CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché
Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché
di [user #48873] - pubblicato il

Tra i tanti ottimi dischi di musica italiana prodotti negli ultimi decenni, “Oltre” di Claudio Baglioni, è un album che va assolutamente ascoltato. Pubblicato nel 1990, questo disco colpisce per atmosfere e arrangiamenti non così usuali per il pop italiano, conseguenza del grande lavoro di registrazione e produzione svolto presso i Real World Studios di Peter Gabriel e degli incredibili musicisti coinvolti nelle registrazioni. In particolare, è dal punto di vista batteristico che Oltre resta un album stupefacente. Ci sono infatti coinvolti tre giganti del nostro strumento: Steve Ferrone, Charlie Morgan e Manu Katché.

Da quel disco abbiamo deciso di affrontare e studiare un brano “La Piana Dei Cavalli Bradi”. Abbiamo deciso però di trascriverlo nella versione live, estrapolata dai concerti dell’”Acustico Tour” del 2000. Il pezzo, originariamente suonato da Manu Katché, veniva eseguito e reinterpretato live da Gavin Harrison, batterista residente di quel tour.
Harrison rispettava le parti originali, riuscendo al contempo, ad aggiungere un tocco personale con classe ed eleganza. L’interesse della lezione quindi, è doppio: non solo ci permette di misurarci con le parti magistrali elaborate da Katché; ma offre la possibilità di vedere come un grande musicista riesca a risultare personale senza snaturare mail il contesto musicale e artistico nel quale è calato.

Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché

Partiamo con il groove utilizzato nell’intro: la sua difficoltà di questa parta consiste nell’incrociare le mani senza perdere consistenza e fluidità.
Consiglio di suonare il charleston, inizialmente in ottavi e senza aperture; solo successivamente si potranno aggiungere tutte le variazioni. Partire in maniera graduale permetterà di assimilare più facilmente le figurazioni di tom e cross stick.

Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché

Ora affrontiamo il groove suonato nelle strofe. Si osservi come questo non sia, semplicemente, che una variante del primo groove.
Il charleston suona meno note; sul quattro della seconda e quarta misura troviamo un colpo di rullante al posto del cross stick.

 
Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché

Il terzo groove trascritto, accompagna la sezione che precede il ritornello.
Le mani suonano dei sedicesimi a mani alternate sul rullante intervallati da doppi colpi, accenti sul rullante, aperture di charleston e note suonate sui tom. Tutto è eseguito ad un volume molto basso.



Per quanto riguarda i piedi, attenzione agli ottavi in levare suonati dal  charleston!
Per la buona resa di questo groove è fondamentale rispettare il giusto rapporto dinamico tra i vari elementi del set: il tappeto suonato sul rullante non dovrà essere troppo forte.

Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché

Il quarto e ultimo groove è quello del ritornello.
È simile al precedente ma qui è pensato in modo più lineare. Il ritornello è l’esplosione, la parte più vitale del pezzo e questo accorgimento permette alla sezione di avere la giusta spinta.
 
Quando Gavin Harrison ha suonato Manu Katché
 
 
Per chi fosse interessato, qui è possibile vedere l’esecuzione completa del pezzo. Invece, nel video che segue, trovate  tutti gli esempi spiegati nella lezione. Per agevolare lo studio, video, i groove sono stati eseguiti prima lentamente e poi a velocità originale.

lezioni di batteria
Link utili
Il sito di Cristian Colusso
Nascondi commenti     0
Loggati per commentare

Al momento non è presente nessun commento
Altro da leggere
Linear Drum Fill - Funky sestine
Linear Drum Fill: "Elettro-Hip Hop"
Aarons Spears: una bomba di groove sul charlie
Aaron Spears: sospensione & pulsazione
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani.
Agostino Marangolo: musiche da horror
Funk, groove & unisoni
Virgil Donati: mai farsi fuorviare dalle opinioni altrui
Via le mani!
Linear Fill: il metodo di batteria
Addio a Pat Torpey: innovazione, leggerezza e intelligenza
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio
Pat Torpey: l'intro di "Colorado Bulldog" alla batteria
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Virgil Donati: come nasce una canzone
L'importanza degli unisoni
Maurizio Dei Lazzaretti: lettura, ascolto e interpretazione
Tenere il tempo: facciamoci delle domande
Batteria: suonare "Seven Days" di Sting
Registrare la batteria: ambiente e microfoni
Gianluca Palmieri: suonare con Greg Howe
Registrare la batteria: due errori da evitare
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964