VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Perché ti serve una Stratocaster
Perché ti serve una Stratocaster
di [user #51340] - pubblicato il

L’oggetto di design industriale più longevo, un record assoluto, la Fender Stratocaster ha una storia lunga quasi quanto il rock’n’roll stesso. I motivi per mettersela in rastrelliera sono molti, tantissimi, ma ecco quelli per cui nessun chitarrista dovrebbe rinunciare a possederne una nella vita.
Prima di tutto la forma del body. Non è solo una tra le forme di chitarra più riconoscibili sul mercato e più copiate, ma è anche una delle più comode. I contour del body ha fatto storia e ha fatto da starting point per tutte le chitarre moderne a seguire. La Strat è comoda, comoda come poche.

Le posizioni 2 e 4, dapprima ricercate negli spazi “inutilizzati” del selettore a tre vie e battezzate nel 1977 con il selettore a cinque vie. Danno un vero senso al pickup centrale che, da solo, penso in pochissimi utilizzino. Il sound medioso, più frizzante in posizione quattro e più rotondo nella due, rappresenta un vero cavallo di battaglia per tutti gli Strat-user. Un po’ di chorus, un bel riverbero a molla e non ve ne stanchereste mai.



Le possibilità di customizzazione che offre una Strat sono infinite. Già di serie si trovano modelli di ogni prezzo e dotazione tecnica. Tra vere Stratocaster e “varimarchi-caster” la scelta è pressoché illimitata. Una volta scelta, però, potrete farne davvero ciò che volete. Non si tratta solo di cambiare pickup e wiring. Tono sul pickup al ponte, ponte e manico accoppiati in posizione 3, mini humbucker alla Dave Murray, tutto è possibile. Ma, se vi siete stancati della tastiera in acero o volete la paletta reverse, ci vorrà veramente poco per un cambio manico: qualche centinaio di euro e un buon setup.

Infine la versatilità, quella vera. Certo, con ogni strumento, tecnicamente, si può suonare qualsiasi brano, senza grandi stravolgimenti. La Strat, nei suoi quasi 70 anni di storia, però, ha dimostrato di poter mantenere una spiccata personalità senza sacrificare veramente la versatilità. Qualsiasi stravolgimento possiate fare al modello di partenza non perderà mai il suo accento californiano.
chitarre elettriche fender stratocaster
Mostra commenti     65
Altro da leggere
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Julietta: la Duesenberg più accessibile
XJ-1 HT: cattivissime offset da LTD
Contour, tastiera compound e push-pull per la LP Studio Modern 2024
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964