VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Yamaha Revstar RS502: impressioni
Yamaha Revstar RS502: impressioni
di [user #34418] - pubblicato il

Pickup P90 e hardware satinato, la Revstar RS502 conferma la capacità di Yamaha di confezionare strumenti di pregio con rapporto qualità-prezzo vantaggioso.
Per noi tutti è una continua escalation (si spera sempre verso l'alto) alla ricerca del "suono che abbiamo nella testa". E solo tra di noi chitarro-maniaci possiamo capirci quando parliamo di questa cosa, quindi non c'è bisogno che io ve la spieghi perché saprete bene di cosa parlo. Questa escalation comporta spesso un notevole esborso di denaro, ma per fortuna non sempre. A volte si possono avere delle piacevolissime sorprese, anche dagli occhi a mandorla nel mio caso, e anche dopo che ti sono passate tra le mani non poche americane di razza.
Tutta la serie Revstar (trovate un articolo dedicato anche qui su Accordo) mi colpì fin da subito, a catalogo, e posso dirmi del tutto soddisfatto ora che ne ho una a casa. Quella che ho scelto io è la RS502, ponte fisso e P90.

Yamaha Revstar RS502: impressioni

Come è fatta
Dannatamente bene. Il body è il classico e super-collaudato sandwich di mogano (in tre pezzi molto ben accoppiati: è possibile vedere le giunzioni solo in controluce e aguzzando lo sguardo) e acero per il top (bello spesso, circa un centimetro). Il manico incollato è in mogano, tre pezzi, ma non di tipo 'scarf-neck' (con giunzioni su paletta e tacco) ma bensì tre pezzi incollati per il verso longitudinale. Scelta questa che consente di contenere le spese sulla materia prima ma al contempo non rinuncia a solidità e fermezza strutturali dell'insieme. Una vera chicca. La tastiera è in palissandro, di grana fitta e regolare, con segnatasti dot dello stesso colore del binding che contorna tutta la chitarra, body, tastiera e paletta. La posa dei tasti - jumbo - è perfetta e ottimamente rifinita sui bordi. 
Il wiring è efficiente e pulito, il vano elettrico schermato di sopra e di sotto, e i pot funzionano sorprendentemente bene: il volume è lineare su tutta la sua corsa, e il tono è di tipo push-pull con filtro in gamma bassa quando attivato.
I P90 ruggiscono, nessun rimpianto per quelli della mia Les Paul 50's Tribute. Suonano sempre croccanti e definiti.
Notevole anche il ponte top-wrap, fermissimo, preciso nelle regolazioni, e fusione perfetta senza sbavature. E anche la particolare finitura sabbiata (comune per tutto l'hardware) è molto bella (l'effetto è migliore dal vivo che in foto).

Yamaha Revstar RS502: impressioni

Addosso
Sia in piedi sia da seduti, la chitarra è perfettamente bilanciata, non cade giù e non rischiate di prendere la paletta su un occhio (succede, credetemi). E questo è in assoluto un bene, perché non è un peso piuma: la mia ferma l'ago della bilancia sui 3,8kg, ma è in linea con le chitarre dello stesso tipo (la mia ultima Les Paul pesava 3,7kg, senza camere tonali).

Come suona
Io la definirei una chitarra "Hi-Fi", nel senso che è molto fedele nella risposta e dinamica al tocco. Non aggiunge e non toglie niente a quello che tu fai con le mani. Non è orientata verso nessun genere particolare, ci si può far bene un po' tutto secondo me. L'attacco sulle note è deciso, massiccio, fermo, granitico. Perfetto per me e per i suoni che cerco io (canale clean e volume sparato al massimo, quando si può). Non segnalo prevalenze di frequenza, né in gamma bassa né alta, ed è colorata ma non troppo. Bilanciata. Gli accordi aperti sono una libidine.

Yamaha Revstar RS502: impressioni

Prime e anche ultime personalizzazioni sono state le clip-lock DiMarzio, upgrade del capotasto (originale in plastichina sostituito con un GraphTech) e cover truss-rod in argento sterling con finitura brunita (lo faccio sempre su tutte le mie chitarre). E un adesivo. Mai messo prima d'ora un adesivo su una chitarra ma, secondo me, qui ci stava.

Yamaha Revstar RS502: impressioni

Se ve ne capita una sotto mano, fateci un giro.
chitarre elettriche gli articoli dei lettori revstar rs502 yamaha
Link utili
Yamaha Revstar su Accordo
Mostra commenti     27
Altro da leggere
La Epiphone Coronet diventa americana
Gibson Les Paul R0 BOTB
Malmsteen racconta la storia della Strat per le telecamere Fender
Acero, palissandro e versatilità a tutto tondo: Yamaha Pacifica Standard Plus in video
Dal thrash al funk in uno switch: Ibanez RGT1221PB in prova
La Doubleneck accessibile di Danelectro
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964