VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
PRS cala i prezzi con nuove SE Standard
PRS cala i prezzi con nuove SE Standard
di [user #116] - pubblicato il

Paul Reed Smith presenta la fascia di strumenti più abbordabili attualmente in circolazione con sopra la sua firma. Nuovi modelli Standard portano tre signature storiche e i tre design di punta della casa in piena zona entry level.
Paul Reed Smith presenta la fascia di strumenti più abbordabili attualmente in circolazione con sopra la sua firma. Nuovi modelli Standard portano tre signature storiche e i tre design di punta della casa in piena zona entry level.

Per lungo tempo, PRS è stata sinonimo di qualità per pochi eletti. La serie americana ora nota come Core è tuttora caratterizzata da strumenti dalla cura elevata, estetica eccezionale e prezzi decisamente non alla portata di tutti.
Per venire incontro ai giovani musicisti dal portafogli meno gonfio, alcuni anni fa la liuteria del Maryland ha annunciato l'inizio di una produzione orientale denominata Student Edition, o SE. Questa ha potuto coniugare i prezzi ridotti della costruzione asiatica con la qualità garantita dal controllo eseguito negli USA.
Un nuovo step è stato compiuto con la recente serie S2, una linea di chitarre americane che punta a riempire il gap presente tra le SE e le Core.
Nel tempo, le SE si sono via via distaccate dalla loro natura iniziale di alternative economiche alla produzione americana e hanno dato vita a signature di rilievo e strumenti inediti dal costo non sempre a prova di qualunque studente. Per coprire l'ultima fetta di mercato mancante, quella dell'entry level più assoluto, PRS aggiunge ora un'ultima fascia al filone delle SE con la collezione di chitarre Standard.

Sei nuove PRS SE Standard promettono di poter rappresentare il primo strumento - o quasi - di un giovane musicista, fornendogli fin da subito specifiche tecniche originali PRS, dalle forme dei manici agli intarsi segnatasti a uccello, dalle meccaniche ai ponti PRS designed, sia in versioni vibrato sia stoptail.

PRS cala i prezzi con nuove SE Standard

La Standard 24 riprende il design inconfondibile della Custom e la spoglia del top in acero. Ha 24 fret, 25 pollici di diapason e un manico dal profilo Wide Thin.
I due humbucker a bordo sono un HFS al ponte e un Vintage al manico.

La Standard 22 si differenzia per un'impostazione più votata al blues e al rock tradizionale. Il manico è Wide Fat, i tasti scendono a 22 e due pickup sono sostituiti da una coppia di 245.

Per gli amanti della spalla singola, anche la Singlecut si fa Standard. La chitarra conserva i due humbucker 245 del modello precedente, ma preferisce un diapason più classico da 24,75 pollici e un ponte fisso.

Alla serie Standard si accodano anche alcuni degli endorser più significativi. I modelli dedicati a Mark Tremonti e a Carlos Santana saranno disponibili anche in versione Standard. La PRS signature di Santana sarà realizzata in duplice versione: una Standard con humbucker disegnati dietro le richieste del chitarrista e una Standard Special con pickup P90.

Bisognerà attendere il 2015 per vedere le PRS SE Standard nei nostri negozi e conoscere maggiori dettagli su opzioni e prezzi, ma è già certo che il cartellino sarà inferiore a quello delle attuali SE.

PRS cala i prezzi con nuove SE Standard
22 se 24 se chitarre elettriche prs single cut se standard
Link utili
PRS
Nascondi commenti     19
Loggati per commentare

Ben venga.Personalmente non potrei comprare ...
di BLULIO [user #34011]
commento del 01/12/2014 ore 09:47:24
Ben venga.Personalmente non potrei comprare una chitarra che costa
come la mia auto.
Rispondi
Re: Ben venga.Personalmente non potrei comprare ...
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 10:32:2
e sono pure d'accordo... ma a vederle bene queste sono anche ASSI DA STIRO... spoglie, scarne... molto molto CHEAP e BASIC e comunque costano la bellezza di 500 euro. Per farti capire:

vai al link

Potrà anche piacere (e a me piacciono le chitarre spartane)... ma se sono fatte in Asia come le SE a questo punto aveva un po' più senso la Gibson con le serie FADED... costavano un 100 euro di più ma almeno condividevano tutto con i modelli più costosi (che potevano piacere o meno).

