CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Standard ‘50s P90: nella culla della Les Paul
Standard ‘50s P90: nella culla della Les Paul
di [user #116] - pubblicato il

Il ritorno alle origini del catalogo Gibson passa per l’edizione che ha dato il via al mito della Les Paul. Un video mostra la Standard GoldTop con P90.
La rinascita del marchio annunciata da Gibson per il 2019 prende di mira i classici della tradizione per confezionare un catalogo semplificato e composto da modelli disegnati sulla base delle caratteristiche più amate dai fan storici. Per il nuovo anno, la Standard non tenta di reinventarsi e, per la gioia dei patiti del vintage più puro, si riveste di GoldTop per un tributo alle proprie origini.

La Standard ’50s P90 ricrea la prima edizione di Les Paul prodotta da Gibson. L’iconico sunburst era di là da venire e l’humbucker che ha fatto la fortuna della single-cut più famosa del rock semplicemente non esisteva. Al loro posto, una finitura dorata per il top valorizzava le forme voluttuose di una solid body rivoluzionaria, la cui voce era affidata a una coppia di pickup a bobina singola più grossi rispetto ai canoni dettati della concorrenza, per l’aspetto estetico quanto per il sound che ne scaturiva.

Standard ‘50s P90: nella culla della Les Paul

Il body e il manico in mogano erano già parte integrante del progetto, così come lo spesso top in acero sui cui si andavano ad avvitare quattro manopole per regolare individualmente volumi e toni dei due P90 e un selettore a tre posizioni per azionarli e miscelarli secondo necessità.
Come la sua gloriosa antenata, la Les Paul Standard ‘50s P90 introdotta nel 2019 non ha buchi di alleggerimento. Preferisce invece un body pieno per restare fedele al suono e al feel della controparte di metà ‘900.
Anche il profilo del manico si rifà alle misure adottate all’epoca, con una forma tondeggiante e abbondante che accoglie il palmo di chi preferisce avvinghiare l’intero perimetro per un approccio sanguigno nelle ritmiche, ma che promette anche una certa scorrevolezza per le parti soliste e sui registri più acuti. A giovarne è anche la trasmissione delle vibrazioni, che appare vigorosa e articolata grazie al volume del legno uso a vettore.
La tastiera in palissandro da 22 fret medium jumbo su un raggio da 12 pollici e con un diapason da 24,75 pollici è un classico, come anche i segnatasti a trapezio in madreperla acrilica.

L’hardware guarda alla prima edizione “definitiva” della Les Paul, dopo aver abbandonato il tailpiece di derivazione archtop in favore di un ponte relativo stoptail avvitato al centro del body. La configurazione giunge al 2019 con un Tune-o-matic ABR-1 e uno stopbar in alluminio. Il capotasto GraphTech promette una risposta ricca e calda, ma aggiorna l’affidabilità dell’insieme con un materiale sintetico capace di garantire una tenuta d’accordatura superiore, anche in abbinamento alle intramontabili meccaniche Vintage Deluxe ricreate per l’occasione.

Plastiche color crema e potenziometri dorati con indicatori di posizione fanno da complemento a un’elettronica composta da due P90 in alnico V, condensatori orange drop e potenziometri a escursione logaritmica per una percezione più graduale nei cambi di livello.

Il bluesman Jared James Nichols è un devoto della Les Paul. Di recente divenuto titolare di un modello signature a marchio Epiphone, ha fatto visita allo showroom losangelino di Gibson per un approfondimento sulla Les Paul Standard ‘50s P90, visibile anche sul sito ufficiale a questo link.

chitarre elettriche gibson jared james nichols les paul standard 50s p90
Link utili
Les Paul Standard ‘50s P90 sul sito Gibson
Les Paul Custom Jared James Nichols Signature su Accordo
Nascondi commenti     71
Loggati per commentare

di 61Ovation [user #31317]
commento del 29/05/2019 ore 12:02:05
Buongiorno a tutti, leggo il listino di un negozio a pisa 2299 €

Ho sempre avuto e suonato Fender .. l'anno scorso mi sono regalato a 1480 €
una Les Paul Classic 2018 P90 Nuova soprattutto per curiosita'...
Splendido strumento ma...
visto che non conosco il mondo Gibson qualcuno sa indicarmi le differenze
tra la Mia Classic 2018 e questa Standard 2019
(meccaniche e pots esclusi) tali da giustificare una differenza di circa 800€????

