CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
L’X Bracing spiegato
L’X Bracing spiegato
di [user #116] - pubblicato il

L’X Bracing inventato da Chris Martin alla fine dell’800 è ancora oggi uno standard. Martin Guitars ne racconta storia e caratteristiche in un docu-video.
Sotto la tavola armonica di una chitarra acustica si nasconde il suo cuore. Il bracing è la struttura che conferisce resistenza meccanica al top e delinea al contempo la voce dello strumento. Il sistema più diffuso oggi, un vero standard impiegato dai costruttori di tutto il mondo, è l’X Bracing inventato da Martin Guitars nel 1843 per la chitarra destinata alla chitarrista spagnola Madame De Goni.

L’X Bracing spiegato

L’X Bracing si contrappone al Fan Bracing adoperato per le chitarre classiche con corde in nylon.
L’adozione di corde in metallo, necessarie per avere maggior volume, poneva i costruttori davanti a una serie di nuove problematiche, a partire dalla maggior tensione a cui top e manici erano sottoposti fino alla questione dell’ancoraggio delle corde alla cassa.
Come il nome suggerisce, il Bracing a X si basa su due listelli che attraversano trasversalmente il top della chitarra incrociandosi appena sotto la buca, a formare appunto una X.
Una serie di listelli più piccoli contribuiscono a stabilizzare fisicamente il top e a disegnare il tono dello strumento. Questi possono essere scalloped, cioè assottigliati per rimuovere massa e rendere il top più propenso alle vibrazioni “esplosive” responsabili dell’attacco delle note.

Chris Martin IV e la sua squadra ne raccontano storia, evoluzione e caratteristiche in un breve ma interessante docu-video.

chitarre acustiche curiosità liuteria martin
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
La chitarra di Madame De Goni sul sito Martin
In vendita su Shop
 
Ibanez GS260-BK - Trapper Strap - con sistema di bloccaggio
di Centro della Musica
 € 19,00 
 
MONSTER BASS CAVO 3,5 MT A PIPA
di Boxguitar.com
 € 39,00 
 
Ponte tremolo WVP6 black
di Chitarre e componenti
 € 60,00 
 
Boss EQ-200 Graphic Equalizer
di Centro della Musica
 € 239,00 
 
Markbass Nano Mark 300
di Le Note delle Stelle
 € 399,00 
 
BESPECO F16 SUPPORTO CHITARRA DA PARETE
di Boxguitar.com
 € 6,00 
 
Mapex T 765A
di Banana Music Store
 € 134,00 
 
D'Addario EXL220BT Super Light 40-95
di Banana Music Store
 € 26,50 
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 22/08/2019 ore 21:51:16
Bello....vorrei leggere ogni giorno articoli come questo
Rispondi
di THE_Luke [user #31235]
commento del 23/08/2019 ore 10:49:13
«made in the best italian style», si legge all'interno delle riproduzioni della prima chitarra con x-bracing (fonte: vai al link ).
Ma noi italiano, ste cose cosi preziose, dopo Stradivari e Guarneri, ci siam dimenticati di come si fanno? voglio dire... dal XVIII sec. in poi cosa si produceva qui, riguardo gli strumenti a corda?
Rispondi
di Piazza [user #31749]
commento del 24/08/2019 ore 13:36:05
Continuava la produzione liutaia, ma non era così rinomata. L'attenzione si era spostata verso i liutai/violinmaker francesi, tra tutti Vuillaume è probabilmente il più rinomato. Ai francesi è dovuta anche l'invenzione dell'archetto moderno (Tourte).
In ogni caso le quotazioni dei migliori strumenti francesi dell'800 non si avvicinano a quelle degli Stradivari, anche perchè comunque si rifacevano a lui negli standard costruttivi (sia come dimensionamento del violino che come qualità costruttiva a cui aspirare).
I violinisti, che io sappia, preferiscono suonare strumenti non nuovi e il mercato è decisamente diverso da quello della chitarra, ma credo che Cremona si sia riaffermata come la Mecca del violino.

Per quanto riguarda le chitarre non credo l'italia abbia una storia rilevante, esiste un esemplare di stradivari, la chitarra "Sabionari", ma è parecchio diversa dalla spagnola, che inizia con Torres e ha i suoi massimi esponenti in Ramirez e Fleta (con lotti di produzione semi artigianali, ma di gran lunga inferiori ad esempio rispetto a Martin nei primi del 900).

Se vuoi approfondire ti consiglio "Il mercato del violino" e "Il mercato della chitarra" di John Huber che trattano bene entrambi i temi :)
Rispondi
di THE_Luke [user #31235]
commento del 28/08/2019 ore 11:04:57
grazie mille!
Rispondi
di Piazza [user #31749]
commento del 29/08/2019 ore 14:42:51
Figurati, è un piacere :)
Rispondi
Altro da leggere
La Gibson J-150 di Noel Gallagher diventa limited edition: il video
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Visualizza l'annuncio
CHARVEL PRO-MOD DK24
Seguici anche su:
Altro da leggere
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
Fender a 21 o 22 fret: cosa cambia?
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964