Cioè... sono sempre 500 euro!
Rispondi
Re: Ben venga.Personalmente non potrei comprare ...
di Metalingus [user #32780]
commento del 01/12/2014 ore 17:50:16
La chitarra di cui hai postato l'immagine è una vecchia produzione SE (penso 2009)
Le nuove sono di ottima fattura e si ok saranno anche scarne ma non ai livelli delle Faded Gibson.
Cerca una tremonti SE post 2012 o una 245 nera e capisci che quello è il livello di cui si parla.
Rispondi
Re: Ben venga.Personalmente non potrei comprare ...
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 18:15:58
perchè SE STANDARD già ne avevano fatte? E poi... vecchia o nuova... è roba PRS! Che sia di ottima fattura è scontato, anche se spartana... Però ho visto molte SE avere qualche problema di tenuta di accordatura. Niente di tragico e irrisolvibile ma il problema non è raro e non è da PRS.
Rispondi
Re: Ben venga.Personalmente non potrei comprare ...
di fenderpassion61 [user #13902]
commento del 01/12/2014 ore 18:54:18
Io ho una SE C24 e ha delle ottime meccaniche. I problemi relativi all'accordatura sono generalmente dovuti ai solchi del capotasto troppo stretti. La mia dopo una aggiustata al trussrod, che non era in tensione, va come una moto. Nella sua fascia di prezzo (700 euro) si difende bene. Se le standard non hanno gli orpelli ma i PU e l'hardware sono gli stessi della SE i 500 euro ci possono stare tranquillamente.
Rispondi
Re: Ben venga.Personalmente non potrei comprare ...
di SilverStrumentiMusicali utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 19:06:04
Speriamo...
Rispondi
Ah certo...anche a me piacciono ...
di BLULIO [user #34011]
commento del 01/12/2014 ore 11:09:31
Ah certo...anche a me piacciono le "spartane",infatti ho una Strato higway natural.
Questo puo' essere un modo per togliersi la "voglia" di PRS,per quelli che sono al mio "livello". ;-)


Rispondi
prs in questo modo svende ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 18:55:30
prs in questo modo svende un po' il marchio. come se la ferrari vendesse utilitarie.
Rispondi
Re: prs in questo modo svende ...
di Peterpanico utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 19:12:33
E perchè mai? Coprono giustamente tutte le basi,io ho avuto una SE con i P90,ed era una meraviglia per rapporto qualità/prezzo,assolutamente superiore a tutte le ciofeche Gibson a basso costo.
Chi vuole avere le top di gamma,non ha mica problemi,sborsa le migliaia di Euro necessari e se le compra,non è che queste peggiorano,se PRS fa anche chitarre abbordabili.
Rispondi
un marchio come prs in ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 19:33:06
un marchio come prs in questo momento punta a vendere chitarre di fascia bassa sfruttando il blasone del suo marchio. non è una scelta sbagliata in termini assoluti, per me però una manovra così sottrae lentamente prestigio al marchio...a meno che queste standard che si accinge a produrre non siano veramente delle robe incredibilmente buone.
ero un entusiasta delle prs, pian piano mi sto disilludendo
Rispondi
Re: un marchio come prs in ...
di fenderpassion61 [user #13902]
commento del 01/12/2014 ore 19:48:47
Non capisco dove sta il problema. Forse fender non vende le Custom Shop perchè fa anche chitarre da pochi soldi?
Se uno vuole il suono PRS, e non è miliardario, ben vengano queste serie economiche. Io ho provato una Custom 22 americana e, a parte le ovvie differenza tra C22 e C24, non aveva poi molto di più in termini sonori con la mia SE C24.
I modelli lusso sono certamente destinati ad una clientela che vuole il massimo e paga per averlo. Le SE e le Standard queste persone credo che neanche le provano.
Comunque ribadisco che le serie SE economiche sono buone chitarre.
Rispondi
visto che l'azienda non è ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 20:19:1
visto che l'azienda non è mia non posso farci proprio nulla, state pure tranquilli. dico semplicemente quello che non farei se fossi nei panni del proprietario...e penso che la scelta di produrre chitarrine con prs scritto sulla paletta sia una mossa che mina al valore del marchio.
lo stesso ho sostenuto per le gibson lpj. alla lunga secondo me il prestigio ne risente, tutto qua. sono io a non capire dove stia il problema,non mi sembra di aver espresso un pensiero così anarchico.

