CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Fuzz e pantaloni a zampa
Fuzz e pantaloni a zampa
di [user #6868] - pubblicato il

Con l’avvento del transistor al silicio, gli anni ’70 hanno preparato il terreno ai moderni overdrive e distorsori. Ecco l’ultimo atto del glorioso fuzz.
Nell'articolo "La rivoluzione del Fuzz-Tone" e nel seguito "Fuzz-Guitar: la colonna sonora degli anni '60" abbiamo fatto un excursus sulla storia della chitarra distorta e del fuzz, dalle origini nei primi anni '50 al 1968.
Questa è la terza e ultima parte del nostro viaggio nel tempo attraverso l'evoluzione del "fuzz-rock" da un punto di vista tecnico, storico e culturale.
In questa ultima tranche, anch’essa corredata da filmato, riesaminiamo il periodo compreso tra i tardi anni '60 e la fine dell'epoca dei fuzz vintage, a metà degli anni '70: gli anni in cui i pantaloni "a zampa di elefante" andavano di gran moda.

Fuzz e pantaloni a zampa

Durante gran parte degli anni ’60, i transistor al germanio erano la tipologia di uso più comune nell'industria elettronica. Questi componenti sono estremamente soggetti a sbalzi di temperatura: sembra addirittura che Hendrix, durante i sound check, provasse con cura diversi pedali Fuzz Face per trovare quale in quel momento rispondesse meglio a quelle specifiche condizioni ambientali.
È per questo comportamento “lunatico” che ho soprannominato i componenti al germanio "transistor umorali".

Verso la fine degli anni '60, l'industria stava passando dai transistor al germanio ai più compatti e affidabili transistor al silicio, dalla qualità più omogenea e dalle prestazioni più costanti.
La maggior parte dei pedali fuzz sul mercato subì questo processo di trasformazione.
Alcuni esempi sono il Fuzz Face, il Mosrite Fuzzrite e il Maestro Fuzz Tone, che fu prodotto in una nuova versione siglata FZ-1B con due transistor al silicio.

I fuzz al silicio hanno un guadagno leggermente maggiore e più frequenze alte.
Dal punto di vista sonoro, molti musicisti tendono a preferire il germanio anche se è fuori discussione che esistano molti fuzz al silicio dal suono eccellente.

Fuzz e pantaloni a zampa

Proprio in questo periodo di transizione, una nuova generazione di pedali fuzz arrivò dall'est.
Il talentuoso ingegnere giapponese Fumio Mieda della Shin-ei progettò il versatile e malleabile FY-6 e il più abrasivo e acido FY-2, un pedale caustico quanto affascinante.
Lo FY-6, a sei transistor, fu originariamente prodotto dal marchio di breve vita Honey e successivamente venne commercializzato col marchio americano Univox sotto il celebre nome di Super-Fuzz. Seguendo l'Octavia di Roger Mayer, il Super-Fuzz combina la distorsione fuzz con armoniche di differenti ottave.

Shin-ei aveva una confusa politica commerciale e i suoi pedali erano reperibili sul mercato con tantissimi marchi diversi: Companion, Apollo, Shaftsbury, Mica, Hohner, Jax, Kimbara, Kent, Crown, May Fair, Teisco e Royal sono solo alcuni esempi di pedali che condividevano lo stesso identico circuito Shin-ei.

Anche Fender si lanciò nel mercato del fuzz, producendo l'apprezzato Blender, piuttosto simile all'Univox Super-Fuzz e, di conseguenza, all'Octavia di Roger Mayer.
Ma nel mercato del fuzz stava per entrare un altro pedale destinato a rivestire un ruolo da protagonista negli anni a venire.

Mosrite produceva il suo Fuzzrite anche per conto di Guild, in versione rinominata “Foxey Lady Fuzz”: chiaro richiamo commerciale al fenomeno Hendrix.
Quando Mosrite si ritirò dal mercato, Guild commissionò una nuova versione del Foxey Lady al giovane e promettente tecnico Mike Matthews. Matthews sviluppò gradatamente un riuscito fuzz di nuova concezione, che finì col diventare il celebre “Big-Muff Pi”, prodotto con suo marchio proprietario "Electro-Harmonix".
Il pedale Big Muff viene considerato - sotto l'aspetto sonoro - l'anello di congiunzione tra il fuzz anni '60 e la più moderna distorsione da "op-amp" dei successivi decenni: è l'inizio di un nuovo capitolo nella storia del fuzz.

