CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Tre scorciatoie per incattivire le tue chitarre metal
Tre scorciatoie per incattivire le tue chitarre metal
di [user #17844] - pubblicato il

Manovrare tracce, mix e melodie con un po' di sana sperimentazione può aiutare a creare un vero muro del suono. Ecco tre esperimenti sul campo.
Jackson SL3X alla mano, una selezione di amplificatori riferimento per la categoria e una buona collezione di Impulse Response per i cabinet, in un recente articolo abbiamo esplorato le basi del suono hi-gain.
Il timbro giusto e un riff ben congegnato però possono non bastare per dare vita al muro di suono che trasforma un brano metal in una “sinfonia della distruzione”. In studio, arrivano in soccorso alcuni espedienti giusti per rendere le chitarre ancora più cattive, ingombranti, violente.
Ecco tre spunti classici per dare un tocco originale alle proprie chitarre metal.

Tre scorciatoie per incattivire le tue chitarre metal

Duplicare la traccia
Ottimo nel rock e nel metal, ma adattabile pressoché a qualsiasi contesto musicale, sdoppiare una traccia è un sistema efficace e immediato per accrescere l’impatto e la profondità della parte.
Sulle note di “Annihilator”, della band omonima, abbiamo sperimentato il raddoppio a partire da una singola traccia.
Abbiamo suonato il riff una sola volta. Poi abbiamo duplicato la traccia e abbiamo diviso le due parti sul panorama stereo: una a sinistra, una a destra. Infine, abbiamo applicato due equalizzazioni diverse e per certi versi complementari. In una abbiamo applicato una tipica EQ a V, nell’altra invece abbiamo effettuato una leggera gobba sui medi, a compensare il divario di frequenze.
Il risultato è una doppia chitarra che ingrossa l’intero spettro in un panorama stereofonico, un vero muro di suono che dà il meglio, appunto, quando ascoltato con due casse stereo o in cuffia.

Doppiare la traccia
Ciò che siamo andati a emulare è la presenza di due chitarre. La precisione chirurgica delle due tracce, però, tradisce la natura “virtuale” del raddoppio.
Abbiamo quindi chiamato in causa i Megadeth con “Symphony Of Destruction” e abbiamo suonato il riff due volte.
La prima volta lo abbiamo eseguito con un suono convincente, scavato sui medi, violento. La seconda, con un timbro più incisivo, privilegiando i medio-alti e l’attacco delle note.
Sommando le due tracce, il risultato è una variante di quanto visto nel primo esempio, con una dimensione spaziale maggiore data dalle leggere differenze di intonazione, intenzione e timing tra le due take.

Armonizzare
Non si può pensare all’armonizzazione di più chitarre senza tirare in causa gli Iron Maiden.
Suoniamo Fear Of The Dark: il timbro della band britannica richiede un’impostazione tipicamente solista, con medi non troppo arretrati e con acuti più smussati per non venire fuori eccessivamente frizzanti.
Rispetto all’utilizzo di un harmonizer elettronico, usare due chitarre vere permette di guadagnare la profondità di due take differenti come accaduto nell’esempio precedente.
Sul piano melodico, permette di abbellire i brani con un piccolo virtuosismo d’orchestrazione.
Sul versante pratico, differenzia i ruoli delle due chitarre per evitare ridondanze nell’arrangiamento.
Sul livello sonoro, ingrossa sensibilmente le melodie per farle primeggiare su qualsiasi mix.

Tre scorciatoie per incattivire le tue chitarre metal

Tutto insieme
Quelli affrontati sono solo alcuni esempi delle innumerevoli vie con cui rendere più interessante un mix metal. Anche sommarli tra loro può essere un’idea per esplorare nuove sfumature.
Nell’esempio finale, “Raining Blood” degli Slayer, abbiamo sommato quanto fatto finora dando vita a un passaggio a tre chitarre: due ritmiche e una d’armonizzazione.
Il riff è stato suonato una sola volta, ma sdoppiato sullo spettro stereo e differenziato sui due canali attraverso l’equalizzazione. Abbiamo preferito non suonare realmente le due tracce perché, con così tante chitarre in ballo, il rischio di risultare in una ritmica troppo ingombrante, slabbrata e poco incisiva sarebbe stato eccessivo.
La terza chitarra armonizza la melodia ma, come nella versione originale del brano, doppia all’unisono il palm mute. Così facendo, la percussività è assicurata e tre chitarre colpiscono come un martello sulle note stoppate per poi aprirsi in frequenze e armonie sulle parti melodiche del riff.

chitarre elettriche il suono jackson sl3x tecniche di registrazione
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Esperimenti alla scoperta del suono metal
In vendita su Shop
 
Sabian HHX Evolution Crash 16" Nuovo Imballato, Spedizione Omaggio
di Dream Music Studio
 € 259,00 
 
Legère Signature Clarinetto Sib 2.25
di Banana Music Store
 € 37,90 
 
Vic Firth T1 General
di Banana Music Store
 € 44,00 
 
Dunlop 202 Glass Slide Regular Medium
di Music Island
 € 8,00 
 
Arturia Rackbrute 3U
di Banana Music Store
 € 258,00 
 
PIONEER XDJ RX2 Controller DJ 2 deck standalone
di Music Delivery
 € 1.679,00 
 
Beamz BBB612
di Banana Music Store
 € 259,00 
 
gibson es335 td 12 (1966)
di Scolopendra
 € 3.950,00 
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di FakkWylde [user #46330]
commento del 19/03/2020 ore 12:39:45
"Doppiare la traccia
Ciò che siamo andati a emulare è la presenza di due chitarre. La precisione chirurgica delle due tracce, però, tradisce la natura “virtuale” del raddoppio."
La soluzione più rapida sarebbe introdurre un piccolo ritardo in modo da dare la percezione di due chitarre distinte.
Anche se la soluzione che da più libertà è doppiare la chitarra inserendo qualche armonizzazione o cambiando posizione dell'accordo.
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 19/03/2020 ore 15:56:26
ב"ה

Appunto! Io uso il doubler di Waves eliminando in genere la traccia centrale
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 19/03/2020 ore 16:02:34
Vero, è un'ottima alternativa, ma anche lì bisogna fare attenzione perché un ritardo troppo ridotto potrebbe dar vita a uno spiacevole effetto flanger.
Rispondi
di e.n.r.i. [user #46044]
commento del 20/03/2020 ore 10:10:19
Al di là dei consigli, sempre utili ed efficaci, ho molto apprezzato la realizzazione di questa "pillola": il video sdoppiato con le scritte in sovrimpressione rendono il messaggio chiarissimo ed immediato. Complimenti!
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 20/03/2020 ore 11:12:11
Ottimo video. Tra l'altro hai ripercorso la mia infanzia e giuventù musicali... Nessuna responsabilità, tanto divertimento ed i capelli...
Rispondi
Altro da leggere
Tastiere a ventaglio su due Solar a sei e sette corde
Violenza e stile firmati Marty Friedman: in prova la Jackson MF-1 Purple Mirror
Nel legno, su cornice o battipenna: cosa cambia per un pickup
La Slash Collection sbarca su Epiphone
Cosa rende speciale la Ibanez Quest
Eurus: la prima chitarra BOSS con synth integrato
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964