CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Namm 2019: Duesenberg
Namm 2019: Duesenberg
di [user #116] - pubblicato il

Starplayer, 59er, Double Cat e Paloma si vestono tutte di finiture inedite per il 2019. In esposizione anche modelli esclusivi per la lotta contro il cancro.
Il tour attraverso lo stand Duesenberg ci conduce in una sfilata di colori sfavillanti. I grandi classici di casa e i modelli più estrosi del brand tedesco arrivano al Namm di Los Angeles con nuove vesti estetiche. Tra loro le Starplayer TV III con buca a effe e finiture brillantinate, ma non mancano le single cut 59er che coprono la loro cassa in mogano chambered con burst, vernici dorate e un’appariscente finitura a squame di rettile in rilievo.
La Double Cat, affascinente thinline di casa segue il trend e a farle compagnia c’è la Paloma, offset di casa con un fascino vintage e sistemi vibrato Duesenberg a dar vita a un suono retrò e versatile al tempo stesso.

Per il Namm 2019, lo stand Duesenberg ospita anche due modelli in edizione limitata in un’esclusiva finitura rosa per l’iniziativa Stand Up To Cancer, allo scopo di sensibilizzare sul tema del tumore al seno e per raccogliere fondi per la ricerca attraverso la vendita, aste ed eventi esclusivi come il recente Imperial Ball.

chitarre elettriche duesenberg namm show 2019
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Sito Duesenberg
Duesenberg in rosa contro il cancro
Sito del distributore Aramini
In vendita su Shop
 
Jack plate rettangolare non assemblato black
di Chitarre e componenti
 € 4,00 
 
Meyer BA-3 M6M Sax Tenore 6
di Banana Music Store
 € 153,00 
 
PAISTE - SIGNATURE PRECISION RIDE 20 PA PPARR20 SIGNATURE PRECISION RIDE 20"
di Music Works
 € 330,90 
 
Fender JAZZ BASS STANDARD SUNBURST + BORSA FENDER. Spedito Gratis
di Dream Music Studio
 € 669,00 
 
Sabian EL20R CRESCENT ELEMENT RIDE 20"+ borsa. Spedito Gratis
di Dream Music Studio
 € 398,00 
 
Meccaniche J55 6x black
di Chitarre e componenti
 € 35,00 
 
Quik Lok NS-195
di Banana Music Store
 € 9,50 
 
FENDER - CP-60S Parlor WF Sunburst 0970120032
di Music Works
 € 189,00 
Nascondi commenti     12
Loggati per commentare