Fuzz e pantaloni a zampa

Dal punto di vista musicale, gli anni “dei pantaloni a zampa di elefante” sono un fermento di idee innovative e, conseguentemente, di musica fresca e vitale. I pedali prodotti in questo periodo giocano un ruolo di primo piano, ispirando una gloriosa stagione di fuzz-rock.
Addentrandosi negli anni '70, molti musicisti cominciarono gradatamente a considerare i pedali fuzz tecnicamente obsoleti e stilisticamente superati: modi più pratici e flessibili di distorcere la chitarra si stavano facendo strada.
Gli overdrive a op-amp arrivarono sul mercato, emulando la distorsione valvolare con convincente realismo. Gli amplificatori cominciarono a includere un controllo di master volume o sofisticati sistemi multi-canale, permettendo un elevato grado di distorsione valvolare per la solistica a volumi più contenuti e gestibili. Tuttavia, nonostante la tendenza generale, il fuzz non abbandonò mai completamente la scena.

Nel filmato ripercorriamo anche alcuni momenti salienti dell’epoca di riflusso in cui i pedali fuzz sembravano destinati a scivolare nel dimenticatoio. E invece, sorprendentemente, a cominciare dagli anni '90, il fuzz-tone conosce addirittura una seconda giovinezza che dura ancora oggi con buona pace di alcuni tra i più celebri chitarristi della scena internazionale.

Dunque ha ancora senso parlare di fuzz in epoca di digital profiling amplifier ed effects processor? Ha ancora senso avere interesse per il suono spernacchiante e rozzo di questi vecchi e semplici circuiti con due o tre transistor?
Abbiamo provato a rispondere a queste domande in un filmato che ripercorre la storia del fuzz in questa epoca irripetibile.
Il filmato è in lingua inglese con accurati sottotitoli italiani attivabili dalle opzioni del player.

effetti e processori effetti singoli per chitarra gli articoli dei lettori
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
La rivoluzione del Fuzz-Tone
Fuzz-Guitar: la colonna sonora degli anni '60
In vendita su Shop
 
ZOOM - V3 MULTIEFFETTO x VOCE
di Music Works
 € 189,10 
 
Samson MD1PRO D.I. Box Pro mono - Passiva
di Centro della Musica
 € 69,00 
Visualizza il prodotto
Fredenstein Bento 6s Lunchbox A 6 Slot
di Music Delivery
 € 299,00 
 
Jackson Audio Blossom Compressor
di Daniele Guido Cabibbe
 € 179,00 
 
ortega quantum loop
di Scolopendra
 € 170,00 
 
Ibanez AP7 ANALOG PHASER. NUOVO IMBALLATO
di Dream Music Studio
 € 65,00 
 
Rockbox Red Dog Distortion - Prima Serie (spedizione inclusa)
di Gas Music Store
 € 119,00 
 
Soundsation Mpt-20 Mini Pedal Tuner Accordatore
di Music Island
€ 39,00
 -26%  € 28,86
Nascondi commenti     17
Loggati per commentare

