sul pedale che vuoi modificare e ti appaiono i controlli a schermo. Di sicuro è il più intuitivo dei vari Fractal e Helix.
In ogni caso puoi duplicare il rig con un click e impostarlo già per ogni chitarra che ti serve.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 21/01/2019 ore 18:40:42
In effetti tutti dicono e scrivono che come interfaccia è molto più user friendly rispetto a Fractal e Helix.
E la qualità sembra essere più che buona. Visto che hai la Pedalboard, puoi dirmi qualcosa in proposito?
Però a me le simulazioni di amplificatore non interessano (potrei usarle per suonare in cuffia con le basi che ho nell'iPod ...) e gli effetti sono veramente pochi. Intendiamoci: rispetto alla Carl Martin sono tantissimi; però in assoluto, se decido di fare il "grande passo" e di comprare una pedaliera digitale, sono pochi.
Ci devo pensare.
Grazie comunque per il consiglio.

Marco
Rispondi
di FakkWylde [user #46330]
commento del 22/01/2019 ore 11:48:05
Onestamente l'unico paragone che potrei fare è con il wha (pessimo di headrush) e paragonarlo al Cry Baby Zakk Wylde. Ho anche distorsore e chorus MXR, sempre ZW signature, ma li ho sempre utilizzati davvero di rado.
Ho preso la pedalboard per ridurre l'ingombro o facilitarmi nelle serate, non è semplice utilizzare un valvolare in un pub di piccole dimensioni.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 22/01/2019 ore 23:33:14
Capisco che per suonare in giro la Pedalboard possa essere un'ottima soluzione. Se avessi questa esigenza probabilmente mi digitalizzerei anch'io.
Sulla Pedalboard gli effetti non li usi? La usi per sostituire l’amplificatore e ti porti i pedali per gli effetti?

Marco
Rispondi
di FakkWylde [user #46330]
commento del 23/01/2019 ore 17:42:40
No no, li uso eccome. Semplicemente nell'analogico ho sempre tenuto catene molto corte (wha, distorsore, flanger, chorus). Spesso il solo wha.
Però, avendoli a disposizione, riverbero e delay sono sempre presenti. Idem per il boost, il doubler per le acustiche, il multi chorus per suoni anni 80.
Non sono più limitato dal fatto di comprare un nuovo effetto da provare. Ce ne sono tanti e puoi concentrarti sulla personalizzazione della canzone. E alla pressione di uno switch si attivano e disattivano in blocco tutti gli affetti che vuoi.
Le uniche cose esterne che collego sono il droptune della digitech per abbassare l'accordatura al volo e il wha. Il primo perché purtroppo non è presente e il secondo perché lo preferisco a quello della pedalboard.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 23/01/2019 ore 21:13:46
Grazie!
Adesso è tutto più chiaro ... o, meglio, non lo è per niente!
Le alternative sono diverse e ognuna con i suoi pro e contro.
C’è di buono che la qualità pare sempre essere abbastanza alta, sia con una pedaliera analogica tipo la Carl Martin che con una digitale (HeadRush, Line 6 o Fractal che sia).

Marco
Rispondi
di Enzosan [user #26341]
commento del 19/01/2019 ore 11:47:50
Ciao Marco, oltre al Carl Martin Quattro, penso che la soluzione ideale per te sia quella di farti fare una pedaliera da Jam pedals. Oltre a configurarla con pedali analogici di qualità hai anche la possibilità di aggiungere l'accordatore.
vai al link
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 19/01/2019 ore 12:16:55
È una possibilità che posso valutare.
Però non credo che abbia l'alimentazione integrata come il Carl Martin e quindi un buon alimentatore lo dovrei comprare ugualmente.
Posso provare a configurarla e chiedere un preventivo.
A me potrebbe bastare un doppio overdrive, un chorus ed un delay.
Grazie per il consiglio.

Marco
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 19/01/2019 ore 20:02:19
Mai vista una cosa del genere ! Che grandissima figata, le pedaliere più belle del mondo, grazie per la segnalazione se non altro per cultura personale visto che io ce ne ho 2 assemblate da me che mi soddisfano parecchio.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 19/01/2019 ore 21:43:54
Eh sì, sono bellissime.
Però oggi il Carl Martin Quattro si trova in vendita a meno di 450 euro e non so se la differenza di prezzo sia giustificata.
Dovrei chiedere un preventivo e valutare.

Marco
Rispondi
di wo [user #11945]
commento del 19/01/2019 ore 16:44:52
Ciao, una soluzione sicuramente di qualità, è la Line6 helix HX effects. Pedaliera dedicata esclusivamente agli effetti.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 19/01/2019 ore 21:41:07
Ciao! Avevo preso in considerazione il prodotto però l'ho escluso per la stessa ragione per cui ho escluso il Fractal FX8, che era la mia prima scelta. Dovrei programmare dei preset e, se cambio chitarra o regolazioni dell'amplificatore, non essendoci controlli analogici, non credo sia facile fare aggiustamenti al volo.
Sbaglio?

