Home | Audio | Chitarra | Didattica | Lifestyle | Ritmi | People Store | Annunci | Eventi
Non c'è niente di più difficile che essere semplici
di redazione | 24 agosto 2016 ore 17:00
Abbiamo chiesto a Luca Francioso, eccellenza della chitarra acustica italiana, di insegnarci qualche posizione per ravvivare giri armonici triti e ritriti, suonati sempre uguali centinaia di volte, in prima posizione. Servendosi del più ovvio di tutti, quel giro di Do su cui - più o meno - chiunque ha imparato a suonare, Luca ci ha stupito con accattivanti sonorità e posizione alternative. Ma, al contempo, ci ha regalato una grande lezione di musica. Continua su Didattica
11 commenti
Il suono digitale è la stampa sbiadita dell'originale in analogico
di redazione | 17 agosto 2016 ore 15:00
Stiamo cercando di aiutare i chitarristi più giovani e meno esperti nell'affannosa ricerca del loro suono. Per questo abbiamo scomodato alcuni giganti della chitarra italiana per chiedere la loro su un tema sempre caldissimo: analogico o digitale? Amplificatore o rack? Sciami di pedalini in pedaliere gigantesche o unità tuttofare? La parola al nostro amico Quaio, chitarrista, session man e fonico straordinario che non l'ha mandata a dire... Continua su Didattica
78 commenti
Il ritorno dei frigoriferi: Castellano, Di Dio & Varini
di redazione | 08 agosto 2016 ore 13:00
E’ indubbio che il digitale stia vivendo una nuova età dell'oro. Sono sempre di più i chitarristi che lasciano testate e casse in garage per affrontare il palco armati solo di pedaliera. Se poi ci aggiungiamo che tante case stanno affiancano sempre più versioni rack alle edizioni pedalboard classiche, ci siamo chiesti se presto torneremo a vedere i palcoscenici sovrastati da rack giganteschi, i mitologici frigoriferi degli anni ’80 e ’90. Continua su Didattica
70 commenti
Suonare Open G per svecchiare gli evergreen
di redazione | 06 agosto 2016 ore 08:00
Un'accordatura alternativa può dare accesso a sonorità impensabili anche quando si ha a che fare con canzoni trite e ritrite. La freschezza dell'arrangiamento ne gioverà, e può essere divertente approfondire le possibilità di una Open G anche senza il tradizionale uso del bottleneck. Continua su Chitarra
5 commenti
Paul Gilbert: che meraviglia poter cantare quello che si suona
di redazione | 03 agosto 2016 ore 16:45
Paul Gilbert ci confida una delle cose che maggiorante ama nella musica blues: poter cantare quello che si fraseggia. Possibilità che, ovviamente, non era per lui così accessibile quando suonava metal e shred. Inoltre, ci racconta di come gli strumenti a fiato nella vecchia musica jazz, siano per lui una grande fonte di ispirazione. Continua su Didattica
13 commenti
Davide Ragazzoni: strumenti, microfoni e idee
di redazione | 31 luglio 2016 ore 07:00
Salvo che non si abbiano le dovute competenze, la batteria risulta tra gli strumenti più complessi da microfonare correttamente. Soprattutto se poi si vogliono ottenere dei risultati apprezzabili anche in registrazione. Ogni elemento produce sonorità, volumi e frequenze differenti. Sperimentare, anche in questo caso, non è una brutta idea e può portare a dei risultati sorprendenti. Continua su Audio
5 commenti
Diteggiature creative
di lucaferraresso | 15 luglio 2016 ore 15:30
Batteria. Quando studiamo, le difficoltà tecnico, esecutive e di coordinazione di un dato repertorio sono un incentivo ad aguzzare l'ingegno e a trovare diteggiature e meccaniche che ci risultino più naturali e immediate. In una parola, più facili. E suonare qualcosa in maniera diversa, la farà inevitabilmente suonare in maniera differente. Un'altra via per la creatività. Continua su Didattica
Vuoi commentare?