Gia' e' difficilissimo districarsi tra i modelli che cambiano nome e caratteristiche ogni
anno, ma mi sembra che il mondo Gibson sia sempre piu'complicato e che appena si
appare la sigla "Standard", Gibson faccia lievitare i prezzi.
Chiedo a chi ne sa piu' di me.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 29/05/2019 ore 13:48:50
Fori di alleggerimento diversi.. condensatori orange drop.. forse il profilo del manico e i materiali dell'hardware?
No mi spiace, a 800 non ci arriviamo...
Rispondi
di 61Ovation [user #31317]
commento del 29/05/2019 ore 13:56:06
No Sykk... entrambe no fori di allegerimento. Tutto solido.
Tutte e due orange drop e cablatura fatta a mano...Bridge Abr identico.
dove sono gli 800€ ?
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 29/05/2019 ore 14:07:44
Però così non andiamo da nessuna parte: una strato fender messico e una custom shop hanno body in ontano, manico in acero, pickup alnico.. 3000 euro di differenza. Sono d'accordo che dovrebbero essere molto più chiari, ma non si può appiattire alle semplici specifiche.
Rispondi
di 61Ovation [user #31317]
commento del 29/05/2019 ore 14:33:57
Infatti il mio non e' un post polemico. E' curiosità.
Sono stra contento della mia classic visto che con molto meno (a quanto sembra
ho acquistato uno strumento che Gibson ha deciso di replicare chiamandolo "STANDARD")
Anche se permettimi....qui parliamo di due produzioni USA direi identiche,

Su Fender c'e' forse ancora una differenza di linea di produzione, (anche se ho una mex standard
alla quale ho sostituito solo pick up al ponte, e suona benissimo, alle mie orecchie aggiungo)
Qui seplicemente quelle differenze sono difficilmente rilevabili.
Ripeto... forse e' la mia poca conoscenza del Mondo GIBSON


Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 29/05/2019 ore 15:03:15
Si, avevo tirato a indovinare… ottimo dai, boh lo dici a uno che ha la classic con gli humbucker e l'ha preferita alla Standard dello stesso anno.
Se avesse una verniciatura trasparente ci si potrebbe attaccare alla selezione di tavole di acero più figurate, ma col gold top manco quello!
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 31/05/2019 ore 10:01:36
*****Premessa scusa ho visto sotto che confermavano 350Euro di differenza e non 800, non modifico il commento per correttezza****

800Euro di differenza???? ma dove?? perdiamo 2 minuti a guardare gli street price dei negozi prima di rischiare infarti per nulla.
Innanzitutto son contento che tua abbia preso una Classic a 1.480, se ne cerco una adesso la trovo tra i 1.650 e i 1.950 vai al link vai al link vai al link

Riguardo alla nuova Standard Gold Top '50 della serie Original (quella dell'articolo) da Tomassone si trova a 1.999 vai al link

Quindi 800Euro proprio non ci sono. In ogni caso la differenza di prezzo a mio avviso è ampiamente giustificata dal fatto che la Original è innanzitutto un modello nuovo e poi ha una selezione migliore di legni, basta prenderle in mano per accorgersi che la Classic è più pesante.
Rispondi
di 61Ovation [user #31317]
commento del 31/05/2019 ore 14:25:09
Ti ringrazio per le informazioni, era ciò che cercavo, anche se non concordo sul peso
4,31kg tutte due, e nessuna differenza specificata sulla diversità' di legni sul sito gibson.

