CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Suonare la chitarra in terrazza
Suonare la chitarra in terrazza
di [user #116] - pubblicato il

Suonare in posti inusuali, in contesti, orari e situazioni diverse da quelle nelle quali normalmente si studia e si prova, sprona a suonare e sperimentare cose diverse. A volte è semplice cazzeggio; ma capita che facendo andare le mani sù e giù per il manico, senza pensarci troppo e assecondano l’ispirazione del momento, spesso si stimolino idee e spunti musicali accattivanti. Ecco un'idea che mi è venuta suonando in terrazza.

Anni fa, lessi una strepitosa intervista a Billy Sheehan. Sheehan è uno dei miei eroi musicali e in quell’intervista, firmata da Riccardo Cappelli, il bassista dei Mr. Big e della David Lee Roth Band, diceva delle cose che mi piacquero e ispirarono parecchio. La prima era la sua attitudine a non fermarsi mai nello studio e nell’esplorazione dei limiti del suo strumento. Contrariamente a un’indole diffusa in tanti musicisti che con la maturità apprezzano sempre di più il gusto delle cose semplici e dell’essenzialità, lui si diceva sempre più motivato nel mettersi alla prova, misurandosi con repertori e soluzioni musicali sempre più heavy, complesse ed intricate.

Suonare la chitarra in terrazza

Un’altra, forse più frivola ma altrettanto suggestiva, era il fatto che Sheehan raccontasse di avere bassi elettrici disseminati per tutta la casa. In qualunque stanza lui entrasse ci avrebbe trovato un basso con il quale suonare. Questa cosa mi piacque tantissimo. Avere, almeno, una chitarra in ogni angolo della casa mi pareva la fotografia perfetta di cosa per me potesse essere la felicità. E così, negli anni, il numero delle mie chitarre ha continuato a crescere e le stanze della casa a popolarsi di amiche a sei corde. Ogni stanza ha una luce diversa, suona in maniera diversa e sprona a suonare cose diverse. Tanto più che se in studio o in sala prove le chitarre finiscono per essere sempre amplificate, nelle altre stanze -appoggiate tra poltrone, divani, letto e cassapanche - finiscono, il più delle volte, per essere suonate unplugged e nei momenti più insoliti: aspettando che bolla l’acqua della pasta o salga il caffè; mentre seduto sul letto aspetto che arrivi un amico per uscire. Proprio perché quelle non sono occasioni propriamente di studio, si finiscono per suonare cose inedite, magari casuali che assecondano l’ispirazione del momento e spesso generano idee e spunti musicali accattivanti e originali.

Suonare la chitarra in terrazza

È il caso di questo lezione, il cui focus è quello di colorare, vivacizzare l’esecuzione di una lunga sequenza scalare diatonica, con delle note estranee, prese in presto dalle scale blues. L’idea mi è venuta strimpellando in terrazza che d'estate è uno dei posti in cui più amo starmene con la chiarra in braccio; facendo andare le mani avanti e indietro sui soliti pattern tradizionali, giocavo a sporcarli con note sbagliate ma capaci di portare colori e un brio intrigante. Così è nata questa frase.



Siamo in tonalità di E maggiore: E, F#, G#, A, B, C#, D#.
La sequenza da cui sono partito era questa. Snocciolata in questo modo, suonava quasi come un passaggio classico e, per la base sulla quale stavo suonando, e aveva un piglio troppo serioso.

Suonare la chitarra in terrazza

Le modifiche apportate sono minime ma bastano a imprimere alla frase un sapore meno scolastico e un accattivante respiro bluesy. Ho sostituito nella frase di partenza un paio di note, immaginando che quello sopra il quale stavo suonando non fosse più un pezzo in E maggiore ma in E7: per questo ho introdotto la b7 propria di quell’accordo di dominante e la sua blue note, la b3, il G.

Suonare la chitarra in terrazza

L’inserimento della b7, il D, genera anche un incalzante passaggio cromatico tra 6 e 7 maggiore. A ben guardare, però, il D può essere letto anche come b5, blue note, della pentatonica di G#m che, in effetti, in qual frangente di lick sto utilizzando.

Suonare la chitarra in terrazza

Lo stesso pattern pentatonico, arricchito dalla blue note, è utilizzato nel lick di chiusura di questo studio.

Suonare la chitarra in terrazza

Per il resto, l’apertura melodica del fraseggio è affidata a una scala pentatonica minore di C# (C#, E, F#, G#, B). È una parte quasi tutta suonata in bending e richiede una certa attenzione a timing e intonazione. Un espediente che ho sfruttato e servirsi del bending per stiracchiare delle note fino a farne raggiungere altre non presenti nella pentatonica minore di partenza. In più di un’occasione, alzo il C# a D#, nota che sarebbe estranea alla pentatonica ma è la settima maggiore della tonalità di E in cui stiamo suonando e porta un piacevole apporto melodico. Ho indicato in partitura i bending in cui tocchiamo la settima maggiore D#.
Per arrivare sulla frase scalare spiegata prima, mi sono servito di un arpeggio di G#m7, sviluppato su due ottave. Attenzione alla pennata impiegata!

Suonare la chitarra in terrazza

Per garantire il massimo della fluidità meccanica e sonora ci sono in gioco vari approcci esecutivi: legato, economy picking, plettro e dita…
Avendo pensato questa frase in terrazza, ho deciso che sarebbe stato carino registrare lì questa lezione. Così, questo è il primo di una breve serie di appuntamenti didattici estivi che ho realizzato per Accordo, proprio in terrazza, con una bella tazza di caffè freddo e utilizzando solo le cuffie, il portatile e una piccolissima interfaccia audio.



Le batteria utilizzata nella base è di Erik Tulissio ed è tratta dal suo metodo "Linear Fill" pubblicato da Accordo.
gianni rojatti lezioni
Link utili
La pagina di Gianni Rojatti

Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
Mostra commenti     10
Altro da leggere
Steve Vai, Guitar Extravaganza!
Paul Gilbert: super fraseggi in quartine e sestine!
Tosin Abasi – Quadriadi su sette corde col resto di una
Tony MacAlpine: Sweep & Tapping da morire...
Marco Sfogli: aria fresca negli arpeggi
Gianni Rojatti: pentatoniche a tre note per corda. Applicazioni in string skipping,
Bruce Bouillet: string skipping sotto i raggi X
Racer Café: intervista a Giacomo Castellano
Racer Café: intervista a Gianni Rojatti
Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues
Marty Friedman: un arpeggio di Maj7
"Tecnica, Fraseggio & Esercizi": il metodo di Gianni Rojatti
Nick Johnston: esercizi, pattern & fraseggi in legato
Cesareo: ci facevamo davvero ridere
Alternata: Paul Gilbert Vs John Petrucci
Albert Lee: "Chi è un virtuoso?"
Come utilizzare gli arpeggi di settima per improvvisare
Nili Brosh: la tecnica del vibrato
Gretchen Menn: Essere versatili è la via per l'originalità
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964