Marco
Rispondi
di wo [user #11945]
commento del 20/01/2019 ore 00:27:0
Non lo so, non possiedo la hx effects, ma penso che lo stesso valga per qualsiasi multieffetto digitale. Forse la quattro di carl martin può fare al caso tuo o la fly rig di tech 21 (RK5).
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 20/01/2019 ore 15:10:58
Penso anch'io.
La Carl Martin e la T-Rex sicuramente potrebbero fare al caso mio.
Come anche una pedaliera Jam Pedals costituita da pedali scelti da me. Però non so se il gioco vale la candela.

Marco
Rispondi
di wo [user #11945]
commento del 20/01/2019 ore 16:11:51
Ti consiglio di dare un'occhiata anche alla Fly Rig5 (sta per uscire la v2), è analogica, niente usb e fa esattamente quello che stai cercando, tipo Quattro, ma secondo me anche meglio. Tech 21 non sono gli ultimi arrivati;)
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 20/01/2019 ore 16:22:2
Ho visto la versione v2.
Però non ha il chorus, che a me servirebbe, e ha la simulazione dell'amplificatore, che a me non serve.
Anche il riverbero non mi serve perché quello del Carr è eccellente.
Mi sembra più indicata per andare diretta in un sistema PA senza portarsi dietro l'amplificatore.

Marco
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 20/01/2019 ore 09:49:45
Dai tuoi commenti, credo che la Carl Martin possa fare al caso tuo, la qualità in quel Brand c'è tutta e più semplice di così non si può.
Il Boost (che può essere utile) e il Tuner li puoi sempre aggiungere.
Oppure ti gestisci con un pedale volume.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 20/01/2019 ore 15:14:30
Credo che sarà questa la scelta che farò.
Se poi si dovesse rivelare limitata, in futuro posso sempre comprare la Fractal (o quello che ci sarà) oppure rassegnarmi ai pedalini singoli.

Marco
Rispondi
di gl68nav [user #9185]
commento del 20/01/2019 ore 16:17:43
Nux Cerberus. Compatto, leggero, programmabile, flessibile. Ma, al contempo, semplice, intuitivo, quasi elementare. I suoni sono molto buoni (ma ognuno ha i propri gusti, ci mancherebbe!) e consente di fare davvero molte cose. E il suo prezzo oramai si aggira sui 250 euro (cioè, poco meno di un paio di pedali di qualità media).
Rispondi
di Logan72 [user #20857]
commento del 20/01/2019 ore 22:09:04
Guarda, io ho da qualche mese la hx effect. All'inizio intendevo utilizzarla solo per effetti ambiente, come integrazione ai miei pedali analogici in una pedalboard affollata.... Ho finito per eliminare tutto e usare solo la hx. Overdrive e distorsioni comprese. Chitarra, hx, e ampli. Stop. Se proprio vuoi esaggerare ci butti dentro due pedali di espressione ed il gioco è fatto. Vale la pena di investire un paio d'ore per apprendere le impostazioni di base. Se poi lo colleghi ad un PC, almeno per iniziare, ti fai due o tre catene effetti che ti servono e sei arrivato. Al cambio chitarra puoi intervenire comunque sui singoli effetti per regolazioni on air. Anche se io, per le tue stesse esigenze, ho preferito farmi due pedalboard virtuali identiche, con la sola variazione dei livelli di gain e volume (alterno una strato ad una Les Paul)
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 21/01/2019 ore 18:34:05
Sei il secondo che mi consiglia l'HX Effects.
In effetti sembra suonare bene e ha eccellenti recensioni.
Peccato la mancanza del display grande che hanno le pedaliere Helix.
Certo però che è un oggetto diverso da quello "con tre manopoloni old school" che avevo in mente.
Ha molti più effetti ma richiede che io mi metta a programmare un po'.
Devo capire se ho voglia di farlo o se a prevalere è la mia pigrizia.
Però, se supero questo ostacolo, posso riprendere in considerazione anche il Fractal FX-8.

