DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La Les Paul più brutta che ci sia
La Les Paul più brutta che ci sia
di [user #29011] - pubblicato il

Si fa presto a dire "Les Paul". L'ammiraglia Gibson non ha sempre avuto le stesse caratteristiche e non è raro incappare in modelli curiosi, con legni compositi e hardware singolare. Ecco la storia di una Les Paul brutta, se mai una Les Paul può essere brutta.
Si fa presto a dire "Les Paul". L'ammiraglia Gibson non ha sempre avuto le stesse caratteristiche e non è raro incappare in modelli curiosi, con legni compositi e hardware singolare. Ecco la storia di una Les Paul brutta, se mai una Les Paul può essere brutta.

Non c'è concorrenza – vinco io. Eccovi foto e storia di questo orrore ma ha (per fortuna) un buon sound. Almeno questo! Vi aggiungo delle foto.

È acquistata a Zurigo dove ero di passaggio e ho visitato il negozio di un liutaio che era appena stato al Custom Shop Gibson portandosi appresso una Moderne (!), Explorer, Firebird, Flying V e una LP Standard. Mai avrei pensato di comprare una LP, invece...
Ha una risonanza davvero ottima suonando senza ampli e mi ha convinto. Fossi un collezionista avrei dovuto accaparrarmi la Moderne, ma mi sembrava difficile da manovrare e con poca risonanza. Il liutaio ha detto che le aveva scelte provandole e che erano ricavate da corpi in giacenza nel loro magazzino.

La Les Paul più brutta che ci sia

Per evitare il solito sound da Clapton/Page che tutti cercano, ho subito cambiato ferramenta e pickup. Questi sono DiMarzio Super Distortion split-coil. Li ho montati il più sbagliato possibile, di nuovo evitando il tipico sound da Les Paul spinta. La ragione di questo articolo è:
- manico a tre pezzi dissimili includendo il retro della paletta
- top a tre pezzi brutti ma ben mascherati da parte dei liutai Gibson
- corpo da sandwich, due metà con una chiara linea lungo il perimetro.

La Les Paul più brutta che ci sia

Tra le foto ce n'è una del retro della paletta col numero di serie: a parte un 00, il resto sembra sbadato.
Vi sono pochi segni di relic miei. Non è da museo! Infatti, vorrei farla verniciare "da dipinto" ispirato da Musicmaster, perlomeno il top.
Non penso che questa chitarra, seppur vecchiotta, sia di valore. È stata comprata nel '76/'77 – tutte le mie chitarre erano state distrutte e dovevo assolutamente averne una nuova.

La Les Paul più brutta che ci sia

Da parte mia le domande hanno a che fare coi dettagli tecnici e questo modo di costruire una Les Paul. Le foto dovrebbero rendere l'idea.

Chi, se non Accordiani, può aiutare: è roba tecnica di cui non mi intendo!

La Les Paul più brutta che ci sia
chitarre elettriche gibson gli articoli dei lettori les paul
Mostra commenti     43
Altro da leggere
La Music Man Kaizen di Tosin Abasi in video
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
Come dev'essere la TUA chitarra?
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
SHG 2022 Vintage Vault: il mito di Wandrè
Spoiler: a Natale tutto sulla Stratocaster
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964