Il mondo Gibson lo capisco sempre meno. Ma probabilmente anche in Fender succede
la stessa cosa, solo li ho più' confidenza e memoria storica.
Ripeto comunque stra soddisfatto della mia Classic 2018
Rispondi
di euke [user #1325]
commento del 29/05/2019 ore 15:32:51
Aldilà di quanto tu possa averla pagata, sul sito di un noto negozio di Milano e Gallarate, la differenza tra una Classic P90 Gold Top 2018 e una Standard 50 P90 è di "soli" 350€.
Forse non giustificabili, però molto meno rispetto a quanto riportato.
Rispondi
di 61Ovation [user #31317]
commento del 29/05/2019 ore 15:36:49
Grazie Euke , allora sono stato fortunato, in Agosto...sito Inglese. In offerta ne avevano 6
Se sono 350 di differenza, sono sempre tanti....ma differenza piu' comprensibile.
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905]
commento del 29/05/2019 ore 20:54:20
profilo del manico.Materiali e hardware sono comunque di pari livello.
Rispondi
di Mikster [user #49619]
commento del 29/05/2019 ore 12:43:0
Mamma mia quanto è bella
Rispondi
di Spada666 [user #48488]
commento del 29/05/2019 ore 23:36:02
Troppo sexy
Rispondi
di Mikster [user #49619]
commento del 29/05/2019 ore 23:44:24
È vero fa venire pensieri puri
Rispondi
di Mikster [user #49619]
commento del 29/05/2019 ore 23:47:21
Impuri, dannato correttore
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 29/05/2019 ore 13:45:37
Le Gibson non mi piacciono da quando ho posseduto una Gibson. La mia era una chitarra "sorda", pesante, scura. Altri modelli che ho avuto in mano erano plastica pura.
Ultimamente ne ho provata una del '62 (o giù di lì, non ricordo), suonava benissimo ma non è la mia chitarra.
Insomma, non sono un tipo da Les Paul.
Inoltre non mi sono MAI piaciute le chitarre dorate.

