CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Maurizio Solieri: ricordi di Massimo Riva
Maurizio Solieri: ricordi di Massimo Riva
di [user #17404] - pubblicato il

Nel giorno del suo compleanno ricordiamo Massimo Riva, grande artista italiano, chitarrista, cantante, autore, scomparso 20 anni fa. Lo ricordiamo attraverso le parole di Maurizio Solieri suo amico, compagno e alter ego artistico di una vita; con Riva, Solieri ha dato via a quello che probabilmente resta il più grande e amato connubio chitarristico del rock italiano.

Massimo Riva e Maurizio Solieri, a fianco a Vasco o come solisti nella Steve Rogers Band, erano perfetti. Solieri era una esemplare espressione del guitar hero degli anni ’80: belloccio e distaccato, elegante nelle movenze ed esuberante nel look, era capace di stregare tanto i chitarristi bramosi di imparare e copiarne pose, suoni e svisate che le fan. Riva invece, era un ragazzaccio scalmanato, trasandato e sorridente che portava sul palco l’energia e la freschezza del rock più scanzonato e ruspante. Era un chitarrista ritmico straordinario che, proprio in un momento storico in cui il chitarrismo si faceva strabordante ed esagerato, dava sicurezza a chi non si identificava in quel nuovo filone virtuosistico: quella di Massimo era una magnifica chitarra rock che viveva di un approccio essenziale ma solido, curato nei dettagli, fatto di grandi arpeggi, ritmiche decise e suono.
Ma Solieri e Riva non erano solo due espressioni differenti dell’essere un guitar hero, due grandi pregiati strumentisti con il physique du role per fare breccia nell’immaginario rock degli anni ’80: erano due grandi autori, capaci di scrivere ciò che rende davvero imperituro un artista, le canzoni:
"Bambolina", "Alzati La Gonna", "Vivere","Ridere di Te", "Un Gran Bel Film", "Dormi, Dormi" sono solo alcuni dei capolavori della nostra musica leggere in cui Riva e Solieri hanno dato, individualmente o a quattro mani, un contributo.
Di Massimo Riva vanno inoltre menzionate le importanti collaborazioni con altri due giganti della chitarra italiana, Luigi Schiavone e Cesareo.
Per ricordare Riva, abbiamo estrapolato alcuni frammenti di una recente intervista a Maurizio Solieri nella quale l’artista ricorda l’amico attraverso una serie di aneddoti divertenti.
 
 

Con Vasco, tu e Massimo eravate davvero complementari, a partire dalle chitarre: tu con la Stratocaster, lui con la sua Diavoletto…
No, va ricordata una cosa che pochi sanno: la Gibson SG di Riva era mia, l’avevo comperata a rate, in un negozio di Bologna. Tra l’altro, quando la comperai –  era il 1980 o 1981 - io avevo solo due chitarre, due Les Paul. Così, visto che stavamo iniziando a suonare sempre di più, decisi di ampliare il mio parco strumenti e comperai questa SG Special del 1966. Massimo Riva, invece aveva una sola chitarra, una Stratocaster. E per la cronaca, nemmeno quella era sua:  glie l’aveva prestata Vasco...
 
Non si curava molto della strumentazione?
Ti basti sapere che si dimenticava di tutto, persino della tracolla della chitarra. Ogni volta dovevo prestargliela fino a che, un giorno, esasperato da quelle sue continue dimenticanze, gli dissi di arrangiarsi, di salire sul palco usando una corda di chitarra come cinghia! E così successe e Massimo fece un concerto usando uno spago al posto della tracolla!
E succedeva sempre così: rompeva una corda e visto che non aveva il cambio veniva direttamente a prendersi una mia chitarra. Poi sai, lui era una furia sul palco e si buttava di continuo a terra! Per me, che sono sempre stato uno molto precisino, attento alla strumentazione che tratta gli strumenti con cura, vederlo fare quelle cose con la mia chitarra al collo era una sofferenza…
 
E quindi?
Quindi un giorno, decisi di tagliare la testa al toro e di regalargli la mia Gibson SG. Finalmente avrebbe avuto due chitarre e avrebbe smesso di tormentarmi.
 
Quella per la chitarra era una passione forte che vi accomunava...
Certo! Per esempio, quando esplose il fenomeno Van Halen, il tapping e tutto quel modo di suonare spettacolare io e Massimo andavamo a vedere dal vivo Ricky Portera con Lucio Dalla. Portera era il primo a praticare quel mondo chitarristico. E poi, sul palco con Vasco, ci divertivamo a emularlo, sperimentando quelle cose pazze: le due mani sulla tastiera della chitarra, i dive bomb con la leva…

Maurizio Solieri: ricordi di Massimo Riva
 
Il successo non aveva inficiato la voglia di divertirsi, ll vostro essere amici…
Io e Massimo, con la Steve Rogers Band, eravamo degli ottimi musicisti cresciuti però sulla strada; Siamo diventati professionisti in corso d’opera, grazie al successo di Vasco che c’è esploso tra le mani. Quando abbiamo iniziato a girare con i tour bus, a calcare i grandi palchi, ci sentivamo come i Rolling Stones! Ma restava viva l’amicizia, la freschezza del rapporto, il divertimento, quella solarità che ci ha sempre pervaso. Noi si prendeva la musica con grande serietà, il lavoro in studio era molto impegnativo e facevamo tutto con il massimo dell’impegno. Ma l’aspetto conviviale, l’amicizia, le grandi cene e tavolate, le serate a caccia di ragazze restavano un elemento unico, prezioso.
 
