CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

guardare manico mentre suoniamo

di [user #48998] - pubblicato il
Ciao a tutti!
Mi chiedevo, ma è importante per voi guardare il manico della chitarra mentre suonate?
Come fate quando salite su un palco completamente al buio, e iniziate a suonare  senza  un filo di luce?
Avete dei riferimenti tipo segnatasti luminescenti al buio??
E quando suonate normalmente anche senza buio su un palco o in saletta  , guardate spesso il manico?
 
È importante secondo voi avere dei segnatasti sulla tastiera, oppure suonate disinvolti senza confusione anche senza di questi?
Io continuo a guardare il manico come gestualità, anche se vedo solo un tratto nero perche con gli anni sono diventato ipovedente, , ormai per me suonare al buio o bendato o senza segna tasti mi cambia poco, anche se il gesto di continuare a tenere lo sguardo sulla tastiera mi è rimasto, e mi chiedevo cosa ne pensate voi sul fatto di guardare o no il manico e i suoi riferimenti.
Grazie a tutti un saluto:)
Dello stesso autore
un brano e due dediche
un omaggio ad un compositore britannico
Spring In Bologna
Rebel Yell suonare il riff
The-Beatles da me rivisitati
The-Flintstones swing a modo mio
7 pentatoniche per un dominante
questo era un locale D.O.C.
Loggati per commentare

di Johnny92 [user #43424]
commento del 31/01/2019 ore 14:15:46
Premetto col dire che non ho segnatasti luminosi sulle mie chitarre.
Dipende dalle situazioni. Ad esempio nel gruppo col quale sono anche cantante mi risulta impossibile guardare il manico, anche perchè, con la testa, sono rivolto sempre verso il microfono, quindi ci do un'occhiata soltanto negli assoli. Inoltre, le canzoni che facciamo con questo gruppo le conosco fino alle virgole.
Con l'altro gruppo invece, del quale non sono il cantante ma faccio solo qualche coro, la cosa cambia. Mi ritrovo a guardare molte più volte il manico, anche perchè la situazione me lo permette e le canzoni sono un po' più complesse, quindi ci sta, almeno evito di sbagliare tanto.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 15:41:44
grazie per la tua testimonianza, si in effetti metre si canta ti voglio vedere abbassare lo sguardo, ahahahahah:)
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 31/01/2019 ore 14:22:02
Ma perché uno dovrebbe suonare nel buio più totale? 😂😂😂😁😁😁
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 15:32:54
no certo, ma capita nei grandi palchi, quando sali non ci sono luci e attacchi al buio, anche Massimo Varini in un video racconta che ha una chitarra apposita con i pallini luminescenti, che gli fanno comodo proprio in quei frangenti.
a me invece capita di suonare al buio nel mio studio, mentre sto registrando davanti al pc e magari ho iniziato a comporre e registrare che era giorno e poi diventa notte e non me ne rendo conto e continuo a suonare a luce spenta, ahahahaha
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 31/01/2019 ore 15:09:23
Io devo guardare il manico mentre suono.
Oggi poi che la vista da vicino (colpa dell'età) è calata, è meglio se uso gli occhiali per suonare.
Io evito accuratamente di suonare al buio totale, non abbiamo queste esigenze, e non ne vedo il motivo.
Credo che tu, da ipovedente, abbia sviluppato capacità sensoriali tattili che noi non abbiamo.
Poi tu suoni molto bene, quindi onore al merito e alle tue capacità.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 15:38:45
no ma forse sono stato frainteso, intendevo se vi è mai capitato di trovarvi in un frangente di un live, tipo inizio concerto quando le luci sono totalmente spente, e magari il buio vi ha spiazzato, ci mancherebbe, io non sono un supereroe da i poteri extrasensoriali stile uomo ragno o daredevil, per me ormai è abitudine non usare gli occhi per suonare, e mi chiedevo appunto se alcuni di voi anche quando suonano non guardano il manico e tutto il resto che ho scritto
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 31/01/2019 ore 16:17:29
No più o meno avevo capito, a me non è mai capitato il buio con luci totalmente spente.
Evito accuratamente che questo accada.
Da ragazzino suonai in un musicol a teatro, completamente autoprodotto dal mio gruppo di amici, eravamo dietro a pannelli scenografici, che venivano anche spostati, lì mi è capitato il buio, e ricordo di non essere stato a mio agio.
Comunque non intendevo superpoteri, ma sensazioni tattili diverse è normalissimo che ci siano, che fanno sopperire alla condizione di minore vista.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 17:59:29
si si certo, la mia sui superpoteri era una brutta battuta, e ovvio che quando non funziona + un senso, sviluppi di + gli altri.
comunque bello il racconto del musical, deve essere stata una bellissima esperienza, grazie della testimonianza
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 01/02/2019 ore 08:25:47
Comunque guardo costantemente il manico solamente nel caso di assolo, altrimenti il mio sguardo passa dal guardare la chitarra al guardare altri della band o il pubblico, non sono assolutamente fisso sul manico.
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 31/01/2019 ore 15:35:35
Ciao TramSteve,
io si , ci guardo parecchio alla tastiera, mi dà riferimento. Tu nel tempo ti sei abituato come ci riferisci ma il mantenere la gestualità credo ti aiuti lo stesso, poi è chiaro la tua esperienza fa il resto. Anche i segnatasti, non ne potrei fare a meno. Sfortunatamente non suono live, perciò non ho bisogno di diavolerie luminose...
Ciao !
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 15:44:52
ciao Marcello, si ti capisco, è vero la gestualità è dura da togliere, mi ricorda certi ex fumatori, che hanno smesso da anni, ma ancora cercano d'istinto la sigaretta o il pacchetto nel taschino;)
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 31/01/2019 ore 16:42:41
durante il cazzeggio casalingo non ne strettamente neccessità anche perchè spesso suono mentre mi riguardo per la milionesima volta un vecchio film in dvd.