Infatti tempo fa sono passato davanti alla vetrina di un negozio di chitarre e ho visto una Les Paul uguale a questa, dorata, con i p90, esposta.
La voglio, non riesco a togliermela dalla testa.
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 29/05/2019 ore 14:08:40
La Les Paul non esiste del '62 :) al massimo c'era l'SG!
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 29/05/2019 ore 15:13:37
Ho controllato nel mio diario, in effetti era del '72 :-)
In che senso non esiste una Les Paul del 1962? Hanno interrotto la produzione per qualche anno?
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 29/05/2019 ore 16:12:15
Si...dopo il triennio 58,59 e 60 delle mitiche “Burst”, la Les Paul esce di scena e lascia il posto all’ SG che inizialmente si chiama ancora Les Paul ma dopo cambierà nome. Bisognerà aspettare il 68 per rivedere una Les Paul in produzione.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 30/05/2019 ore 12:47:08
Corretto ma non il modello Standard. Nel '68 si producono le Custom, per rivedere una Standard (quasi solo nel nome, manico in tre, pezzi body due, top plain in tre pezzi ecc...) bisognerà aspettare metà anni '70 prima dell'epoca Norlin.
Poi dopo la cessione del 1986 si sono iniziate a vedere le prime Standard coerenti con il progetto originale di fine anni '50, bisognerà aspettare i primi anni '90 per vedere qualcosa che inizi ad avvicinarsi al storicamente corretto.
Quindi a essere ottimisti siamo stati senza una LP Standard per circa 35anni da qui anche il valore storico economico delle Burst originali.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 30/05/2019 ore 16:24:03
Tutto giusto, grazie per l’approfondimento.
Non dimentichiamo comunque le Heritage 80, dei primi anni 80 (io ne ho una dell’81) con i Tim Shaw. Forse il primo tentativo di riprodurre fedelmente una Standard.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 30/05/2019 ore 17:55:40
Giusta integrazione grazie!
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 30/05/2019 ore 12:50:21
Ah, non lo sapevo. Vedi che succede a non amare le Gibson? Non ci si informa sulla loro storia.
Potrei rimediare con questa biondona...
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 29/05/2019 ore 14:23:12
ahahahah, fantastico commento! Perchè la coerenza di noi chitarristi è leggendaria!
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 29/05/2019 ore 15:14:08
Al cuor non si comanda
;-)
Rispondi
di Johnny92 [user #43424]
commento del 29/05/2019 ore 14:31:14
Bella chitarra! Ma sei prezzi saranno gli stessi stiamo sempre al punto di partenza.
Rispondi
di vandergraaf [user #24385]
commento del 29/05/2019 ore 15:34:57
ne ho provate qualcuna di LP un po' perché spinto dal mito un po' perché è indiscutibilmente una bella chitarra. Quindi ne ho provate qualcuna in negozio , poi ho un amico che ne ha 4 e me le ha fatte testare. Con nessuna non sono mai riuscito a trovare quel feeling necessario a farmi sborsare la bella cifretta richiesta. Ma io sicuramente non faccio testo poiché tra una ES 335 studio e una Ibanez as 103 ho scelto quest'ultima pagandola un terzo pur avendo già stanziato il budget per la Gibson (se vorrete insultarmi non opporrò resistenza).
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 29/05/2019 ore 17:02:35
E perché insultarti? Le Ibanez sono strumenti fatti ottimamente, ben suonanti e spesso più ergonomici di Gibson, hanno solo un po' meno appeal visto che Ibanez ha meno storia alle spalle, e fino agli anni 70 copiava i modelli di altri brand tra cui Gibson.
Rispondi
di vandergraaf [user #24385]
commento del 29/05/2019 ore 17:14:06
Infatti ne ho due. Lo scorso agosto ho preso una AZ 224 Premium. Ero andato per prendere una strato american professional HSS e sono tornato con la Ibanez e 450 euro in più di quello che avevo stanziato. Sono incorreggibile.....
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 29/05/2019 ore 17:21:45
Io invece vado a periodi, le chitarre mi piacciono tutte proprio per la loro diversità, Les Paul Classic, Epiphone SG P90, EVH Wolfgang, Ibanez RG HSS.. chissà magari la prossima sarà una semi-hollow.
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 29/05/2019 ore 17:29:09
Concordo con Sykk, ci mancherebbe che qualcuno ti insultasse semplicemente per aver fatto una scelta per te più congeniale. La LP la "divoro" con gli occhi, è un classico che mi fa sognare (soprattutto la gold top), eppure, come è accaduto a te, tutte le volte che ho avuto occasione di imbracciarla ho sempre avuto la netta sensazione di non trovarmici bene (il mio povero conto in banca ringrazia...)
Rispondi
di Aleinaccordo [user #41248]
commento del 29/05/2019 ore 21:19:08
Forse perché una les paul non la si sceglie... ma è lei a scegliere te
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 29/05/2019 ore 22:24:44
Se è così, devo in tutti i modi capire perché l'ho fatta arrabbiare ;-)
Rispondi
di Aleinaccordo [user #41248]
commento del 29/05/2019 ore 23:28:44
Ho dovuto attendere 5 anni.... E per 5 anni tutti i giorni ho trascorso tempo con lei, su e giù per i suoi tasti, tra le sue corde... Più di una volta ho pensato di mollare e passare ad un'altra.... Ma ho tenuto duro e alla fine è stato proprio come diceva Hendrix "Qualche volta tu vorrai rinunciare a suonarla, tu la odierai. Ma se le sarai fedele, lei ti ricompenserà" soltanto ora che l'ho capita sto pensando di tradirla con una 339 ;-D
Rispondi
di NICKY [user #46392]
commento del 29/05/2019 ore 18:15:25
ci siamo bevuti il cervello! questa è una chitarra che in negozio trovi a € 2.600,00
scherziamo??? io posseggo due 335 e diverse fender, ma € 2.600,00 li ho spesi giusto per una strato time machine 57"!!! qui si parla di una Standard caxxo!

mi piacerebbe prendermi una 345 rossa come quella di ritorno al futuro, anche usata ora le trovi a non meno di € 2.800 / € 3.000, le stesse chitarre che fino a 3 anni fa venivano proposte a € 1.800. Ormai un usato del 2009 viene venduto allo stesso prezzo di una originale anni 70.

