CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Jeff Bowders: studiare in una scuola di musica
Jeff Bowders: studiare in una scuola di musica
di [user #116] - pubblicato il

"C'è quella storia per la quale frequentare una scuola di musica comprometta l’originalità, l’unicità della pronuncia di un musicista. Si dice che siccome in una scuola tutti studiano le stesse cose, si formino musicisti fatti con lo stampino, indistinguibili l’uno dall’altro. E' sciocco! Questo tipo di ragionamenti spesso arrivano da persone spaventate dall’idea di mettersi in gioco e confrontarsi con materie che potrebbero davvero metterli alla prova."
Jeff Bowders debutta con la sua serie di pillole didattiche su Accordo e lo fa parlando di scuole di musica, musicisti e diverse attitudine con le quali ciascuno affronta il suo percorso di crescita e formazione.

"C’è un tema di cui vorrei parlare legato al mio lavoro come insegnante al Musician Institute di Hollywood in California. Riguarda il fatto che alcuni si chiedono se sia un bene o no frequentare una scuola di musica. Io credo questa domanda interessi il fatto di frequentare qualunque tipo di scuola o corso di formazione, non solo musicale. 
Frequentare una scuola è un tipo di esperienza positiva o negativa unicamente sulla base dell’attitudine con la quale lo si affronta. Ci sono musicisti che decidono di seguire questo percorso, motivati ad affrontare imparare quante più cose possibile.  E sono umili, pronti ad accettare critiche e suggerimenti perché sono davvero motivati a dare il massimo per diventare musicisti e batteristi al meglio delle loro possibilità.

Jeff Bowders: studiare in una scuola di musica

Una scuola di musica è il posto ideale nel quale puoi finire se questa è la tua attitude, se questa è la tua ambizione.
Viceversa, esistono musicisti che vogliono solo sentirsi dire quanto sono bravi, che nulla del loro playing può essere ottimizzato o cambiato…beh, in questo caso non credo che una scuola di musica sia il posto che fa al caso loro. Frequentare una scuola è calarsi in un ambiente nel quale ci sono delle persone, gli insegnanti, che ti spronano a dare il meglio per sfruttare tutto il tuo potenziale. Ed è ovviamente un percorso nel quale bisogna lavorare sodo e, soprattutto, mettersi in discussione.
Ma c’è un’altra cosa che mi capita di sentire e che trovo insensata. Quella storia per la quale frequentare una scuola di musica compromette l’originalità, l’unicità della pronuncia di un allievo. Si dice che siccome in una scuola di musica tutti studiano le stesse cose, si rischia di diventare musicisti fatti con lo stampino, indistinguibili l’uno dall’altro. Penso che sia un ragionamento sconclusionato! Questo tipo di ragionamenti spesso arriva da persone spaventate dall’idea di mettersi in gioco e confrontarsi con materie che potrebbero davvero metterli alla prova! 



Se frequenti una scuola sei esposto, vulnerabile perché devi fare i conti con materiale, tecniche, repertori che magari non sono quelli che pratichi abitualmente, che conosci e che sono per te confortevoli! E questo terrorizza certi musicisti. Ma se qualcuno vuole crescere come musicista deve affrontare queste paure, queste sfide! Bisogna abituarsi alle situazioni non facile e scomode. Ecco, questa è una bella metafora per descrivere chi è un vero musicista professionista: qualcuno che sa essere a suo agio anche in situazioni non confortevoli. Ad agio persino nel disagio!
E inoltre, aggiungo una cosa: possono esserci centinaia e centinai di batteristi che praticano gli stessi esercizi. Ma sarà comunque impossibile che qualcuno di loro suoni identico ad un altro! Siamo diversi: ognuno ha una storia diversa, un background di ascolti e influenze diverse, un DNA differente! Anche volendolo, è impossibile non esprimersi in maniera diversa gli uni dagli altri. Credere che il fatto di studiare da uno stesso libro, di misurarsi con una stessa tecnica ci rende uguali è sciocco.
Quello di cui piuttosto bisogna preoccuparsi è che se si vuole davvero diventare bravi è necessario studiare più che si può. E ci sarà bisogno di studiare e suonare con quanta più gente possibile. Questa è la cosa giusta da fare."
 
 
 
 Abbiamo trattato questo tema anche in queste lezioni:

STEVE VAI: QUANDO IL DIO DELLA CHITARRA ANDAVA A LEZIONE
NILI BROSH: PRO E CONTRO DI FREQUENTARE UNA SCUOLA DI MUSICA
GRETCHEN MENN: ESSERE VERSATILI E' LA VIA PER L'ORIGINALITA'
batteristi jeff bowders lezioni
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Il sito di Jeff Bowders
Jeff Bowders sul sito della Tama
Scarica e ascolta "Mission" il disco di Jeff Bowders
I metodi di Jeff Bowders sul sito di Hal Leonard

Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
In vendita su Shop
 
DUESENBERG DSDTVGT STARPLAYER TV CHITARRA ELETTRICA SEMI HOLLOW DS-DTV-GT
di Borsari Strumenti Musicali
 € 2.349,00 
 
D'Addario NYXL1052 Nickel Wound Light 10-52
di Banana Music Store
 € 12,00 
 
Peace MD-2614AL
di Banana Music Store
 € 314,00 
 
FLOYD/SCHALLER LEVA TREMOLO BLACK
di Boxguitar.com
 € 25,00 
 
Hohner Marine Band Crossover F ( FA )
di Gas Music Store
 € 56,00 
 
Meinl CL3RW
di Banana Music Store
 € 28,00 
 
Tip a punta per selettore Alpha 3v vintage white
di Chitarre e componenti
 € 0,50 
 
Gator GRR-8L
di Banana Music Store
 € 350,82 
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Le origini di Marco Minnemann
Marco Minnemann fa 13!
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16
Simon Phillips: Suono & Accordatura
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi
Niente tempi difficili con Marco Minnemann
Simon Phillips e gli ostinato
Aaron Spears: pensare solo al groove
Aaron Spears: sospensione & pulsazione
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani.
Yuya Maeta: tra Marty Friedman e Babymetal
Linear Fill: il metodo di batteria
Adam Deitch: batterista e produttore
Adam Deitch: Reggae & Dancehall
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Virgil Donati: come nasce una canzone
Fondere stili per creare groove ibridi
Federico Paulovich: la musica è divertimento, riflessione e leggerezza
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Adamas 1681-9 anno 1983
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Seguici anche su:
Altro da leggere
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964