CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Boss Nextone: amplificatore tutto fare
Boss Nextone: amplificatore tutto fare
di [user #116] - pubblicato il

I quattro stadi di potenza rendono il Nextone un vero amplificatore multiuso. Grazie alla tecnologia Tube Logic, evoluzione del COSM, il Boss mantiene una spiccata personalità. Lo abbiamo messo alla prova con un Michele Quaini, il suo nuovo look, un Telefunken e la fidata John Cruz.
La tecnologia Tube Logic sviluppata da Roland ha già fatto la sua comparsa sulla serie Blues Cube. La ricerca tecnologica ha portato allo sviluppo di un sistema che permettesse non solo di simulare il suono di un circuito a valvole, ma di copiarne pregi e difetti per raggiungere il top per dinamica e volume, regalando ottime soddisfazioni soprattutto sul crunch, dove spesso le simulazioni si arrendono. 

Le forme sono molto classiche. Tolex nero e rete grigia ci portano subito verso gli USA, ma dando un’occhiata al pannello cromato che ospita i controlli non ci si può sbagliare. Sotto le mani abbiamo ben più di un classico combo a valvole. 

Bisogna prendere confidenza con le molte (12) manopole a disposizione. Oltre ai classici controlli di EQ per alti medi e bassi abbiamo il gain e il volume per il canale LEAD e il solo volume per il CLEAN. Proseguendo abbiamo la sezione di effetti digitali. Questa comprende riverbero e delay con tap tempo. Per finire presence e master. Sulla destra due selettori a quattro posizioni permettono di scegliere sia la potenza da erogare (da stanby fino a 80w) e la sezione finale che si vuole utilizzare. In questo caso le opzioni disponibili sono 6V6 e 6L6 per la sezione American che EL84 e EL34 per la sezione British. 

Boss Nextone: amplificatore tutto fare

A questi controlli si aggiungono infine i pulsanti per aggiungere bright e boost. Due funzioni molto utili, soprattutto sul canale clean che con la botta di volume diventa un crunch appena accennato. 

Sul retro infine abbiamo la possibilità di connettere degli effetti in un loop seriale, di collegare un footswitch per selezionare boost e canale e il tap tempo per il delay. Line out e Rec Out permettono di mandare direttamente all’impianto il sound (o a un paio di cuffie) mentre la porta USB schiude tutto un altro mondo. Tramite l’USB si può entrare nel Nextone Editor disponibile sia per Mac che per Windows. Questo permette di personalizzare i parametri interni dell’ampli, inclusi i controlli di tono, EQ, sag, bias, effetti e molto altro ancora. 

Chi si porterà a casa il Nexton avrà tutto il tempo per smanettare nell’editor che, pur essendo user friendly, ha talmente tanti parametri da necessitare di un bel po’ di esperimenti. Nella nostra prova ci siamo concentrati, invece, nei parametri prêt-à-porter. 

Il clean, con un Strat, è super brillante, soprattutto quando ci si trova nella parte americana. Spostandosi verso destra, attraversando l’Atlantico però, si recuperano un po’ di basse, senza nemmeno toccare l’EQ. Il cambio è abbastanza evidente, dal punto di vista timbrico, ma ancora più efficace per quanto riguarda gain e volume che nel British risultano essere più aggressivi. 

Il bright che spinge sulle alte può sembrare esagerato quando si prova l’amplificatore da soli, nella propria stanza, ma dà l’impressione di poter aiutare a bucare il mix, sopratutto quando la band è bella affollata. 

Boss Nextone: amplificatore tutto fare

Il boost dà quel tocco di cattiveria che permette di spingere verso un crunch brillante ma più caldo di quanto ci aspettassimo anche le 6V6. Giochiamo un po’ sul bordo tra il pulito e il distorto ma ci vuol poco per spostarsi sul canale LEAD. 

La scelta del nome è fuorviante perché il secondo canale del Nextone è in grado di portarci a spasso su una distorsione leggera, che lascia ancora intuire il sound pulito dello strumento. Una distorsione molto moderna, ma con poca compressione. La riserva di gain però è veramente grande. Basta superare la metà corsa e sotto le dita ci ritroviamo un sound hard rock acceso e potente. Le quattro modalità variano in maniera ancora più evidente quando si è sul canale distorto. La sezione inglese è molto più carica sulle basse, che diventano prepotenti e quasi si è tentati di toglierle con la manopola dedicata. 

Gli effetti digitali sono davvero interessanti. Semplici da utilizzare, ma di ottima qualità. Il tap tempo, fondamentale per un delay che vuole essere versatile, fa il suo dovere. Il riverbero ha sufficiente decay per passare da una lieve riflessione al surf rock con serenità. 



Nonostante il Nextone Stage sia un amplificatore versatile e tuttofare ha una spiccata personalità. Le quattro anime selezionabili ne variano il timbro, ma senza snaturare il sound che lo caratterizza, potente, brillante e a tratti acidello. È un amplificatore che può sembrare strizzi l’occhio al vintage ma con la dotazione di bordo e la voce che esce dal cono custom da 12” lo rendono moderno e all’avanguardia. 