Ridicoli!!!!!!!!!!!!!!!
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 30/05/2019 ore 09:07:31
Hai ragione, ma la spiegazione è molto semplice e la trovi già qui: due articoli presentano due chitarre, entrambe un po' di nicchia (questa per i p90, l'altra perchè 7 corde), costose, riedizioni di classici delle rispettive marche. Però l'articolo con scritto Gibson trascina 29 commenti, quello Ibanez ZERO. Non c'è niente da fare: il mercato lo facciamo noi e se perdiamo 5 minuti per scrivere la nostra su una Les Paul, e nessuno per un'Ibanez anzichè 2,5 per ognuna, fa bene Gibson.
Ciao
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 30/05/2019 ore 09:08:40
Per evitare fraintendimenti: non sto puntando il dito, ne' parlando di singoli, ma del "ceto" dei chitarristi.
Ciao
Rispondi
di NICKY [user #46392]
commento del 30/05/2019 ore 10:01:40
hai sicuramente ragione, ma forse solo in parte! se analizzi la questione da un lato prettamente estetico e di prestigio, acquistare Gibson, Fender o PRS è come andarsi a comprare Porsche, Lamborghini o Ferrari. mentre i cavalli da corsa nipponici come appunto Ibanez equivalgono a una bella Honda NSX, certamente veloce e piacevole ma mai affascinante come una ferrari!
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 30/05/2019 ore 11:03:01
Caro Nicky, capisco il tuo punto di vista, ma la penso al contrario: se è vero che Gibson e Fender possono avere il fascino del classico o del vintage, Ibanez, Charvel o Esp (per fare qualche nome) sono decisamente migliori dal punto di vista tecnico. Per rimanere nel tuo paragone Ibanez è la Ferrari, questa Gibson è la Fiat che rifà la 500, la prima privilegia soluzioni tecniche all'avanguardia, la seconda prende un classico, lo rende un pochino più appetibile (in questo caso neppure questo minimo di restyling) e lo immette sul mercato. Ripeto, sul fascino non discuto, ma pagare 1.000 euro per il fascino? Anche no e vedo che tu la pensi come me, sul punto.
Ciao
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 30/05/2019 ore 15:04:21
a mio avviso il paragone con una Fiat 500 potrebbe essere legato più a chitrarre Eko o Meazzi. le Gibson permettimi sono più esclusive le paragonerei più a Cadillac o Rolls Royce, strumenti e macchine che antepongono il piacere il gusto e l'esclusività alla prestazione pura. Ecco anche Ibanez e Ferrari non calza molto, le Ibanez le vedo più come macchine da corsa votate alla prestazione tipo una Lancia Delta o una Clio William gruppo N.
Questo sempre a parer mio.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 30/05/2019 ore 17:34:47
Premesso che, comunque, il paragone è infelice in quanto le auto necessitano di sviluppo (sia pure a diversi livelli) mentre le chitarre anche no, forse non ci siamo intesi: io facevo riferimento a quanto e come una casa investe in ricerca e sviluppo, non a quanto costa l'auto o alle prestazioni: Gibson prende un suo classico e lo ripropone pari pari: ricerca zero, Ibanez prende un suo classico e lo aggiorna secondo canoni moderni. Tutto qui.
Dove sia poi il gusto di portare in spalla un comodino e tentare di lussarsi le dita per raggiungere il 22 tasto o impugnare una mazza da baseball per suonare, non lo so, però conteno chi la usa, contenti tutti. Io personalmente ho una les paul ed una epiphone zakk wylde, entrambe stanno a guardare le Ibanez o la Manne che uso per suonare veramente.
Ciao
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 30/05/2019 ore 18:17:28
Sulla ricerca che fa Gibson a certi livelli avrei da ridire, in ogni caso non sono entrato nel merito dei gusti personali, dico solo ad ognuno il suo senza parlare di comodini o meno, hanno tutte un loro contesto ben definito dove arriva una non può l'altra e viceversa.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 30/05/2019 ore 18:22:40
