CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Sette consigli per un concerto più smart
Sette consigli per un concerto più smart
di [user #116] - pubblicato il

Torniamo a parlare di attività live. Essere dei bravi musicisti, ovviamente, è il requisito decisivo per essere apprezzati durante i concerti. Ma non è l’unico necessario da coltivare per essere certi di trovare le serate e, soprattutto, per garantire continuità a questa attività. Recentemente abbiamo suggerito qualche dritta per accaparrarsi le date. Oggi proponiamo sette consigli per gestire il concerto in maniera più snella e professionale. Un importante segno di maturità e competenza che, di sicuro, ci farà apprezzare ancora più da chi ci ha ingaggiati.

La prima cosa da mettere a fuoco prima di snocciolare i nostri suggerimenti è chiarire esattamente il ruolo e il peso che avrà la nostra performance. Ci siamo concentrati soprattutto su chi suona nei locali, o comunque in situazioni in cui è stato ingaggiato per offrire un servizio di intrattenimento musicale di qualità. E ci siamo rivolti a quella fascia di artisti, musicisti e band, che ancora non possono permettersi il lusso di una produzione che si faccia carico dell’allestimento, montaggio e smontaggio di tutto il loro spettacolo, lasciando a loro solo l’onere e onore di suonare.

Sette consigli per un concerto più smart

In tale situazione, ordine e organizzazione sono gli elementi più importanti. Siamo stati ingaggiati per fornire un servizio al locale o all’evento che ci ospita. E sarà nostro dovere cercare di adempiere a questo incarico con impegno e qualità, suonando al meglio ma anche – e soprattutto – cercando di essere meno invasivi e disturbanti nei confronti di chi ci ha chiamati. Essere ordinati significa presentarsi con tutto quanto ci serve, messo al proprio posto e ottimizzando gli spazi. Servirsi di quattro borsoni per trasportare quello che potrebbe comodamente stare in uno, significa unicamente creare ingombro nello spazio in cui si deve lavorare. Inoltre, tenere la strumentazione non ordinata e raccolta ci metterà a rischio di non trovare subito quello che serve.
Immaginate per un locale a poche ore dal concerto, il disagio e l’intralcio che possono creare dei musicisti disordinati che sparpagliano tra palco, tavoli e pavimento il contenuto dei loro case, custodie, borsoni tra grovigli di cavi, effetti, microfoni, supporti! Avere tutto perfettamente in ordine, pronto all’uso, con la consapevolezza di dove si trovi ogni cosa accelererà i tempi del montaggio e renderà questa fase meno traumatica per il locale.
L’organizzazione, invece, è la capacità di sapere esattamente tutto ciò di cui si necessità. Due classici esempi, sono gli sgabelli dove sedersi durante l’esibizione o i supporti o sedie sui quali appoggiare gli amplificatori; se sono elementi tecnici decisivi, dei quali si fa conto per lo show, bisognerebbe esserne autonomi.

Sette consigli per un concerto più smart

Può anche essere assolutamente legittimo chiedere queste cose ai locali o spazi che ci ospiteranno: ma sarà opportuno farlo nel momento in cui si prende l’ingaggio lasciando a chi ci ospita la possibilità di dire se quanto chiediamo sia o meno disponibile e, a noi, il tempo di trovare un’alternativa. Invece, chiedere al gestore di un locale che ci ha ingaggiati di recuperarci a poco dal concerto qualcosa che ci è indispensabile per suonare in maniera ottimale, può essere rischioso, poco professionale, se non addirittura irritante. Non da ultimo, può creare situazioni esteticamente poco felici: un amplificatore appoggiato su un fusto di birra, una cassetta della frutta o una sedia in legno, da osteria, in certi locali e con un certo repertorio è semplicemente inguardabile e più fastidioso di una stecca!
Quindi, chiarito l’intento di presentarci agli occhi di chi ci ha ingaggiati e del pubblico, come dei professionisti ordinati e ben organizzati ecco sette consigli per gestire al meglio le nostre serate live.



Le CapGirls, Giulia e Ilenia, sono un duo acustico brillante e spassoso che suona dappertutto e realizza dei video divertenti.
La abbiamo invitate su Accordo per portare un po' del loro estro e dire la loro su tanti argomenti legati alla musica live.
Nella scorso articolo ci avevano dato qualche dritta per trovare date e serate.

 
CapGirls concerti live
Link utili
Il canale Youtube delle CapGirls
La pagina delle CapGirls
Mostra commenti     30
Altro da leggere
Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche
Pennata Alternata con Steve Morse
Fraseggio Blues: un indice per il Bending!
"Behold Electric Guitar", il nuovo disco di Paul Gilbert
Il Riff di "Battle without honor or humanity"
Costruire un riff: tra accordi & melodia
Gli accordi SemiDiminuiti
Carmen Consoli, in punta di plettro
Chitarra Metal: come si fa un'armonizzazione per terze
Heavy metal: un riff con il modo frigio
Essere versatili è la via per l'originalità
Consigli per chi inizia a suonare la chitarra
Nili Brosh: come promuoversi sui Social
Nili Brosh: vivere da musicista
Nili Brosh: pro e contro di frequentare una scuola di musica
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
Nili Brosh: la tecnica del vibrato
Musica live: come trovare le date
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964