CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Dubbio su Fender Blues Deluxe reissue

di [user #49619] - pubblicato il
Buongiorno cari Accordiani, ho un dubbio da qualche giorno e chiedo consiglio a chi è più esperto di me. Ho fatto una ricerca su accordo ma, salvo miei errori, mi pare di non aver trovato nulla sulla questione specifica. 
Suono in un gruppo col quale facciamo soul, rhythm and blues e rock blues abbastanza classico (alla Clapton per intenderci). Utilizzo una Les Paul Studio e una Squier Stratocaster entrambe di fine anni 90 e come ampli un combo Marshall Dsl 601 a 3 canali. 
Da un po' di tempoi mi è venuto a noia il Marshall e ho provato un Fender Blues Deluxe Reissue che mi ha molto colpito. Ho però solo un dubbio: la riserva di pulito? 
Io il Fender lo prenderei soprattutto per il canale clean, utilizzerei un pedalino per l'overdrive, ma non vorrei avere per le mani un ampli che sporca il suono troppo in fretta (anche perché c'è già il marshall). 
In negozio suonava bene, ma in gruppo? Con la batteria come si comporta? Mantiene il clean anche a volumi alti? I suoi 40 watt sono sufficienti per suonare in gruppo senza farlo "crunchare" troppo o troppo in fretta? 
Purtroppo non ci sono dalle mie parti sale prove con il Fender in questione e ora come ora le finanze non mi permettono  l'acquisto a occhi chiusi. 
Grazie in anticipo a chiunque possa rispondere. 
Michele
Loggati per commentare

di KJ Midway [user #10754]
commento del 08/05/2019 ore 11:33:58
avevo l'Hot Rod parente stretto, mai riuscito a sentire il suo crunch naturale e volume ne ha pure troppo, semmai è il controllo del volume che su queste serie è sempre complicato, non so se l'abbiano sistemato su questa versione.
Di solito con questi ampli il problema è il contrario, voler farli saturare e non risuscirci...
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 08/05/2019 ore 11:50:53
Ho avuto il Blues Deluxe Reissue, un buon amplificatore. Nelle ultime serie hot rod (IV) dovrebbero aver risolto il problema del controllo del volume sul primo canale, installando un potenziometro logaritmico, che permette un'escursione graduale del volume, mentre nelle serie precedenti a bassi volumi (tra 0/1 e 2) c'era un fastidioso effetto on/off per cui passavi dall'inudibile ad un volume troppo alto e per certi contesti non gestibile. Sulla riserva di pulito: l'ampli ha molto volume (40w) per cui col volume a 4 ti assicuro che ti riescono a sentire molto bene anche non microfonato, mentre il suono dopo il 4/5 comincia a sporcare in crunch. L'ampli penso sia proprio concepito per questo naturale effetto di compressione delle valvole che torna utile p.e. in contesti blues/rock ma per suonare veramente clean può non essere un plus. Se cerchi sul web troverai molti forum e commenti dove per aumentare la riserva di pulito si suggerisce di sostituire come valvole di pre le 12AY7 (ma anche 12au7 o 12at7 e vedere quali ti vanno meglio) al posto delle sue 12ax7, questo perchè queste ultime sono le principali responsabili dell'alto livello di guadagno che poi si traduce in suono "sporco" sulle finali. Altri ancora hanno anche sostituito il cono, ma questo a mio giudizio influisce troppo sul timbro dell'ampli, mentre la sostituzione delle valvole è più neutrale.
Rispondi
di Mikster [user #49619]
commento del 08/05/2019 ore 14:33:36
Grazie per le risposte
Rispondi
di robsrv [user #21635]
commento del 08/05/2019 ore 21:36:4
Confermo quanto detto nei precedenti commenti.
Volume molto alto già a livello due del potenziometro. La riserva di pulito direi che è quasi infinita al livello di volume utilizzabile normalmente.
Io uso solo il canale clean con i pedali e credo di non averlo mai sentito con il suo crunch naturale. Comunque ne sono più che soddisfatto e mi sembra adatto al genere che hai descritto.
Rispondi
di Mikster [user #49619]
commento del 08/05/2019 ore 21:44:49
Ottimo, io stavo valutando anche una testata supersonic 60 w usata a cui abbinare una 2x12, solo che qui dovrei sacrificare la trasportabilità.
Come ulteriore alternativa ci sarebbe una testata SingleMan Brunetti da 50w ma pure qui, a parte il discorso praticità, non avrei modo di provarla prima visto che a Caserta non se ne trovano.
L'unica cosa certa è che ho la fortuna di abitare in una casa indipendente fuori città e quindi anche a casa potrei suonare a volume un po' più alto senza dare fastidio a nessuno.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964