CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
The Framers: un groove sull'orlo del precipizio
The Framers: un groove sull'orlo del precipizio
di [user #116] - pubblicato il

Esattamente tra una settimana, il prossimo venerdì 19 giugno, uscirà per Egea Music “Zig Zag” il nuovo disco dei “The Framers”. L’album conterrà otto brani strumentali e tre interludi, tutti ispirati ai capolavori della Galleria Internazionale di Arte Moderna Ca’ Pesaro di Venezia che collabora al progetto. In questo appuntamento Phil Mer e Andrea Lombardini anticipano un frammento di uno dei brani dell’album, "Precipizio", eseguendolo dal vivo e spiegandolo.

The Framers: un groove sull'orlo del precipizio

 A che opera è ispirato questo brano e che legame avete evidenziato, questa volta, tra quadro e musica?
Phil Mer: Precipizio” è un pezzo ispirato all’opera omonima di Mark Tobey, un artista americano. Si tratta di un quadro astratto del 1957, un insieme di macchie e puntini neri su una carta bianca, capace di evocare una sensazione di spaesamento, caduta. La sezione di groove che abbiamo suonato è il movimento centrale della composizione. Credo che quello che facciamo si leghi bene all’immagine a livello narrativo: la sensazione è davvero quella di un groove che precipita, capace di fornire quel senso di caduta, di vertigine.
 
Come avete cercato di rendere questa sensazione?
“Attraverso una continua aggiunta di note, che nel sommarsi generano anche un’accelerazione. E questo simula in parte la caduta, quando nell’arrancare per non perdere l’equilibrio si aumenta e accelera il passo. A contribuire a questo effetto c’è un approccio esecutivo spigoloso che non fa niente per aiutare il groove a girare. Volutamente si vuole suggerire l’impressione che si incespichi.

The Framers: un groove sull'orlo del precipizio

"Precipizio" Mark Tobey, 1957

 Direi che siete stati efficaci!
Sì. Questo groove è un equilibrio precario perché simula la camminata di qualcuno che procede sull’orlo di un precipizio e, ogni tanto, guardando giù, viene colto da vertigine.
È un tipo di groove nel quale hanno un’importanza decisiva gli spazi, le pause: il vuoto tra una nota e l’altra ha la stessa importanza della nota stessa.
 
Che sembrerebbe ovvio, eppure…
Eppure, a volte, suonando la batteria non ci si pensa. Quando si suona un groove, spece se dritto, si entra come in una sorta di mantra, di danza, ripetendo sempre la stessa cosa. Invece bisogna ricordarsi di dare il giusto peso alla pausa, allo spazio. E non bisogna perdersi all’interno di questo spazio! Anche le pause possono essere fuori tempo! E avere l’abilità di gestire esattamente una pausa è imprescindibile per gestire un groove come questo!


 
Andrea, dal tuo punto di visto cos'ha di peculiare questo groove?
Andrea Lombardini: "Direi il fatto che all’interno di questo groove ci sono cinque suddivisioni differenti di quantizzazione. Normalmente in un riff, un lick, un giro di basso c’è una figura ritmica preponderante: ottavi, sedicesimi… Qui la parte è costruita in maniera variegata tra ottavi e sedicesimi ma c’è anche una terzina e una quintina. Così, ci sono dei momenti in cui, mentre lo suoni, devi quantizzare in maniera diversa il tuo senso ritmico interno."
 
Come si può affinare questa capacità?
Con il metronomo regolato molto lento: eseguendo scale, arpeggi, esercizi di tecnica utilizzando differenti quantizzazioni…con il metronomo, per esempio, a 40 bpm eseguire i quarti, le terzine di ottavi, i sedicesimi, quintine, sestine, gruppi di sette e poi trentaduesimi…

The Framers: un groove sull'orlo del precipizio

Ecco la trascrizione del groove di "Precipizio": si tratta di un groove ciclico di 15 quarti suddivisibili in 8+7 (oppure 4 + 4 + 4 +3 come scritto per facilità di lettura), le note sono tutte riconducibili alla scala di F#- naturale. La peculiarità è la presenza di gruppetti di 5 e di 3 all'interno di un portamento per lo più avente i sedicesimi come minimo comune multipo ritmico, questo rende il groove molto più difficile da controllare ritmicamente. (Andrea Lombardini)


 
album italiani andrea lombardini interviste phil mer the framers
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Acquista "Zig Zag" dei "The Framers" su Bandcamp
The Framers sul sito di Egea Music
La pagina dei The Framers
La pagina di Phil Mer
Il sito di Andrea Lombardini
La pagina del Qrecording Studio
Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
In vendita su Shop
 
Mackie SRM350 V3
di Banana Music Store
 € 316,00 
 
KORG GA1 Accordatore per chitarra e basso
di Centro della Musica
 € 12,90 
 
Jackson JS Series Dinky Arch Top JS32 DKAM, Maple Fingerboard, Snow White
di Centro della Musica
 € 299,00 
 
Fibracell Premier Sax Alto 5.5
di Banana Music Store
 € 19,50 
 
ELECTRO HARMONIX V256 VOCODER
di Boxguitar.com
 € 229,00 
 
Beamz Pandora 1600
di Banana Music Store
 € 769,00 
 
GOTOH PONTE PER BASSO VINTAGE RELIC
di Boxguitar.com
 € 69,00 
 
Proel SPL252
di Banana Music Store
 € 66,00 
Nascondi commenti     0
Loggati per commentare

Al momento non è presente nessun commento
Altro da leggere
Dado Neri: tecnica, riscaldamento & slap sul basso elettrico
Ellade Bandini & le spazzole di Paolo Conte
Lorenzo Feliciati: "Koi", musica di fusione
Steve Vai e Billy Sheehan raccontano "Eat 'em and Smile"
Dado Neri: hammer on, pull off & slide sul basso elettrico
Agostino Marangolo: musiche da horror
Adam Deitch: batterista e produttore
Massimo Moriconi: la tecnica serve per fare musica
Pierpaolo Ranieri: curiosità, ascolto e studio per crescere nella musica
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
Maurizio Dei Lazzaretti: lettura, ascolto e interpretazione
Quali pedali sono indispensabili per suonare il basso? - Parte 2
The Framers: il jazz contemporaneo racconta la pittura
The Major Scale: il libro di Federico Malaman
Andrea Lombardini sul palco dei Giardini di Mirò
"Rumble" il nuovo lavoro di Lorenzo Feliciati
"I am a Peacock": intervista a Pierpaolo Ranieri
Phil Mer e Andrea Lombardini: groove erotici e sogni dispari
Meglio poche note ma col cuore
La chitarra di Misha Mansoor per i groove di Federico Paulovich
Warm Up: Solieri, Gussoni, Dei Lazzaretti e i Mancuso
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Adamas 1681-9 anno 1983
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Seguici anche su:
Altro da leggere
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964