Visita il sito Boss per tutte le informazioni e la scheda tecnica
nextone stage roland
Link utili
Visita il sito Boss per tutte le informazioni e la scheda tecnica
Nascondi commenti     12
Loggati per commentare

di BizBaz [user #48536]
commento del 14/05/2019 ore 15:44:47
'Sti Nextone mi garbano di molto però sono un po' troppo cari. Dopotutto son sempre dei dispositivi digitali
Rispondi
di Mimmo66 [user #26026]
commento del 14/05/2019 ore 23:09:18
Digitali?
Rispondi
di BizBaz [user #48536]
commento del 14/05/2019 ore 23:45:37
Eh sì, là dentro delle valvole non c'è che il nome
Rispondi
di Aynrand [user #35588]
commento del 14/05/2019 ore 23:52:26
Come per il Katana (che possiedo attualmente, e i vari cube prima) dubito fortissimamente che il Pre sia digitale, anche perché, il concetto stesso di un preamplificatore digitale che emula solo sé stesso, fa abbastanza ridere (di fatto non c'è modeling, sono solo opzioni di vocing). Probabilmente c'è un parziale intervento digitale nel voicing , ma la risposta al tocco richiama fortemente analogico, almeno per quanto mi riguarda.
Rispondi
di BizBaz [user #48536]
commento del 15/05/2019 ore 09:25:50
Da quello che so io è un'evoluzione dei modelli COSM di Roland/Boss e per quanto mi consta stiamo parlando di digitale al 100%. Peraltro la ricerca di informazioni al riguardo è piuttosto difficile perché nessuno ti dice in modo chiaro cosa c'è là sotto (fuorché l'assenza totale di valvole). Cmq mi hai fatto venire la curiosità, adesso smonto il mio Roland Cube per vedere cosa c'è sotto
Rispondi
di Aynrand [user #35588]
commento del 15/05/2019 ore 11:00:11
Curiosità di smontarlo non ne ho, anche perché come la maggior parte delle cose, probabilmente c'è già qualcuno che l'ha fatto su youtube.. È anche vero che quando ti piace come suona, dentro ci possono essere anche i topi ballerini, poco importa. Io ho suonato per la maggior parte della mia vita con ampli a transistor, soprattutto Cube, non ho provato il Nextone, ma con il Katana mi sono sentito subito a casa, diversamente da quanto è successo con Helix per esempio.. Inoltre c'è da considerare che in questo momento il digitale sta vivendo il suo momento d'oro, é a Boss, che vuole attaccare proprio quella fascia, non conviene porsi come qualcosa di alternativo, anche se la tecnologia impiegata non fosse puramente digitale. La tecnologia COSM era anche nei vecchi Cube, probabilmente ci sono vari livelli di utilizzo
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 15/05/2019 ore 10:32:36
Se ne parlava già nella prima presentazione della serire Nextone vai al link sembra quindi che il circuito sia analogico, con quattro stadi finali diversi ma con la possibilità di una programmazione digitale. Un transistor coi fiocchi quindi..
Rispondi
di Aynrand [user #35588]
commento del 15/05/2019 ore 11:16:51
Vero, considerando anche il prezzo è possibile che si tratti di un finale riconfigurabile in 4 modi diversi tramite switching digitale
Rispondi
di Mariano C [user #45976]
commento del 17/05/2019 ore 13:50:38
pure l'AXE-FxIII è completamente digitale e costa 3000 euro. Non è rilevante se una cosa sia digitale o meno, conta solo la qualità che ha, è quella che si paga
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 15/05/2019 ore 10:03:1
L'ampli sembra valido, noto che si sono avvicinati al concept della serie tvp di Blackstar che ho e mi piace molto.
Due note sulla demo: finalmente si comincia a vedere la regolazione dei parametri, bravi anche se si può fare di meglio e sinceramente non ci vuole molto: basta mettere in sovrimpressione (in un angolo magari) il primo piano del pannello di controllo. Se poi si potesse suonare anche un humbacker ci si renderebbe conto di quanto tira la distorsione. Anche qui non serve alcuno sforzo di fantasia: basta guardare una demo di Andy (proguitarshop) che in sette/otto minuti cambia tre chitarre.
Ciao
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 15/05/2019 ore 16:18:52
Mah, nemmeno un suono mi ha convinto..
Non lo trovo un apparecchio unico o interessante. Costa parecchio, tanto quanto basta per guardare altre 20 alternative migliori
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 15/05/2019 ore 17:03:42
Bisogna prendere confidenza con le molte (12) manopole a disposizione.. viva la pigrizia;)
Rispondi
Altro da leggere
HP700: i pianoforti Roland per tutti
Scegli Roland TD25 e ricevi un modulo TM2 in omaggio
Namm 2019: Roland
Boss Nextone: analogico e digitale a un nuovo livello
Roland tm 6 Pro: un booster di creatività
Roland inaugura il Roland Artist Centre di Londra
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964