di jack182 [user #41282]
commento del 08/07/2020 ore 16:32:29
Bellissimo articolo, come sempre. Complimenti! Alla tua domanda "ha ancora senso parlare di fuzz in epoca di digital profiling amplifier ed effects processor", la mia risposta è assolutamente sì. A parte l'essere convinto che il digitale nonostante i passi da gigante non sia paragonabile al singolo stompbox (e ancor più se parliamo di Fuzz), per me ogni fuzz che ho posseduto è stata fonte di ispirazione. Ne ho diversi, e sicuramente continuerò a comprarne! Lunga vita quindi sia al vintage che agli attuali guru come d*a*m, Castledine, ecc. (recentemente ho scoperto Laundromat, con il suo thunderbird mki... Fantastico)
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 08/07/2020 ore 18:18:39
Grazie del tuo feedback e delle interessantissime considerazioni Jack!
La mia naturalmente era una domanda retorica ih! ih! : )
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 08/07/2020 ore 17:23:19
Bellissimo video, come al solito! Ottimi contenuti
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 08/07/2020 ore 18:19:15
Grazie, felice che il filmato ti sia piaciuto.
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 08/07/2020 ore 18:21:11
Nel filmato c'è anche un piccolo omaggio a Morricone, fatto qualche settimana prima che ci giungesse la notizia della sua scomparsa.
Rispondi
di Tubes [user #15838]
commento del 08/07/2020 ore 22:31:03
Grande Bob, ci regali sempre ottimi spunti e confezioni dei video che sono delle perle. Bravo!
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 08/07/2020 ore 22:50:
Grazie per questi tuoi incoraggianti commenti Tubes! Sono felice che i miei video ti piacciano.
Rispondi
di Gibson77 [user #15773]
commento del 09/07/2020 ore 15:08:48
Come sempre un capolavoro! Verissimo che il Fuzz va considerato un vero e proprio strumento... Hai una grande cultura Bob, ti auguro ogni bene.
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 09/07/2020 ore 15:19:28
Grazie per le tue gentili parole di apprezzamento Gibson 77!
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 09/07/2020 ore 19:28:29
Il video va visto anche solo per la maglietta di quando imbracciavi la Tele :-)))
Spettacolare....
Io non amo i Fuzz ma questo video me li fa apprezzare...molto bella la comparazione tra i suoni ottenuti negli anni 60-70 e quelli piu' recenti. C'e' stato comunque un cambiamento nel loro utilizzo e il suono di conseguenza....
Bellissimo video....grazie
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 09/07/2020 ore 19:49:42
Ha! Ha! Gloriosa T-Shirt "psichedelica" : )
Sono davvero felice che il video ti sia piaciuto e che sia servito a farti apprezzare di più i fuzz!
Rispondi
di jakeelee [user #34260]
commento del 10/07/2020 ore 03:54:28
Bravo!!!
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 10/07/2020 ore 08:54:1
Grazie Jake!
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 10/07/2020 ore 11:09:59
Questa valida e completa "trilogia" ha destato il mio interesse sebbene il tipo di processore di suo non abbia mai toccato troppo le mie corde. È impossibile non restare catturati dalla narrazione e dal fascino del contesto storico per come viene illustrato.
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 10/07/2020 ore 12:50:36
Grazie del tuo feedback Simone, sono davvero felice che i 3 video ti abbiano mostrato il fuzz sotto una luce diversa!
Rispondi
di BizBaz [user #48536]
commento del 10/07/2020 ore 11:34:40
Ciao Bob, sì ha senso, il fuzz è un suono imprescindibile che sa di storia del Rock molto più di tanti altri. Come potremmo farne a meno?
Personalmente non amo i fuzz troppo spinti, preferisco quelli anni '60 che a mio parere hanno suoni più modulabili e, se ben gestiti col volume, si ripuliscono benissimo con il solo potenziometro della chitarra.
A proposito dell'ultimo discorso sulla difficoltà di gestire la distorsione dei fuzz, nella catena del suono fondamentale è la scelta del pickup: quelli con un'uscita medio bassa aiutano a gestire il gain (che è tanto).
E' anche una buona idea usare un equalizzatore a valle che aiuta ad evitare l'effetto zanzaroso bzz bzz.
Il suono del pickup al ponte secondo me è più interessante.
Rispondi
di bobchill [user #6868]
commento del 10/07/2020 ore 12:49:19
Grazie per il tuo parere e le tue utili osservazioni BizBaz!
Rispondi
Altro da leggere
PRS SE Custom 24: la MIA chitarra
Ripetente di Fattoria Mendoza - delay artigianale in salsa vintage
Bugera V22 Infinium: eppure suona!
Keeley Hydra: riverbero, tremolo, preset e funzioni alternative
Cry Baby Junior: piccolo ma non troppo e ancora più versatile
Magma 57: Vibrato e Drive in stile Magnatone a pedale
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Frudua GFF Mix Custom
Visualizza l'annuncio
MXR Dyna Comp
Visualizza l'annuncio
Ovation 1619-1 Custom Legend 1981
Seguici anche su:
Altro da leggere
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard
Sfasciano la chitarra al busker: Jack White gli compra una Custom Shop...
Stompbox AmazonBasics: un grande punto interrogativo
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964