Perdonami, ma non ho capito il riferimento alal ricerca che fa Gibson. Nello specifico, nemmeno io entro nei gusti, mi limito a notare che una Les Paul è un macigno dopo mezz'ora di concerto, mentre una Universe è una piuma dopo due ore per cui mi chiedo dove stia il gsto di suonare con la schiena schiacciata da un comodino, non è questione di gusti, ma di taglia: se sei Zakk Wylde te ne freghi, se sei Scaramacai magari no. Dopodichè, per esperienza personale, se è vero che la Les Paul non arriva dove arriva un'Ibanez, il contrario non è proprio vero.
Ciao
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 30/05/2019 ore 19:31:12
Mi riferisco a colle plastiche vernici pickup tecnologie costruttive moderne coniugate con la liuteristica artigianale, quisquiglie e marketing forse per chi non è interessato.
Riguardo al peso ho una R8 che sfiora i 4kg ed una Tele che supera i 3.7 quindi tutto questo macigno non la considero.
Considero invece essenziale il manico per la definizione del suono, chi è abituato ai manici sottiletta probabilmente anche uno slim taper lo trova grosso ma è tutto in funzione del risultato.
Ibanez ne ho provate, spesso una Jem Steve Vai di un amico e obiettivamente dove non arriva è nel suono, non è un difetto è costruita per fare una determinata cosa la LP altro.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 06/06/2019 ore 18:11:01
Sono d'accordo con quello che dici sul manico: ho una LP Custom R7 che ha il manico grosso come quello di un R8 e la trovo semplicemente stupenda, anche da spenta il volume e' impressionante, il paragone con altre chitarre e' imbarazzante e sono abbastanza convinto che la ciccia sta nel manico, tra pochi giorni andro' a provare un'R9 del 2000 che mi interessa e mi portero' dietro la mia R7 per fare un paragone....le Ibanez tipo la Jem suonate direttamente nell'ampli senza un effetto che uno sono chitarrea mio personale gusto davvero inespressive, un buon ampli ed una LP e fai una serata tranquillamente
Rispondi
di euke [user #1325]
commento del 30/05/2019 ore 10:23:34
Sempre per correttezza d'informazione, la Standard 50 P90 la trovi a 2300€.
Non difendo Gibson, ma difendo l'informazione corretta.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 30/05/2019 ore 10:27:35
Davvero bella, ennesima riedizione dell'ennesima Gibson Gold top con P90.
Ma questo è ciò che la Gibson deve fare perché noi l'amiamo e la veneriamo per quello.
Non bisogna stupirsi né tantomeno arrabbiarsi secondo me, Gibson ha un blasone e una storia che derivano da tonnellate di musica fatta negli ultimi 70 anni.
Sono icone inarrivabili.
Le giapponesi sono bellissime chitarre a mio avviso e i modelli un po' più vintage oriented me li farei eccome, sia di Yamaha che di Ibanez.
È chiaro che non possono competere con il blasone e la storia di Gibson, che verrà sempre preferita a loro nella stragrande maggioranza dei casi.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 30/05/2019 ore 11:10:05
Mi duole, ma la penso diversamente: compro una chitarra per suonarla e tra uno strumento pesante, dal range limitato (22 tasti e gli ultimi di difficile accesso), che risale a sessant'anni fa ed uno più leggero, agile e versatile, scelgo il secondo perchè il blasone sul palco di una birreria o di una festa di paese conta veramente, veramente, veramente poco. Dopodichè dipende molto anche dal genere che si suona, però mentre con la chitarra blasonata posso suonare blues, rock, hard rock o jazz, con l'altra faccio questi e in più stoner, metal (in ogni sua declinazione), industrial ecc..
Ciao
Rispondi
di euke [user #1325]
commento del 30/05/2019 ore 11:31:
