CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Parola d'ordine, concentrazione
Parola d'ordine, concentrazione
di [user #116] - pubblicato il

Continuiamo a parlare di Warm-Up e preparazione prima di un concerto o una sessione di registrazione. In questo ciclo di articoli stiamo coinvolgendo alcuni dei musicisti più in vista della scena italiana.
Ciro Manna
Non ho alcun rituale pre concerto anche perché, a dire il vero, quasi mai c’è il tempo per fare alcunché; quello che succede è che si finisce di mangiare e si sale, immediatamente sul palco così, a crudo. Le volte invece in cui c’è la possibilità di avere maggiore tempo e tranquillità, allora approfitto per suonacchiare un po’. Soprattutto cerco di tenere calde le prime cose che dovrò eseguire in scaletta, così da partire bello deciso nello show. Lo faccio perché la fase iniziale dello show è quella più critica, nella quale devi rompere il ghiaccio ed entrare nel mood della serata. Se riesci a tenere testa e mani belle pronte e reattive nella fase iniziale del concerto, poi è tutto in discesa e le cose ti escono con maggiore fluidità e naturalezza perché sei entrato nella parte. Ecco, in quei casi, a livello tecnico, mi prendo un paio di minuti per fare un po’ di stretching a mani e dita, così da scaldarmi più facilmente.
Poi la D’Addario, con la quale ho collaborato, mi ha dato questo Woodwinds Practice Grip che è un esercitatore tascabile per mani e dita…non è niente male.
 
Parola d'ordine, concentrazione

Marco Scipione
Come riscaldamento tendo a differenziare quello che faccio prima di una registrazione o prima di un live.
Se devo affrontare un live cerco di ritagliarmi un quarto d’ora, 20 minuti per immaginarmi come sarà il primo pezzo: provo a suonarmelo mentalmente, senza strumento in mano. Se possibile, nel silenzio assoluto. Mi concentro sul primo e secondo pezzo della scaletta perché sono quelli che di solito, fatico maggiormente a suonare al meglio delle mie possibilità: succede perché il concerto è appena iniziato e magari sono molto concentrato nell’ascoltare gli altri musicisti. E una fase iniziale, di una decina di minuti, finita la quale riesco a portare tutta la concentrazione su me stesso, su come suono ed entro completamente nel concerto. Suonare mentalmente, immaginare i primi due brani del set mi aiuta a entrare più facilmente e velocemente nel mood del concerto.
Lo studio di registrazione è diverso: lì la differenza lo fa il lavoro di preparazione che ho fatto a casa. Se devo registrare un pezzo che mi hanno dato da preparare, lo studio fino alla morte e così in studio, anche se ho davanti l’artista importante per il quale sto incidendo, sono tranquillo perché mi sento preparato. Succede però che la gran parte delle volte si venga chiamati in studio senza che l’artista abbia ancora le idee perfettamente chiare e si voglia lavorare assieme alla ricerca delle parti e di ciò che serve. In quel caso, la preparazione è quella che si fa nella vita di tutti i giorni: io che ogni giorno lavoro per essere un musicista migliore. In quelle situazioni si sta offrendo quello che si è in quel dato momento della propria vita e storia musicale. 

Parola d'ordine, concentrazione
 
Matteo Bassi
Devo ammettere che in questo senso sono pessimo perché l’unico warm up che faccio prima di una performance è quello di spegnere la testa e ogni collegamento con il mondo, respirare e cercare di svuotare la mente da qualsiasi pensiero scomodo. Pensiero che comunque sparisce appena alzo il volume.

