VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Jackson Jeff Loomis SL7: metal estremo reso accessibile
Jackson Jeff Loomis SL7: metal estremo reso accessibile
di [user #116] - pubblicato il

Testiamo sul campo la Soloist a sette corde disegnata da Jackson per Jeff Loomis: range esteso, pickup Seymour Duncan signature e un look minaccioso sono gli ingredienti della SL7 Pro Series.
Dai Nevermore agli Arch Enemy, il nome di Jeff Loomis supera i limiti delle band e diventa un riferimento universale per i fanatici del chitarrismo più spinto, per suoni quanto per tecnica. Loomis è maestro in entrambi i campi e la sua collaborazione con Jackson è proficua, vantando diversi modelli di cui la SL7 è il più recente esperimento.

La SL7, Soloist a sette corde cattiva come poche, fa parte della Pro Series, collezione di provenienza coreana che punta su componenti di alto livello per raggiungere un rapporto qualità prezzo allettante.
Sono strumenti professionali o rivolti a studenti in cerca di un’ascia con una marcia in più, dall’estetica impressionante e dall’affidabilità fuori discussione. La firma di Jeff Loomis - come il suo logo sul retro della paletta - in questo caso è una garanzia, e provarla in studio ha fornito diverse conferme in merito.



Liuteria e hardware
Jackson resta fedele ai parametri costruttivi che l’hanno resa un’icona nel metal moderno, come la costruzione neck thru con manico in tre pezzi di acero rinforzato alla grafite. Ai lati della struttura centrale, il body della SL7 di Jeff Loomis è in tiglio con top in frassino lasciato a vivo sotto una vernice nero satinata che ne esalta le profonde venature, tridimensionali sotto le dita e capaci di emergere prepotenti ogni volta che la luce colpisce il top.
Tutto intorno, un binding bianco continua fin sui bordi della tastiera in ebano. 24 fret di tipo jumbo sono seminati lungo un diapason da 26,5 pollici, ideale per garantire una buona tensione delle sette corde anche in caso di accordature ribassate senza dover eccedere con il calibro delle mute.
Riff duri e un’attenzione alla ritmica non precludono i virtuosismi, e il ponte Floyd Rose 1500 Series con bloccacorde al capotasto lavora come si deve, reggendo sollecitazioni con una certa morbidezza al tocco e senza perdere un colpo in fatto di accordatura.
Come da tradizione Jackson, il raggio è compound, da 12 a 16 pollici per un approccio ottimale sia negli accompagnamenti sia nelle escursioni soliste. Sono entrambi elementi distintivi nello stile di Loomis, e la SL7 riesce a valorizzarli con una suonabilità da manuale associata a un timbro a dir poco aggressivo.

Jackson Jeff Loomis SL7: metal estremo reso accessibile

Elettronica e suono
Due humbucker, un selettore a tre posizioni e un solo volume senza alcun controllo di tono né possibilità di split rendono chiaro fin da subito che la Jeff ha voluto una chitarra che fosse “in faccia”, dritta al punto. A darle voce è una coppia di Seymour Duncan Blackout, pickup attivi signature dell’artista caratterizzati da un timbro brillante, estremamente presente sui medio-alti per bucare il mix in qualsiasi condizione.
Sono magneti votati all’hi-gain, con un preciso carattere anche sui clean dove suonano squillanti, vetrosi e incisivi. L’output è impressionante, difficile tirarci fuori dei puliti puri, ed è chiaro che in saturazione tireranno fuori il loro vero carattere.
Quando il clipping subentra pesante, una distorsione estremamente a fuoco regge i powerchord anche sui registri più gravi sempre con gran definizione. Niente suona gonfio né slabbra più del necessario, e la separazione delle note si dimostra una priorità dei progettisti sia quando si sgranano accordi più complessi, sia nelle parti soliste.

Jackson Jeff Loomis SL7: metal estremo reso accessibile

Difficile immaginare la SL7 di Jeff Loomis in un contesto diverso dal metal più duro, ma c’è da scommettere che a ben pochi verrebbe in mente di esplorare altri lidi con uno strumento del genere. Per tutti gli altri, gli irriducibili dell’hi-gain vecchio stile, ma attenti alle derive moderne del sound metal e con il pallino per la suonabilità spinta al limite, un giro sulla Soloist di Jeff Loomis è senza dubbio consigliata.
chitarre elettriche jackson jeff loomis pro series sl7
Link utili
Jeff Loomis Soloist SL7 sul sito Jackson
Mostra commenti     1
Altro da leggere
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Julietta: la Duesenberg più accessibile
XJ-1 HT: cattivissime offset da LTD
Contour, tastiera compound e push-pull per la LP Studio Modern 2024
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964