CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
The Aristocrats: briciole del live a Napoli
The Aristocrats: briciole del live a Napoli
di [user #17844] - pubblicato il

Il segreto del trio Beller-Govan-Minnemann è un mix di improvvisazione, interplay e intrattenimento. Per questo vedere dal vivo gli Aristocrats è un’esperienza sempre inedita.
Assistere a un’esibizione degli Aristocrats vuol dire vedere riuniti sullo stesso palco tre talenti indiscussi dei rispettivi campi. Una chitarra, una batteria e un basso suonati ad altissimi livelli si intrecciano con naturalezza descrivendo volteggi imprevedibili grazie a un’esperienza maturata in anni di collaborazione, chilometri di strada insieme e - a oggi - quattro dischi all’attivo.

La loro data napoletana - prima in assoluto per il capoluogo ma non per la regione, che ha già avuto il piacere di ospitare in passato il trio - fa parte della branca conclusiva del tour promozionale per You Know What…?, lo studio album presentato in estate 2019. Accordo era presente all’evento, organizzato dall’Accademia Giuseppe Verdi presso l’Auditorium Salvo D’Acquisto a Napoli, e le nostre telecamere hanno avuto modo di incontrare i musicisti da vicino per uno scambio di battute che sarà presto oggetto di un articolo.



Durante l’intervista abbiamo trovato degli Aristocrats particolarmente in forma, che per la serata assicurano: “ogni show è diverso, i brani cambiano ed evolvono in continuazione, per questo vale sempre la pena di assistere al concerto, anche più volte nello stesso tour”. La promessa, poche ore dopo, sarà ampiamente mantenuta.

The Aristocrats: briciole del live a Napoli

Nell’elegante teatro in zona Vomero, il concerto ha inizio in perfetto orario. Guthrie Govan, Marco Minnemann e Bryan Beller hanno mesi di tour quasi ininterrotto alle spalle e, quando guadagnano il palco, è chiaro che sono carichi, galvanizzati dalla serie di concerti.

Bryan, bassista e mattatore della serata, tiene un contatto continuo col pubblico. Al microfono lo coinvolge, racconta, scherza.
Marco non è da meno, suscitando simpatia con qualche parola in un italiano neanche troppo stentato, a dir la verità.
Guthrie è il più riservato, ma il suo humor inglese traspare da ogni gesto e basta un “effetto speciale” lanciato dalla chitarra o un semplice oggetto di scena come un inquietante libro illustrato per coronare una serie di gag irresistibili.

The Aristocrats: briciole del live a Napoli

Agli strumenti, tutti e tre sfoderano tecnica impressionante, stile ricercato, linguaggio raffinato.
L’affiatamento è totale, gli incastri perfetti e ogni cambio di dinamica è compatto, uniforme.
La capacità dei tre di tessere fraseggi e poliritmie è direttamente proporzionale alla loro voglia di prendersi poco sul serio. Gli Aristocrats non suonano affatto come un “D Grade Fuck Movie Jam” (brutta musica per brutti film porno) come ricordano di essere stati definiti una volta, traendo spunto dall’episodio per scrivere l’omonimo brano.
Le pause tra i brani tornano utili principalmente a questo: raccontare le storie dietro le canzoni, spiegarne titoli e sonorità, il più delle volte con aneddoti spassosi. Accade per ognuna delle tracce di You Know What…? sulle quali si focalizza una buona fetta della scaletta, ma c’è spazio anche per pezzi “classici” come “The Kentucky Meat Shower”, anticipata dalla raccapricciante storia vera di una “pioggia di carne” verificatasi quasi 150 anni fa in USA e sulla quale qualcuno ha pensato di scrivere addirittura un libro per bambini.

The Aristocrats: briciole del live a Napoli

La serata - oltre due ore di musica - corre veloce grazie agli intermezzi goliardici e a una serie di brani sempre coinvolgenti, dove primeggia l’equilibrio tra i tre componenti. Nessuno è solista assoluto, gli Aristocrats scrivono canzoni in egual misura e in egual misura si riservano spazio sul palco.