Parola d'ordine, concentrazione

Eros Pistoia
Prima di un concerto dei Jaspers controllo che tutto il palco sia in ordine, tutta la mia strumentazione, gli abiti di scena, oggetti vari, maschere e tutto quello che serve sul palco per lo show. Questo già mi permette di non avere pensieri aggiuntivi e inutili durante il concerto. Quindi, posso pensare a cambiarmi con calma e "cazzeggiare” in allegria con gli altri in camerino.
Alcune sere, se ne sento il bisogno, faccio giusto qualche esercizio di respirazione e un minimo di stretching, ma solo quando ne sento la necessità, senza rituali.
Tendenzialmente non faccio gran riscaldamento tecnico e meccanico, mi limito a suonare i miei pezzi o liberamente a chitarra “spenta” poco prima di salire sul palco, quando ne ho voglia.
Lo faccio sempre invece se fa freddo e l’esibizione è all’aperto in inverno! In quei casi faccio andare le mani di brutto prima di suonare! 
Stesso discorso vale per le sessioni in studio, dove la mia attenzione va più nel vivere il momento presente: trovare un contatto con le persone con lui lavoro e godermi la situazione per tirare fuori il meglio.
Per il discorso televisivo invece, mi risuono tutto qualche ora prima della diretta, e se c’è qualche brano o passaggio che voglio ripassare o tenere a mente cerco di non ripassarlo troppo a ridosso dell’esecuzione, perché può essere fonte di ansia o di chiacchiericcio della nostra mente e il rischio è poi quello di suonarlo troppo tesi. Oltretutto, cerco sempre di non essere distratto da niente, perché quello ti può far sbagliare davvero soprattutto nei tempi televisivi. 
Insomma, cerco in ogni situazione di essere preparato, anche in quelle più stressanti cerco sempre di essere tranquillo e soprattutto di vivermi e godere il momento.
 
Parola d'ordine, concentrazione

Daniel Fasano
Non ho un rituale vero e proprio. A volte non faccio proprio niente! Però dipende dai concerti.  A volte se il concerto è grosso e sento particolarmente la data, allora faccio un paio di esercizio sul pad, due rudimenti che si chiamano Flam Tap o Flam Accent. Li faccio sempre alla velocità metronomica del primo pezzo della scaletta. È utile perché ti concentri sull’inizio del concerto, sulla velocità corretta e quindi diventa molto utile se magari quel pezzo dovrai suonarlo senza click.
 
Michele Quaini
Prima di una performance non ho grandi rituali di preparazione. Quando ero più giovane, e suonavo dei locali locali dove ho fatto quasi 10 anni gavetta, magari mi stonfavo birre e intanto controllavo accordatura! Poi, crescendo e iniziando a fare tour con artisti più importanti ho imparato a ritagliarmi un angolo di 10 minuti in cui stare da solo e ti dirò, per me in quel frangente non è nemmeno indispensabile avere lo strumento.
Il punto è che, davvero, non sono un pipparolo da riscaldamento! Lo so che è sbagliato ma a meno che non si tratti davvero di situazioni straordinarie, per me è una grande noia stare a fare gli esercizi di riscaldamento prima dello show!
Ovviamente sono consapevole che quando devo affrontare delle situazioni più chitarristiche (Demo, Clinic, Fiere…) riscaldarsi è pressoché indispensabile perché, altrimenti, se le mani sono al 70% delle loro possibilità si rischiano figuracce. Però sono situazioni in cui le mani viaggiano sulla chitarra, c’è una grande fisicità! Nei tour pop pop, può capitare qualche spot così impegnativo chitarristicamente ma per la gran parte della scaletta devi eseguire arpeggi, temi, accordi cose per le quali non c’è così bisogno di fare un gran riscaldamento. Semmai lì, c’è il grande problema della concentrazione. Quando suoni musica chitarristica, una volta che le mani sono calde, entri in quel trip è viaggi! In una data di un tour pop, possono passare cinquanta minuti nei quali suoni degli arpeggi e qualche power chord e poi d’improvviso arriva l’assolo al fulmicotone per il quale devi farti trovare concentrato, ispirato, caldo!
In ogni caso, lo ripeto: so che sbaglio e so che dovrei scaldarmi sempre ma per il momento, le cose più importanti prima di un concerto per me sono avere un po’ di tranquillità e controllare bene l’accordatura della chitarra. Ecco, non disdegno e anzi mi fa piacere, bere mezzo bicchiere di buon vino.
 