Anche io ho venduto una R7 per passare a qualcosa di più pratico di suonare. Ma se hai in mente un suono Les Paul, purtroppo, lo tiri fuori solo da una Les Paul! Ho provato un sacco di PRS ma niente da fare, ho dovuto ripiegare ancora su una Les Paul ma col manico più sottile.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 30/05/2019 ore 10:29:13
Costa molto costa poco costa il giusto anche qui Possiamo parlarne per ore ed ore, il rialzo del prezzo sugli strumenti è sotto gli occhi di tutti, adesso io non potrei più permettermi di comprare le Gibson che ho acquistato solo qualche anno fa.
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 30/05/2019 ore 16:14:22
Ciao ragazzi, non intervengo da una vita ma vi seguo sempre con gran gusto. Io credo che la Gibson abbia imboccato finalmente la via giusta. Devono differenziare la linea USA da quella CS, ma con il tenone lungo avremmo praticamente delle R6, R7, R8, R9 ed R0 con pu meno esclusivi e legni meno selezionati. Per quel che riguarda i prezzi già andando sul sito di Tomassone si trovano a 1990€ e non 2300€...E secondo me aspettando un po', dopo il primo periodo di uscita, tra sconti e ribasso si troveranno anche a meno.
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905]
commento del 31/05/2019 ore 15:58:16
Purtroppo la linea original non ha il tenone lungo(sempre ammesso che questo faccia una reale differenza).
Ci sono già video a riguardo su youtube.
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 01/06/2019 ore 14:39:05
Lo so, lo so, è per questo che ho usato il condizionale!? :)
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905]
commento del 01/06/2019 ore 15:42:00
ho frainteso.
Ora capisco meglio quello che hai scritto :)
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 30/05/2019 ore 16:40:04
io spero, e me lo auguro di cuore, che visto i costi non indifferenti, in casa Gibson si siano davvero messi a fare chitarre con criterio e con qualità, lo dico anche perche avendo una SG Standard del 1992 piena di magagne, dopo un anno di vita le chiavette caddero a terra mentre accordavo, il ponte non è allineato con il manico, tra il mi cantino e il bordo ci passano + mm che tra il mi basso e il bordo, per carità suona bene anzi benissimo, ma i difetti costruttivi con quello che costavano anche 28 anni fa erano fin troppi.
per me 2300 o 2500€, se una chitarra è fatta veramente bene, li spenderei anche volentieri, ma non mi si devono presentare errori di fabbricazione, o usare materiali scadenti, perche se no li davvero mi girano i cosiddetti
Rispondi
di lassie [user #24566]
commento del 31/05/2019 ore 12:52:03
Ciao, anch'io ho una SG standard ma del 91 è una bomba, non ha nessun problema, il mio modello ha l'ingresso del jack non davanti ma sul lato.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/05/2019 ore 17:14:09
ciao, premetto che com suono e suonabilità la mia va benissimo, ed è sempre andata ben, ma non sono l'unico qui sopra ad aver lamentato nello stesso modello e stesso anno, il problema alle chiavette, inoltre il problema al ponte non allineato me l'ha fatto notare il mio liutaio, che ha lavorati da Tommassone per 20 anni e +, e di Gibson ne ha viste parecchie sotto mano, e me ne ha raccontate di ogni.
io adoro le Gibson, ma se pago il marchio voglio anche la qualità, ripeto fammi pagare 2000€ e +, ma mi devi dare roba buona, non roba che crolla o errori di fabbricazione ciao
Rispondi
di lassie [user #24566]
commento del 31/05/2019 ore 17:38:58
Ok, ma non mi hai detto se la tua ha l'ingresso jack sul lato a come al solito davanti.
Rispondi
di tramboost [user #48998]
commento del 31/05/2019 ore 18:37:48
davanti, ma non capisco il nesso;)
Rispondi
di lassie [user #24566]
commento del 31/05/2019 ore 21:14:44