dal vivo invece mi sarebbe impossibile suonare senza guardare quello che faccio perchè il genere che faccio (Thrash Metal) è abbastanza tecnico, veloce e si tende a saltare da un estremo all'altro della tastiera parecchie volte durante i brani: uno dei miei soli in un brano è praticamente una scala orizzontale, parto dal 4° tasto e finisco al 21° tra spostamenti avanti e indietro.

anche in sala mi capita di non guardare quello che faccio ma di controllare di nascosto che basso e altra chitarra stiano suonando i riff giusti, per poi correggerli a fine brano.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 17:52:10
si immagino sia il tutto molto complesso, ma credo anche che a forza di farle certe scale prima o poi ti verranno in automatico anche senza guardare
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 31/01/2019 ore 17:27:2
Ciao Steve!
Dipende dallo strumento e dalla confidenza che ho. Con la batteria spesso e volentieri chiudo gli occhi mentre suono per godermi meglio la musica, per sentirla più mia, e non avrei nessun problema a suonare al buio.
Chiaro, devo aver piazzato prima i componenti nei posti in cui sono solito trovarli, se no partono dei lisci clamorosi.
Con la chitarra (o il basso) purtroppo non ho ancora questa confidenza quindi se sono brani semplici dove devo solo accompagnare riesco a distogliere lo sguardo e magari anche a canticchiare, se sono brani più complessi (per me, quasi tutti, data la mia notoria scarsità) devo tenere gli occhi incollati al manico e sudare freddo per calibrare ogni movimento.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 17:54:21
ciao carissimo, bello, non sapevo che suonavi + strumenti, che invidia ti stimo molto:)
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 01/02/2019 ore 10:00:28
Beh l'invidia è reciproca, sei bravissimo!
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 01/02/2019 ore 13:52:13
sei troppo gentile! 🤗
Rispondi
di bulgi81 [user #45146]
commento del 31/01/2019 ore 17:53:08
Dipende da quello che sto suonando e se devo anche cantare. Tendenzialmente se sto suonando accordi o comunque ritmiche non complicate riesco a non guardare il manico, anzi spesso cerco proprio di non guardarlo perchè "fa più scena"... Nelle parti più complicate e nei soli è abbastanza inevitabile buttare l'occhio, anzi tenere proprio lo sguardo fisso sul manico (anche se quando faccio il solo di Yellow Ledbetter dei Pearl Jam ho imparato a non guardarla come fa McCready ahahah... ).In genere se guardo la tastiera sono molto più concentrato, ma ci sono passaggi che se mi concentro troppo non mi vengono bene, anzi mi vengono meglio se non li guardo.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 17:56:34
interessante, grazie
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 31/01/2019 ore 18:07:46
Per me tutto dipende dall'esercizio: suono in due gruppi: hard rock uno e power e stoner metal l'altro. Indipendentemente dalla difficoltà del brano, se braccio e mano hanno già la memoria fisica del gesto, non ho bisogno di guardare, salvi gli assoli più complessi come scriveva pg667: se parti dal XII tasto su una corda e devi passare al XV tre corde sotto per poi arrivare al XXII e tornare al X, magari anche cambiando corda, lì ho bisogno anche del riferimento visivo.
Spesso mi è capitato di suonare in situazioni di poca visibilità, in penombra o abbagliato dai faretti del palco e me la sono cavata anche grazie all'orecchio (piccole correzioni al volo), una volta sola sono andato in forte difficoltà perchè non vedevo e non sentivo, concerto da panico che ha determinato lo scioglimento della band.
Ciao
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 18:14:47
interessante anche questo racconto, grazie ciao
Rispondi
di coprofilo [user #593]
commento del 31/01/2019 ore 19:40:22
Io dal vivo per le ritmiche cerco di guardare il meno possibile, chiaramente quando ci sono cambi di posizione molto repentini, durante i soli o mentre mi muovo sul palco è meglio guardare per evitare errori che suonano male ma cerco di limitare al massimo, quando sono nel pubblico non mi piace vedere i musicisti che guardano in continuo il manico.
A casa invece guardo per memorizzare meglio, li non mi vede nessuno!
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/01/2019 ore 19:48:28
A casa invece guardo per memorizzare meglio, li non mi vede nessuno.. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!
grande sei un mito!
Rispondi
di fa [user #4259]
commento del 01/02/2019 ore 08:10:20
Ciao, dipende da quello che suono. Se hai una parte davanti non puoi permetterti di guardare il manico o perdi il segno. Se sto suonando con la band parti non soliste e sono su un palco, cerco di non guardare troppo il manico se non è strettamente necessario. Durante le parti soliste o più complicate guardo sempre il manico. Non mi è mai capitato di dover fare cose difficili su un palco buio... ma se dovesse succedere sarei in difficoltà! Come soluzione studierei la parte in modo ossessivo in modo da renderla facile...ma dovrei saperlo da subito. Ciao! Fab
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 01/02/2019 ore 13:58:32
ciao, si certo le partiture ti obbligano a tenere gli occhi su di esse, anche questo è un aspetto importante, anche se credo che non sono tanti i chitarristi che suonano live con uno spartito davanti, tanto di cappello a te e grazie della tua testimonianza:)
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
David Gilmour racconta la Black Strat
Phil Demmel mostra le sue due Fury
Boomwhackers: la didattica innovativa
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964