Parola d'ordine, concentrazione
 
Francesco Lucidi
Riscaldamento... un bel termine che spesso rimane solo un’utopia!
Raramente, mi capita di avere il tempo per poter prendere un pad e scaldare le mani prima di un concerto.
Quello che faccio sempre però, sono degli esercizi fisici; cose molto semplici e banali, tipo una corsa sul posto, stratching del collo e braccia. 
La cosa importante per me è riscaldare tutto il corpo per sentirmi reattivo, bello prima di salire on stage.
Comunque, avendo sempre le bacchette in mano, faccio dei colpi singoli sulla coscia che vanno sempre bene. 
Sono cresciuto con un grande insegnamento da parte di mio fratello che mi diceva sempre: “Devi essere preparato al punto tale che anche quando sali sul palco "a freddo" sei in grado di fare una buona performance”
 
Parola d'ordine, concentrazione
 
Mario Guarini
Prima di una performance dal vivo dopo tanti anni di musica, non avverto il bisogno di riscaldarmi. Anzi, ho maturato la convinzione che un intenso riscaldamento pre concerto tolga un po’ di energia allo show. Io devo iniziare il concerto con la piena voglia e desiderio di suonare! il line check mi serve per entrare nell'atmosfera del concerto e quello mi basta perché, come ho detto, non ho bisogno di scaldarmi tecnicamente sullo strumento ma devo semmai raggiungere la giusta concentrazione da concerto qualche minuto prima.
Ecco, prima di uno show per me è importante ricontrollare tutta l'attrezzatura. Salire sul palco quindici minuti prima e verificare che tutta l'attrezzatura sia a posto mi permette di entrare nella piena concentrazione anche perché è un modo per isolarmi dal resto. 

Parola d'ordine, concentrazione
daniel fasano eros pistoia francesco lucidi lezioni marco scipione mario guarini michele quaini
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Il sito di Ciro Manna
La pagina di Matteo Bassi
La pagina di Marco Scipione
La pagina di Daniel Fasano
Il sito di Mario Quarini
La pagina di Eros Pistoia
La pagina di Michele Quaini
In vendita su Shop
 
ashdown bass envelope plus
di Scolopendra
 € 40,00 
 
Dunlop EP101 Echoplex Preamp
di Banana Music Store
 € 133,00 
 
KORG Slimpitch RW - Limited edition
di Banana Music Store
 € 20,90 
 
Zoom APH-1 kit accessori per H1
di Music Island
 € 19,00 
 
Beamz AC-130
di Banana Music Store
 € 29,90 
 
VIC FIRTH - AB BJR JAZZ RAKE JAZZ BRUSH VIC FIRTH AB BJR SPAZZOLE JAZZ IN NYLON
di Music Works
 € 35,00 
 
Alvarez RU26T
di Banana Music Store
 € 99,00 
 
STEFY LINE KC66 BORSA PER TASTIERA CUSTODIA PIANO DIGITALE (66x31x10) KC-66
di Borsari Strumenti Musicali
 € 75,00 
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Vandenberg: "Il Prog non è sexy. Keith Richards sì"
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
The Major Scale: il libro di Federico Malaman
Federico Malaman: il Ritmo nell'improvvisazione
"Tecnica, Fraseggio & Esercizi": il metodo di Gianni Rojatti
Paul Gilbert: sostituzioni, esercizi & pause
Metronomo: esercizi per la coordinazione
Basso: esercizi per conoscere la tastiera
Matt Garstka: come creo gli esercizi
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
Questi esercizi sono la scoperta dell'acqua calda
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Il riscaldamento per il musicista
Warm up on tour con Stef Burns
Warm up con Luca Colombo
Warm up: la parola ai musicisti
Esercizi e abitudini di warm up: da Steve Vai a Slash
Warm Up: Solieri, Gussoni, Dei Lazzaretti e i Mancuso
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
EPIPHON LES PAUL CUSTOM NERA
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Seguici anche su:
Altro da leggere
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson
Dodi Battaglia: dal 12 febbraio il nuovo singolo "Il coraggio di vince...
Foo Fighters: il nuovo album "Medicine At Midnight"
Claudio Baglioni: stasera ospite d'eccezione a Stories Live
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964