Perché ci innamoriamo di una chitarra
di GianniJanaRojatti | 12 luglio 2016 ore 16:00
Che cosa fa sì che una chitarra ci conquisti? E perché, tra tante, ce n'è una che sentiamo nostra? A cercare di rispondere, come nell'innamoramento, saremo sballottanti tra una serie di ragionamenti e considerazioni che oscillano senza trovare equilibrio tra passione e raziocinio, istinto e tecnicismo. Continua su Chitarra
48 commenti
Frasi da conoscere per lo slide in Open G
di redazione | 10 luglio 2016 ore 08:00
Esistono dei passaggi che ogni bluesman appassionato di slide e accordature aperte dovrebbe imparare, che solo quando si indossa un bottleneck e si accorda in Open G arrivano alle dita e alle orecchie. Ecco qualche spunto su cui lavorare per un fraseggio genuino da uomo del Delta. Continua su Chitarra
Un commento
Scala minore melodica: tecnica e conoscenza del manico
di redazione | 08 luglio 2016 ore 17:30
Serviamoci della scala minore melodica per qualche esercizio di tecnica e approfondimento della conoscenza della tastiera. Ci serviremo di pattern che pratichiamo tradizionalmente in Am naturale e li adatteremo con le note che variano della minore melodica. Continua su Didattica
Vuoi commentare?
Blues: come usare arpeggi & cromatismi
di redazione | 29 giugno 2016 ore 17:00
Michael Lee Firkins ci offre alcuni spunti e lick per il fraseggio rock blues moderno. L'idea è quella di servirsi delle sweep picking e del legato per creare interessanti commistioni tra arpeggi, blue note e cromatismi. Continua su Didattica
Un commento
Avvicinarsi allo slide in Open G
di redazione | 25 giugno 2016 ore 07:30
Le accordature aperte vanno a nozze con il bottleneck, e la Open G è forse la più diffusa nell'ambiente. Plettrata a vuoto forma un accordo di Sol maggiore, ed è amata nel blues in slide perché permette di suonare intere armonie e melodie senza diteggiature complesse. Continua su Chitarra
17 commenti
Studiare le scale: triadi e omissioni
di redazione | 23 giugno 2016 ore 08:30
E' arrivata l'estate. Ripartiamo con una serie di lezione che, oramai da qualche anno, riserviamo al periodo estivo dove il tempo a disposizione per suonare, si spera essere di più. Si tratta di studi più approfonditi, che prevedono sessioni di pratica più lunghe e accurate. Per sanare lacune, affinare la tecnica ed estendere conoscenza del manico e idee per il fraseggio. Partiamo dalle scale. Continua su Didattica
3 commenti
La tecnica nell'improvvisazione
di mickipiperno | 15 giugno 2016 ore 17:30
Se lo studio nella tecnica non ha come fine ultimo quello di far crescere la nostra musicalità, a beneficiare dei nostri esercizi saranno unicamente le dita. Ma avere dita forti, veloci e scattanti non significa necessariamente saper suonare bene. Ispiriamoci al fraseggio dei sassofonisti e agli scatti dei felini per elaborare una maniera interessante di studiare tecnica. Continua su Didattica
9 commenti
Migliora i tuoi accompagnamenti: Notte prima degli esami
di redazione | 12 giugno 2016 ore 08:00
A chi si appresta a dare gli esami di maturità vogliamo dedicare un arrangiamento di Paolo Pilo che casca a fagiolo. "Notte prima degli esami" di Antonello Venditti si basa su un giro di accordi semplice, ma di sicuro effetto e con un arpeggio iniziale utile a familiarizzare con sonorità pianistiche. Continua su Chitarra
8 commenti
pagina 1   «« Precedente  Successiva »»
I più letti
Cinque ragioni per cui ti serve la Les Paul
Non c'è niente di più difficile che essere semplici
Delay: quanto (e quando) usarlo
TRIC case, la custodia perfetta?
MXR Distortion +: distorsore o treble booster?
I più commentati
Cinque ragioni per cui ti serve la Les Paul
Il suono digitale è la stampa sbiadita dell'originale in analogico
Speedcaster: (non) l'ennesima chitarra fatta in casa
di GTi
... ma non chiamarla Telecaster!
I migliori momenti a due chitarre di sempre
Top didattica
Il suono digitale è la stampa sbiadita dell'originale in analogico
Non c'è niente di più difficile che essere semplici
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964