Non è la stessa produzione, didatti l'ingresso jack sul lato è molto raro.
Rispondi
di Mikster [user #49619]
commento del 30/05/2019 ore 18:00:11
Mi inserisco nella metafora motoristica e dico che, piuttosto che Ferrari e 500, le Gibson sono come le Harley: costano un botto, pesano, sono di concezione antica eppure hanno un sound e un fascino unico
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 30/05/2019 ore 18:12:03
Miglior sintesi non potevi fare
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 30/05/2019 ore 21:43:03
Penso anch'io che sia un paragone in salsa motoristica molto azzeccato. Così come per le Harley, a mio modo di vedere, giudicare il prezzo alto focalizzandosi su aspetti tecnici o comunque prettamente razionali è un po' fuorviante; pesano certamente certe caratteristiche costruttive,certe finiture e, ovviamente, i fattori di prestigio/fascino su cui purtroppo fa inevitabilmente leva il marketing. Al contrario delle Harley, però, il cui sound è addirittura brevettato, in campo chitarristico si possono trovare un sacco di LP clone che, a prezzo minore, possono dare soddifazioni sonore analoghe al modello originale :-))
Rispondi
di Mind Bomb [user #48143]
commento del 30/05/2019 ore 19:53:27
No Long Tenon, no party...
Rispondi
di lassie [user #24566]
commento del 31/05/2019 ore 13:14:54
Tra tante Les Paul che ho, nel 2013 ho voluto comprarne una con i P 90 per testare la differenza con gli humbucker pensando e temendo di trovarmi di fronte il singol coil della strato, arrivata a casa nuova di zecca la Tribute 60 satin gold dark back un look fantastico leggerissima solo kg 3,4 abituato ai 5 della Custom e Deluxe, mi sembrava di volare, ma la sorpresa più bella quando la provo sul'ampli, un timbro molto vicino all'humbucker e molto lontano da quello di una strato, questo per me è il massimo; a dimenticavo l' ho pagata 700€ una soddisfazione in più al tutto.
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 01/06/2019 ore 02:29:47
è stato invece, per me, un problema.. la presi, provata al volo, pensavo di portare a casa una chitarra pulita, brillante e invece era cupa come quelle con gli humbucker.. :-)
Rispondi
di lassie [user #24566]
commento del 01/06/2019 ore 11:28:39
yaso....., anche essendo molto simile all'humbucker, ha meno bassi ed è un po più chiaro, per quello che cerchi tu forse ci vorrebbero i mini humbucker.
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 02/06/2019 ore 01:20:09
il suono che cercavo dai p90 lo trovo nei single coil della Melody Maker... quella è una Gibson che fa un suono che mi serve veramente ...
Rispondi
di lassie [user #24566]
commento del 02/06/2019 ore 10:13:43
Cè l'ho anch'io la Melody, suona come una strato con la sagoma del Les Paul, ma è il classico singol coil Fender il p90 è amato da molti proprio perchè non suona come un singol coil, d'altronde le prime Les Paul del 53 54 e 55 furono innovative ed alternative alle strato.proprio grazie ai P 90, poi nel 57 arrivarono gli humbucker piu scuri e silenziosi.
Rispondi
di sarcaster82 [user #27905]
commento del 01/06/2019 ore 14:15:09
Qualcuno sa se hanno ridotto la grandezza del binding della tastiera? A occhio sembra di sì, ma non ho trovato conferme.
Rispondi
di Shorelinegold [user #48316]
commento del 02/06/2019 ore 08:23:3
Ne ho appena comprata una e posso confermare le ottime prestazioni ampiamente descritte nella recensione.
Rispondi
Altro da leggere
Gretsch sempre più rivolta al rock?
Torna il primo catalogo Charvel per i 40 anni
G290: la super-Strat Cort fa la voce grossa
Gibson sul piede di guerra: cita Dean per contraffazione
Duncan attivi e frassino nudo: la Kelly di Jeff Loomis
Torna la rara Supro Tri Tone
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964