Immagino che il periodo con la Steve Rogers Band sia stato uno spasso…
Sì. Anche perché rimarcava ancora di più quanto fossimo innamorati della musica, della gioia di stare assieme per andare a suonare. Nel 1988 abbiamo portato in tour “Alzati La Gonna”, il disco del grande successo della Steve Rogers Band. E dalle situazioni oramai quasi faraoniche di Vasco si tornava calcare palchi più contenuti e a girare, in piena estate, con un pulmino senza aria condizionata, soprannominato “Il Fuocano”. Ma noi eravamo felici, entusiasti: che problema c’era? Suonavamo la nostra musica, tra di noi, tra amici.

interviste massimo riva maurizio solieri steve rogers band vasco rossi
Link utili
La pagina di Massimo Riva
Il sito di Maurizio Solieri
Acquista "Dentro e Fuori dal Rock'n'Roll"
Nascondi commenti     8
Loggati per commentare

di Desmo8 [user #38806]
commento del 27/02/2019 ore 22:39:34
Grande Massimo resterai sempre nei nostri cuori.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 28/02/2019 ore 11:31:51
Bell'articolo e bella intervista, momento di nostalgia per un periodo ed un mondo chitarristico che non c'è più, spavaldo e innocente al tempo stesso....naif ed esuberante, bello ricordarlo attraverso un artista e musicista come Riva, grazie Gianni :D
Rispondi
Loggati per commentare

di ADayDrive [user #12502]
commento del 28/02/2019 ore 12:33:37
I tre capisaldi della vita emiliana nel giusto ordine: lavoro, tavola e gnocca.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 28/02/2019 ore 19:15:35
bella intervista.. troppo forte Solieri!
Rispondi
di Luippo [user #44202]
commento del 02/03/2019 ore 01:06:48
Grande articolo di Gianni - due icone per la chitarra Italica senza dubbio. Tra l`altro mi ricordo quell`estate si sentiva Alzati la gonna anche in Inghilterra
Rispondi
di joe 67' [user #4443]
commento del 02/03/2019 ore 14:28:40
Ho sentito per la prima volta Massimo dal vivo nell' estate del 1983 in una discoteca di Rimini o Gatteo a mare, non ricordo di preciso. Non volevo andare, ma il batterista ed amico con cui ero in ferie insisteva senza tregua. Alla voce Vasco.
Tutto perfetto, palco e suoni professionali, una grande band.
Io ascoltavo solo Deep Purlple, Zeppelin, Acdc, Stones, ed Aerosmith, i classici…
Mi sono dovuto ricredere, grandi musicisti, preparati, coesi e molto cazzari…
Bravissimi, da brivido. Un tiro bestiale, Massimo una ritmica precisa, gran suono. Una serata fantastica, Maurizio Solieri bravissimo con un suono enorme, un ricordo bellissimo. A completare il tutto, un mare di gnocche.. Grande Massimo, riposa in pace.
Rispondi
di Oblio [user #43248]
commento del 03/03/2019 ore 11:58:30
Grazie per l'articolo e per aver ricordato un grande vero rocker italiano .
Ti saluto con le parole di Gallo
vai al link
Rispondi
di pingone [user #43835]
commento del 04/03/2019 ore 16:27:49
grande massimino, immenso solieri!!! ancora non riesco a capire chi o cosa pone l'ostracismo verso la pubblicazione di un nuovo album della steve rogers band... penso che a "qualcuno" molto famoso un ritorno della Srb possa essere molto sgradito...
Rispondi
Altro da leggere
Doug Aldrich: tecnica, fraseggio e tante dritte sul suono
Pennata Alternata con Steve Morse
Intervista a Steve Vai: da Flex-Able a Passion And Warfare
Billy Gibbons, icona e massimo esperto di "Tone"
Billy Gibbons: esercitarsi a casa
Come si esercita Paul Gilbert
Robben Ford: Blues & arpeggi alterati
Come suonare "Rockin' in the Free World" di Neil Young
Ricky Portera e l'assolo de "L'Ultima Luna" di Dalla
Ricky Portera: l'assolo di "Ayrton"
Poggipollini: un assolo "Per le strade di New York"
Federico Poggipollini: come suonare "Certe Notti"
Cesareo sul Kemper: "Pappa pronta ma non impari a cucinare"
Cesareo: uscire dalla stanzetta
Maurizio Solieri: al grosso pubblico la musica non interessa
Maurizio Solieri: "Dentro e Fuori Dal Rock'n'Roll"
Maurizio Solieri: " Troppo artisti per farci da manager"
Maurizio Solieri, curiosando "Dentro e Fuori dal Rock'n' Roll"
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964