The Aristocrats: briciole del live a Napoli

Non mancano le lunghe jam in cui chitarra e basso si destreggiano in linguaggi ogni volta diversi, ora tendenti al blues, ora di puro jazz rock fino a sfociare nel country, ma mutando con fluidità e naturalezza, senza scossoni. Irrinunciabile è l’assolo di batteria, nel quale il pubblico diventa parte attiva rendendo intrattenimento puro un momento sempre delicato nelle scalette dei concerti.
Il pubblico, appunto, è tenuto sempre a brevissima distanza. La platea è coinvolta, partecipe, fino a diventare un vero coro su “Smuggler’s Corridor”, da Tres Caballeros, bis che conclude l’esperienza napoletana con il trio. La prima, come sembra essere ogni esperienza sotto il palco degli Aristocrats.
bryan beller concerti guthrie govan marco minnemann the aristocrats
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Guarda la gallery su Facebook
Sito The Aristocrats
In vendita su Shop
 
LAA CUSTOM - ROCK DEVIL BLACK EDITION
di Music Works
 € 161,10 
 
CORT Gb54jj Nat BASSO ELETTRICO SOLID-BODY
di Musicanova
 € 369,00 
 
D'ANGELICO PREMIER TAMMANY - ICED TEA BURST
di SLIDE
 € 459,00 
 
dreadbox NYX v2
di Scolopendra
 € 520,00 
 
Sire Marcus Miller V7, 4 Corde, Alder (2nd Gen) Metallic Red
di Gas Music Store
 € 499,00 
 
TAMA MC61 FastClamp - multipla
di Centro della Musica
 € 19,90 
 
Buttarini Flametone Stratocaster 60 Heavy Relic
di Daniele Guido Cabibbe
 € 1.800,00 
 
CruzTools GTMLT1 Attrezzo Multiuso per Chitarra E Basso
di Music Island
 € 20,00 
Nascondi commenti     4
Loggati per commentare

di marchino72 [user #29854]
commento del 21/02/2020 ore 21:32:37
Visti a Milano al Blue Notes anni fa. Inebrianti penso sia la parola adatta.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 22/02/2020 ore 11:27:22
Ho sentito un po' di cose, sono bravissimi, ma dopo 2 minuti mi sembrano un po' noiosi.
Goven ha una pulizia di esecuzione inarrivabile, ma la critica che faccio a questo tipo di progetto è sempre la stessa, perché non mettono la loro maestria a servizio di un buon songwriter?
Potrebbero essere la band del secolo. O almeno i nuovi Mr. Big.
Rispondi
di qualunquemente1967 [user #39296]
commento del 24/02/2020 ore 15:24:40
Ma perché non sono interessati a questo tipo di scelta ...stanno bene cosi come sono . Ciao
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 24/02/2020 ore 15:32:16
Si, se hanno trovato una loro dimensione ci sta.
Vedo che la redazione ne parla spesso, ma a me proprio non mi prendono.
Rispondi
Altro da leggere
"McStine & Minnemann": musica bella e senza tabù
McStine e Minnemann l'album di debutto del duo
Guarda Jon Gomm in concerto dal suo studio
The Aristocrats: “Prima ci fissavano le mani, ora la gente canta con noi”
The Aristocrats: “la nostra storia migliore? La raccontiamo coi nostri strumenti!”
Gli artisti Gibson dal vivo, da casa
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation 19987 Collectors
Visualizza l'annuncio
Ovation 1995 Collectors
Visualizza l'annuncio
Frudua GFF Mix Custom
Seguici anche su:
Altro da leggere
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard
Sfasciano la chitarra al busker: Jack White gli compra una Custom Shop...
Stompbox AmazonBasics: un grande punto interrogativo
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964