CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Dietro le quinte di Pasha Cymbals
Dietro le quinte di Pasha Cymbals
di [user #116] - pubblicato il

Catalogo rinnovato, sito web inedito e una nuova vision conducono Pasha Cymbals verso una fase tutta da scoprire.
Lo scorso 3 agosto, Pasha Cymbals ha alzato il sipario sui nuovi progetti in un’intensa presentazione in streaming curata dal distributore italiano Valmusic Professional.
Accordo era presente all’evento e, durante la diretta, abbiamo avuto modo di visionare in anteprima le novità e rivolgere alcune domande ai protagonisti.



Il nuovo capitolo per Pasha si apre con un catalogo semplificato, pensato per aiutare il musicista a districarsi senza difficoltà attraverso gli stili e le sonorità a disposizione. Il rinnovato sito italiano riflette il medesimo trend, guidando l’utente alla scoperta dei modelli e degli artisti che li hanno scelti, contando su un pratico motore di ricerca basato sulle preferenze del musicista.

“Per chi ama scegliere davvero” è lo slogan ideato per i piatti artigianali turchi. La scelta è un elemento cruciale nella definizione del proprio sound e l’accento che Pasha ha posto sul tema ci ha incuriositi non poco. Per questo abbiamo chiesto a Marco Papale, brand manager Pasha per Valmusic Professional, quale sia nel dettaglio la strada che hanno deciso di intraprendere al fine di portare il marchio all’attenzione dei musicisti, oggi letteralmente sommersi di alternative e opzioni di ogni genere.

Marco Papale: “Quello che noi facciamo è cercare di offrire molto di più.
Sappiamo che non basta fare piatti di alta qualità, ma bisogna dare anche maggiore sicurezza al batterista: lo facciamo creando partnership con i rivenditori che abbiano a cuore la nostra visione, che mettano i batteristi in condizione di conoscere Pasha nelle migliori condizioni. Una chiave è fornire supporto, anche grazie al product specialist Pasquale Riccio, per consentire all’utente finale di fare scelte più accurate. Non per ultimo, intendiamo rassicurare i musicisti che ci hanno scelto, offrendo loro una garanzia a vita.

La risposta del pubblico nei negozi è stata tutt’altro che fredda.
Augusto Cherubini, dall’omonimo negozio romano, ci ha raccontato: “Il marchio non è affatto sconosciuto, inoltre devo dire che i batteristi sono sempre ben disposti a scoprire e ascoltare. E poi i piatti fanno il resto. Noi abbiamo una bella parete, e già questo dà un bell’impatto, e poi la possibilità di metterli a paragone con gli altri piatti, anche per il rapporto qualità prezzo… è sempre una bella sorpresa. È frequente che il cliente entri con un’idea e se ne vada con un Pasha, anche convinto da dettagli come la garanzia, che diventa particolarmente importante in piatti come i crash!

Giancarlo Ippolito, titolare di Ippo Music a Portici, aggiunge: “La tendenza è senza dubbio condotta dai batteristi di riferimento in quel momento. Ma il batterista spesso non considera le mani e tutto quello che il musicista aggiunge al prodotto. Pasha “risponde” al test acustico. Il team segue il cliente, lo consiglia, può pensare di non aver preso il piatto alla moda, ma si convince semplicemente provando e ascoltando. E questo è il nostro compito.



Il roster di artisti Pasha cresce senza sosta e accoglie sempre grandi nomi. Alessandro Canini è musicista, produttore di grande esperienza, con alle spalle un’impressionante lista di collaborazioni. Ci ha colpito molto il suo commento, visibile sul sito Pasha: “Quello che sorprende di questi piatti è il controllo e la personalità che si contraddistingue nel loro attacco e rilascio. Soprattutto quando si suona con dinamiche molto elevate”. Così gli abbiamo chiesto maggiori chiarimenti sulla sua personale scelta di suono e su come un set di piatti possa convivere con le esigenze di studio, sempre variegate.
Alessandro spiega: “Io ho scelto Cotton Jazz, scuro e con tante armoniche basse, che mi dia l’attacco e il rilascio giusto per il modo mio di suonare. Anche se in apparenza può non apparire giusto per me, lo trovo molto adeguato.
I vincoli che spesso trovo sono di natura artistica: cerco sempre di far convivere la batteria acustica con l’elettronica. La batteria in studio ha acquisito un ruolo ben preciso sullo sfondo e, anche quando si tratta di un contesto elettronico, uso Cotton Jazz o Desert perché non si accavallano con le frequenze degli strumenti moderni”.
interviste pasha piatti
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
La presentazione streaming Pasha
Sito Pasha Cymbals
Sito Valmusic Professional
Scopri le offerte Pasha su MusicarteStore
In vendita su Shop
 
ESI Maya44 eX
di Banana Music Store
 € 159,00 
 
PELLE REMO W.K. CONTROL SOUND TRASPARENTE DA 13 B/DOT
di Centro della Musica
 € 19,50 
 
radial vt headbone
di Scolopendra
 € 200,00 
 
D'ADDARIO MUTA PER BASSO 4 CORDE
di Borsari Strumenti Musicali
 € 27,00 
 
Rico Royal RLB1030 Sax Baritono 3
di Banana Music Store
 € 51,00 
 
Soundsation Go-Link FAC 100B
di Banana Music Store
 € 63,90 
 
STEFY LINE TH-1 BORSA PER MANDOLINO CUSTODIA TH1
di Borsari Strumenti Musicali
 € 15,00 
 
Duesenberg Bonneville Stop Tailpiece Vintage White Con Astuccio DTVCASE-PRM
di Banana Music Store
 € 1.743,00 
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Surfer Joe: Surfin' The Waveforms
Marco Scipione: un sax in forze a Gamechanger Audio
BoxGuitar: il paradiso dei DIYers su Shop
Line 6 POD Go: scarica i suoni di Palazzo e Gianlorenzi
La rivoluzione della profilazione digitale: parla Max Rosati
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Ovation Adamas 1681-9 anno 1983
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Seguici anche su:
Altro da leggere
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964