Marco
Rispondi
di diderot7 [user #38340]
commento del 21/01/2019 ore 12:09:02
Io ho la Quattro della Carl Martin e sicuramente la qualità è alta e credo che per il Carr sia adeguata (tempo fa ho provato un Carr Rambler solo chitarra e cavo e ancora non mi sono ripreso, bellissimo). La uso su un Tech 21 Trademark 60 (transistor) e ti posso assicurare che il compressore è bello (e può essere usato anche come boost per gli overdrive), così come il chorus e il delay (il cui tempo però può essere impostato solamente tramite il tap). Gli overdrive sul pulito non sono male ma migliorano se l'ampli ha un filo di distorsione. Resta però il fatto che i due overdrive oltre ad avere la stessa pasta non hanno volumi separati. Io ho dovuto aggiungere un booster e un accordatore.
La T Rex non ho mai avuto modo di provarla e avrei tanto voluto metterla a confronto. Come plus ha il fatto che si possano salvare i loop degli effetti e che avesse un boost e un accordatore ma anche a me non convinceva la mancanza del chorus e la qualità degli effetti.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 21/01/2019 ore 19:08:26
Finalmente uno che ha la Carl Martin!
Premetto che normalmente il mio Carr (che non è il Rambler ma il Mercury V, completamente diverso) non è mai impostato per un suono pulito ma sempre per un leggero crunch. Poi è un amplificatore estremamente dinamico e tutto dipende dalla mia pennata.
Ciò premesso, sulla base della tua esperienza, è possibile impostare l'overdrive in modo tale da ottenere suoni adatti alla fusion o ad assoli in stile John Mayer? Il fatto che i due overdrive abbiano lo stesso controllo di tono non mi esalta molto ... Ed effettivamente, come noti tu, hanno pure lo stesso volume.
Hai mai avuto modo di metterla a confronto con le "diavolerie" digitali che mi hanno consigliato gli altri amici accordiani?
Grazie in anticipo e buona serata,

Marco
Rispondi
di diderot7 [user #38340]
commento del 22/01/2019 ore 11:12:54
Gli overdrive sono in stile plexi (non propriamente uguali alla plexitone della Carl Martin) però con una chitarra con i single coil non troppo spinti puoi forse ottenere qualcosa di quello che hai in mente (vedi per es. vai al link). Inoltre credo che puoi utilizzare il compressore e il controllo di tono (veramente efficace) per arrivare ai suoni che hai in mente.

La Quattro l'ho confrontata solamente con la mia Zoom G3 ma non c'è paragone. La G3 è una pedaliera digitale economica che non è male per le modulazioni ma niente di che per le distorsioni.
In sala prove ho sentito al volo la Nux Cerberus (che ha overdrive e distorsore analogici) di un mio amico ma non ho fatto confronti approfonditi. Ha la comodità dei preset con il salvataggio delle impostazioni e di avere più effetti (però digitali).

Sarebbe interessante poter confrontare la Quattro con quanto ti hanno suggerito.
In ogni caso su mercatino si trova usata intorno ai 300 € e secondo me mantiene bene il valore (come tutti i pedali analogici di qualità) nel caso non fossi soddisfatto e volessi rivenderla.

Ciao,
Matteo
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 22/01/2019 ore 23:42:28
Ciao Matteo,

su un sito tedesco che forse qualcuno conosce è in vendita nuova a 435 euro. Con trenta giorni di tempo per decidere se tenerla o meno.
Al momento sembra essere la soluzione migliore per le mie elementari esigenze.
Però anche altre soluzioni che mi hanno proposto meritano di essere approfondite.
Credo che mi serva ancora un po’ di tempo.

Marco
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 21/01/2019 ore 20:09:49
Vai a vedere anche la MultiOne di MS Sound. Roba Italiana di qualità.
E' una figata analogica, anche se costicchia un po' é veramente un bell' oggetto e si può avere in diverse configurazioni, anche con finale di potenza incorporato.
Rispondi
di Foolonthehill [user #36553]
commento del 22/01/2019 ore 23:28:20
Non la conoscevo e sono andato sul sito a fare un giro.
Purtroppo mi sembra di aver capito che non si può avere senza finale di potenza, che a me non serve.
Peccato perché in effetti il genere è proprio quello che interessa a me.
Grazie per avermi fatto conoscere questo marchio.

Marco
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
MTG: distorsore Fender con mini-valvola
David Gnozzi - RECnMIX Meet The Pro
Corrado Rustici e Peppino D'Agostino assieme per un disco sensazionale...
Cool Gear Monday: Mr Horsepower
L’OCD torna alle origini in serie limitata
Bose al Mi Ami Festival
Boss WL-60: wireless multicanale in formato stompbox
Suonare la chitarra in terrazza
Sezioni intermedie e accordature drop da Ernie Ball
Digitali Boss nel piccolo formato: arriva la serie 200
Quali pedali sono indispensabili per suonare il basso? - Parte 2
Gov't Mule annuciano l'uscita di "Bring On The Music- Live at The Capi...
Torna la rara Supro Tri Tone
Matt Bellamy acquisisce Manson Guitar Works
Quali pedali sono indispensabili per suonare il basso? - Parte 1

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964