di warburg [user #43590]
commento del 02/02/2019 ore 15:46:52
Belle è dire poco!
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 02/02/2019 ore 17:24:33
Ho provato di recente un modello fuori produzione, la CC440...esteticamente mi e' subito piaciuta molto ed infatti mi interessava scambiarla con una Les Paul che ho in vendita, le finiture ed i particolari assolutamente impeccabili: non una sbavatura, non una vite leggermente fuori posto, sensazione di solidita' ed affidabilita', tastiera e suonabilita' impeccabili ma a a livello sonoro niente che faccia pensare a qualcosa di nuovo....le PRS per esempio, soprattutto quelle che NON montano i Dragon sono chitarre originali da un punto di vista sonoro, hanno portato qualcosa di originale dal punto di vista timbrico, queste Duesemberg ottimamente costruite alla fine non mi sembrano ne' carne, ne' pesce soprattutto perche' non hanno da un punto di vista timbrico quell'impronta rockabilly che dovrebbe essere lo specchio dell'estetica....
Naturalmente questa e' solo la mia opinione frutto della prova di un solo esemplare, mi auguro di avere la possibilita' di provarne altre e di farmi un'idea piu' precisa e con molti piu' riscontri ma al momento, pur ammettendo la bellezza di alcuni modelli e ottima qualita' costruttiva e di finitura che ho riscontrato se volessi avere una "chitarra di quel tipo" ora come ora mi fionderei senza dubbio su una Gretsch anche se penso che siano fatte meno bene delle Duesemberg ma hanno "quel" carattere che alle Duesemberg credo manchi.
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 02/02/2019 ore 18:07:29
In realtà credo (ripeto, credo) che le Duesemberg non vogliano avere un'impronta così marcatamente rockabilly e che si rifacciano più che altro alle Gibson dei tempi d'oro in chiave vagamente art deco... Guardando anche la lista degli endorser si nota una quasi totale maggioranza di rocchettari.
La mancanza di originalità che segnali invece non mi stupisce, i prodotti tedeschi sono rinomati per la qualità ed il livello tecnologico, quais mai per essere rivoluzionari.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 02/02/2019 ore 18:24:
mah...le Gibson dei tempi d'oro sono come le Gibson di oggi.....Parlando di Duesemberg a me quegli inserti metallici, il taglio del battipenna con quel lato scalinato, le cromature mi danno subito l'idea di una chitarra che, esteticamente richiama gli anni 50/60....non so quanti anni tu abbia ma a me che sono nato nel '62 quelle parti cromate mi ricordano molto gli elettrodomestici che aveva mia nonna
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 03/02/2019 ore 02:23:58
Gli elettrodomestici della nonna in effetti sono vagamente art deco... Quando dicevo che si rifanno alle Gibson intendevo più che altro a livello timbrico. Humbucker, P-90, ponti fissi o Bigsby, comunque molto Gibson.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 03/02/2019 ore 02:59:20
Io ho una Starplayer Tv e confermo quello che dici, non hanno un anima rockabilly.
L’estetica forse sì ma il suono è molto diverso. La mia non ha il twang caratteristico delle Gretsch.
Interessante, secondo me, è l’accoppiata di pickups, il P90 al manico e l’humbucker al ponte, il tremolo che è il migliore che abbia mai provato, sia come stabilità che come utilizzo. Io la uso più come chitarra Jazz, con il P90, oppure rock conl’humbucker. È molto versatile ma non apporta nessuna novità timbrica, sono d’accordo.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 03/02/2019 ore 02:59:22
Io ho una Starplayer Tv e confermo quello che dici, non hanno un anima rockabilly.
L’estetica forse sì ma il suono è molto diverso. La mia non ha il twang caratteristico delle Gretsch.
Interessante, secondo me, è l’accoppiata di pickups, il P90 al manico e l’humbucker al ponte, il tremolo che è il migliore che abbia mai provato, sia come stabilità che come utilizzo. Io la uso più come chitarra Jazz, con il P90, oppure rock conl’humbucker. È molto versatile ma non apporta nessuna novità timbrica, sono d’accordo.
Rispondi
di shaggy [user #6415]
commento del 04/02/2019 ore 08:21:18
Confermo in toto quello che dici. Ho posseduto per un annetto una Sterplayer TV ma, nonostante l'adorassi esteticamente, non è mai stato vero amore. Legni, costruzione e finiture erano al top della categoria ma quando l'attaccavi all'ampli le mancava sempre quel quid in più per fare la differenza.
Alla fine l'ho data via per prendermi una Gretsch Brian Setzer e confesso di non rimpiangerla per niente..
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 03/02/2019 ore 10:55:42
Belle forti, ma mi viene in mente tutto tranne il rockabilly..
Anche se... Per me si può suonare qualsiasi genere con qualunque chitarra.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 04/02/2019 ore 08:38:22
Sono d'accordo: anch'io sono dell'idea che deve essere il chitarrista versatile e non la chitarra pero' l'estetica delle Duesenberg a me da' subito quell'idea e poi quando la suoni ti accorgi che alla fine una buona Les Paul fa lo stesso lavoro se non meglio....non hai quell'attacco e quel timbro sferragliante che e' perfetto e che otterresti da una Gretsch o da una Rickenbacker.
Rispondi
di lbaccarini [user #14303]
commento del 03/02/2019 ore 14:03:52
A me son sempre piaciute. Alternative più abbordabili di Gretsch e Gibson di fascia alta (che adoro) ma con rapporto qualità prezzo altissimo (le Duesenberg). E un'estetica totalmente azzeccata (a gusto mio).
Il fatto che Joe Walsh, Mike Campbell, Peter Stroud (e parlo solo di quelli che mi sono parsi più convinti dell'endorsement) le abbiano scelte mi pare indicativo.
Prima o poi una la prendo.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 04/02/2019 ore 08:40:04
secondo me le Gibson di fascia alta sono di un altro pianeta....queste Duesemberg se la giocano con le produzioni standard ed allora non sono piu' poi cosi tanto convenienti
Rispondi
Altro da leggere
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
Ibanez amplia le Iron Label con ancora più violenza
Migliorare l’accordatura con Tune-o-matic e Bigsby
Da Nashville a Perugia: restauro di una Telecaster del 1952
La Classic che non ti aspetti
Solar alle sue prime Tele-style
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
Fender a 21 o 22 fret: cosa cambia?
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964