VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Il Fender di Robben Ford modificato da Dumble è in vendita
Il Fender di Robben Ford modificato da Dumble è in vendita
di [user #116] - pubblicato il

Il Super Reverb del 1966 usato da Robben Ford e passato sotto il saldatore di Alexander Dumble può essere acquistato online a un prezzo da capogiro.
Un amplificatore Fender vintage proveniente dalla collezione di Robben Ford e revisionato in maniera stabile e continuativa da Alexander Dumble. Bastano questi tre ingredienti a far schizzare alle stelle il prezzo del Super Reverb comparso poche ore fa su Reverb.com.

Il Fender di Robben Ford modificato da Dumble è in vendita

L’amplificatore, un modello del 1966, arriva direttamente dallo studio losangelino di Robben Ford. È un blackface con quattro altoparlanti da dieci pollici basato su un circuito AB763 ed è stato messo a punto, revisionato e modificato da Dumble, il guru dell’amplificazione valvolare in persona.
Un certificato autografato da Robben e una stampa delle email intercorse tra l’artista e il tecnico sono inclusi nel pacchetto di vendita che, al momento, è offerto per un prezzo di 14287,79 euro. Spese di spedizione a parte.

Il Fender di Robben Ford modificato da Dumble è in vendita

Sulla pagina dell’inserzione, appena più in basso rispetto alle informazioni sull’intermediario - Techno Empire di Hollywood - compaiono i soliti raffronti con altri modelli simili presenti sul sito. Al netto delle firme di Robben Ford e di Alexander Dumble, un Super Reverb degli anni ’60 pare aggirarsi tra i 1400 e i 2mila euro.
amplificatori dumble fender robben ford super reverb vintage
Link utili
L’annuncio su Reverb
Nascondi commenti     13
Loggati per commentare

di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 01/10/2019 ore 14:27:2
Visti i prezzi di un Dumble 14.000Euro non sono neanche tanti, leggendo la lettera sembra che ci sia un gemello, l'ampli sembra abbia subito la sostituzione di un cono
Rispondi
di rockit [user #11557]
commento del 01/10/2019 ore 14:44:06
Non lo sarebbero, però in questo caso la mail è abbastanza chiara: non li ha modificati e a parte revisionarli completamente li ha lasciati stock, per cui farli pagare come dei Dumble a pieno titolo mi pare un po' pretenzioso.
A margine, vale la pena notare che qualsiasi altra persona sulla terra se ci avesse impiegato mesi per una revisione avrebbe porto le sue scuse più che vantarsi del lavoro.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 01/10/2019 ore 18:11:14
Eh ma qualunque altra persona sulla terra non è mister Dumble vecchio mio. :-):-):-)Lui può fare qualunque cosa ormai e vedere aumenti ingiustificati di prezzo.
Aldilà di questo una volta ho suonato su un Super Reverb Blackface originale...Se solo potessi avere la certezza che i componenti sono in buono stato e originali me ne prenderei uno senza colpo ferire. Mai avuto un suono così bello
Rispondi
di rockit [user #11557]
commento del 02/10/2019 ore 09:59:30
Eh sì, vero, mi sono accorto di aver usato un tono più perentorio di quello che volevo :D

Nel caso specifico, sono sempre combattuto tra l'ammirazione per un personaggio che ha fatto dei gran bei lavori per i più grandi nomi in circolazione e l'antipatia per il suo ego più grande della sua panza .
Diciamo che mi sta più simpatico uno come Fuchs che ancora si prende il tempo di rispondere alla gente nei forum, alla fine per quanto belli stanno costruendo amplificatori, non spade laser ;-)
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 01/10/2019 ore 21:19:12
Il prezzo è adeguato, anzi è più basso di quelli che normalmente si vedono per un ampli “toccato” da Dumble.
Normalmente ci si aggira sui 20 mila dollari. Per un Dumble originale ormai si va sui 100.
Tenete d’occhio i Diaz, succederà la stessa cosa.
Se ne esce uno è da prendere, prima o poi il prezzo andrà alle stelle.
Rispondi
di fa [user #4259]
commento del 02/10/2019 ore 07:56:11
Il prezzo è alto, ma non così folle. E’ l’ampli usato da Robben Ford, è del 1966 e revisionato in maniera continuativa da Mr. Dumble. Se fossi milionario onestante ci farei un pensierino...
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 02/10/2019 ore 10:02:22
Grande, mi ci vedo proprio alla prossima festa del cinghiale sulle colline a sfoggiare il mio ampli vintage ed appartenuto a Robben Ford, con uno stuolo di grupies settantenni adoranti e pronte a lanciarsi in una mazurca scatenata con tanto di lancio di body contenitivi.
Mah
Rispondi
di fibo [user #47404]
commento del 02/10/2019 ore 10:28:26
Ahahahahah
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 02/10/2019 ore 13:10:40
Ahaha effettivamente "ho un ampli appartenuto a Robben Ford" detto con aria di piacioneria e un pizzico di superbia, penso abbia un istantaneo effetto gnocca-repellente :D
Rispondi
di simonec78 utente non più registrato
commento del 02/10/2019 ore 14:48:18
È chiaro che chi può essere interessato ad una suggestione del genere è più interessato al valore iconico dell'oggetto che al suo reale valore come amplificatore. È chiaramente un prezzo altissimo, sproporzionato al suo valore oggettivo, ma tutto sommato abbordabile, in definitiva costa come una buona utilitaria.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 03/10/2019 ore 09:12:4
Condivido il tuo commento, però nella vita reale un'utilitaria ti porta al lavoro, al mare, in camporella o è un'auto in più quando un figlio prende la patente.
Ciao
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 05/10/2019 ore 19:12:05
Un pezzo da collezione. Io invece speravo che prendessero questo ampli e lo replicassero mettendolo in commercio in modo da poter ridurre il prezzo tramite la produzione seriale. Alla fine tutti i chitarristi celebri comprano un ampli e lo fanno modificare. Allora mi chiedo sempre perché le grandi case non ci vendano anche ampli dopo la modifica, e non prima della modifica. Sarebbe interessante valutare come cambiano rispetto ai prodotti di serie.
Rispondi
di qualunquemente1967 [user #39296]
commento del 07/10/2019 ore 09:39:08
Ma poi scusate perché Robben vende questo ampli ? Non credo abbia bisogno di money .. la verità ovviamente non la sapremo mai .. e penso sempre che questi personaggi difficilmente si separino da ferri del mestiere che funzionano molto bene . Personalmente non amo gli ampli modificati .. un fender del 66 andava lasciato cosi come era stato concepito .. ciao
Rispondi
Altro da leggere
Chitarre da sogno, chitarre da record
Finiture vintage, pickup inediti e il ritorno del palissandro con le Fender Player II
Fender torna al NAMM: “Ci è mancato”
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
L’impianto hi-fi Orange è una piramide
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964