CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Dolcetti in Rolls Royce
Dolcetti in Rolls Royce
di [user #116] - pubblicato il

La canzone presentata da Achille Lauro al Festival di Sanremo è stato “dolcettizzata” dal duo strumentale di Gianni Rojatti ed Erik Tulissio. Nella cover, che si mantiene però quasi integralmente vicina all'originale tranne che per un finale stupefacente, anche un omaggio a Steve Vai. Ci siamo fatti raccontare il brano dai due musicisti.

Rolls Royce è la canzone presentata da Lauro alla sessantanovesima edizione del Festival della musica italiana che tanto ha fatto discutere, prima per le accuse di plagio, poi per il fatto che sia stata intesa come un inno all'abuso di sostanze stupefacenti.

I Dolcetti sono un duo strumentale rock progressive formato dalla chitarra di Gianni Rojatti, coordinatore della didattica di Accordo.it, e la batteria di Erik Tulissio, collaboratore di Accordo e direttore e insegnante presso la Dante Agostini Drum School di Udine.
I Dolcetti hanno pubblicato due album, “Metallo Beat” e “Arriver”, e hanno suonato come support band per le tournè italiane di tanti artisti: Steve Vai, The Aristocrats, Kiko Loureiro, Andy Timmons...

L'ultimo lavoro di Rojatti e Tulissio è una cover di "Rolls Royce" di Achille Lauro e ce la siamo fatti raccontare da loro.



Come è sorta l'idea di fare una cover del brano di Achille Lauro?
Gianni: Innanzitutto alla base di un progetto come i Dolcetti c'è la voglia di divertirsi. E così è stato anche in questo caso. Io ed Erik suoniamo insieme da una vita e siamo quella tipologia di amici e musicisti che se ha una sera libera, si incontra per parlare di musica, ascoltarla o per suonare. Ci piace tutta la musica e siamo stati colpiti anche da certe cose della trap. All'interno di questa scena,troviamo che Lauro sia una delle voci più interessanti e con una produzione interessante. Quando a Sanremo ha fatto questa svolta rock con "Rolls Royce" ci è sembrato un brano scritto e arrangiato davvero bene. E da qui la voglia di omaggiarlo e allo stesso tempo stravolgerlo alla maniera dei Dolcetti, con un piglio ironico che, del resto, non manca nemmeno al brano originale. Personalmente, di quel brano mi è piaciuta molto l'intenzione vocale di Lauro che ha cantato con grande espressività e con la chitarra ho proprio cercato di riprendere questa espressività che definirei stralunata.

Qual è lo stravolgimento più evidente presente in questa cover?
Erik Tulissio: Per questo brano abbiamo cercato di rimanere il più fedele possibile all’arrangiamento originale su tutta la parte iniziale, fino alla parte conclusiva del pezzo. Da lì in poi, abbiamo “Dolcettizzato” la canzone, inserendo una parte di matrice progressive che sfocia nell’assolo di chitarra fino al finale.
La parte più assurda del pezzo, secondo me, è quella che introduce l’assolo finale: è una parte in cui la chitarra suona in 7/8, mentre la batteria rimane in 4/4. Una citazione, neppure troppo velata,  di "The Attitude Song" di Steve Vai. Poi i due strumenti, dopo aver tenuto tempi differenti,  si incontrano nuovamente sull’uno dell’assolo. Qui chitarra e batteria dialogano con botte e risposte di fraseggi in un intricato 7/8 nel quale Gianni ed io ci divertiamo a fare quello che più ci piace, ovvero suonare cercando di intuire a vicenda la direzione solistica che ciascuno di noi prende.

Dolcetti in Rolls Royce


 
dolcetti erik tulissio gianni rojatti rolls royce
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
La pagina Facebook dei Dolcetti
Ascolta e acquista Arriver il disco dei Dolcetti
Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
In vendita su Shop
 
ALVAREZ RD26SB Chitarra Ac. Dreadn. + Bag Deluxe
di Le Note delle Stelle
 € 185,00 
 
Vox AC-30 Top Boost 1969
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.000,00 
 
CORT ARTISAN B4 PLUS MH OPM BASSO ELETTRICO 4 CORDE OPEN PORE MAHOGANY
di Borsari Strumenti Musicali
 € 419,00 
Visualizza il prodotto
Coppia Supporti Aggiuntivi Per Tastiera Sph-500
di Music Delivery
 € 25,00 
 
Centent Cymbals Emperor serie Dark ,Lista Hi Hat,Crash,Ride,Splash,China, Ozone
di Dream Music Studio
 € 44,00 
 
DV MARK - RAW DAWG EG ERIC GALES
di Music Works
 € 427,80 
 
Lucien FL-206S
di Banana Music Store
 € 285,00 
 
Paul Reed Smith PRS Custom 24 35th Anniversary Pattern Thin McCarty (VALUTIAMO PERMUTE)
di Gas Music Store
 € 3.999,00 
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di MM [user #34535]
commento del 11/07/2019 ore 17:51:59
Complimenti, bellissima rivisitazione di un pezzo certamente degno di essere preso in considerazione.
Mi è piaciuta anche la parte "progressive" perché è rimasta, tutto sommato, discreta e non ha invaso o stravolto il tema.
Rispondi
di Carrera [user #31493]
commento del 12/07/2019 ore 11:33:24
esatto: il tema è rispettato ma allo stesso tempo reinterpretato...bello!
Rispondi
di BBSlow [user #41324]
commento del 12/07/2019 ore 10:58:0
Ognuno si diverte come può... :D
Rispondi
di Carrera [user #31493]
commento del 12/07/2019 ore 11:33:42
Molto divertente e ben fatto!
Rispondi
di tramboost utente non più registrato
commento del 12/07/2019 ore 16:25:2
un inno alla droga?
forse, perche quando ho sentito per la prima volta questo brano, mi stava venendo voglia anche a me di prendere qualche sostanza per dimenticare.. e non mi riferisco alla versione dei Dolcetti;)
Rispondi
Altro da leggere
I "MalaLicks" di Federico Malaman anche per chitarristi
Francesco Lucidi produce "Grazed By Heaven", tributo agli Uriah Heep
La storia e la chitarra senza regole di Eddie Van Halen nel workshop di Accordo
Esercizi e abitudini di warm up: da Steve Vai a Slash
Musicisti: questione di carattere
Chitarra solista & studio di registrazione
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964