"Forse fender non vende le Custom Shop perchè fa anche chitarre da pochi soldi?"
questo lo stai dicendo tu, non l'ho mai affermato. semmai possiamo dire che fender produce chitarrine e lo fa col marchio squier. l'esempio fender quindi tenderebbe a dare ragione al sottoscritto.

le SE a mio avviso non hanno un ottimo rapporto qualità prezzo..danno si il feeling di una chitarra vera, ma una chitarra della metà del prezzo, con un modesto investimento sull'elettronica, suona allo stesso livello, se non meglio. questo lo dico avendo confrontato una epi lp (con elettronica rifatta da zero mantenendo i pu originali) con una prs se 245 fresca di negozio. manco a paragone guarda: 600 euro complessivi contro 800.
se le SE costassero un centinaio di euro in meno sarei d'accordo con te..

vorrei chiarire questo punto: capisco cosa volete dire, produrre strumenti di fascia piu bassa non fa diminuire la qualità di quelli top di gamma.
io parlo di valore percepito di un marchio, ok?
come armani producesse per concorrere con h&m, come se mercedes si mettesse a far concorrenza alla dacia. è un principio che si applica a tutti i campi, perchè all'industria musicale no?

e tutti questi discorsi lasciano il tempo che trovano perchè se poi queste standard si riveleranno degli strumenti con un bel rapporto q/p io sarò il primo a ricredermi almeno in parte.
Rispondi
Re: visto che l'azienda non è ...
di fenderpassion61 [user #13902]
commento del 01/12/2014 ore 20:58:31
Tutte queste cose che dici sono da verificare attentamente.
Primo, quando si confrontano due strumenti bisogna farlo con gli stessi in condizioni ottimali e con questo intendo setup completo e corde in buone condizioni. Ti faccio un esempio provato sulla mia pelle. La mia C24 SE l'avrei buttata dalla finestra perchè aveva un sostegno veramente esiguo anche considerando il fatto che ha il tremolo, che qualcosa si mangia. Tira e molla un giorno mi si accende la lampadina e metto in tensione il trussrod...ora si ragiona. Quindi paragonare chitarre mal settate non da un'idea esatta di quello che realmente sono anche se a volte si è costretti a farlo. L'elettronica della mia è ottima, ronza poco anche in split e i potenziometri funzionano bene così come il selettore. Non credo che cambiando questi componenti otterrei un miglioramento apprezzabile.
Quando ho acquistato la mia ho provato diverse chitarre e, pur con i limiti della situazione, miracoli non ne ho sentiti, se ho scelto questa ci sarà un motivo (ho già una strato e volevo un suono Humbucker).
Comunque l'intento della PRS è quello di far assaggiare il biscotto a gente che oggi non ha i soldi per una Americana ma un domani potrebbe averli e, nel frattempo, si è abituata al suono PRS. Tutto qui, fattene una ragione. Il marchio non soffre per nulla, anzi, ramazza soldi anche dalle economiche.
Rispondi
è vero sulle corde hai ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 21:34:31
è vero sulle corde hai ragione. non sul set up. perchè se la epiphone col set up e l'elettronica custom mi viene 600 euro e l altra senza nulla 800. allora mi deve dare qualcosa in più e visto che non me l'ha data allora il rapporto qualità prezzo non è così buono.
è chiaro che non posso confrontare l epi fresca di negozio con la prs: 380 vs 800 euro.
di cosa staremmo parlando? cerchiamo di mantenere almeno una base comune di discorso, altrimenti sembra che ognuno parli con un interlocutore immaginario.

ti consiglio di far montare un'elettronica custom (cambiare selettore, ingresso jack, cablaggio, potenziometri, filtro passa alti e infine il tutto schermato per annullare completamente qualsiasi hum in qualunque condizione di gain, catena audio e dispersioni varie dell'impianto) e di fare un bilancio onesto con l'attuale strumento che hai. la differenza è davvero abissale...elettronica così non la trovi neanche sui top di gamma..poi ne possiamo riparlare.

lo so benissimo cosa vuole fare prs con questa mossa e non la condivido. come ho già affermato.
a te non fa differenza come a tanti altri, a me la differenza la fa e come me ci sono tanti altri potenziali acquirenti che l'esclusività che percepivano nel marchio prs la avvertono di meno e magari preferiscono optare per qualcos'altro.

io me ne son fatto una ragione dal primo momento che ho commentato. tu puoi farti una ragione che le mie considerazioni sono più che ponderate e maturate anche da qualche annetto di studi..la butto lì per fare un po' il borioso:)





Rispondi
Re: è vero sulle corde hai ...
di fenderpassion61 [user #13902]
commento del 01/12/2014 ore 22:09:04
IL setup sulle chitarre è fondamentale e, soprattutto, personale. Pertanto la chitarra può uscire come vuole ma se a me il setup non piace è da rifare. Che costi 200 euro o 2000 poco importa, una ritoccata ci vuole sempre. A me per esempio piacciono le corde alte e il ponte floating ma non per tutti è così. Poi c'è anche di mezzo il trasporto (a volte in nave dentro i container), le variazioni climatiche durante il viaggio e molte altre cose.
Per quanto riguarda l'elettronica ribadisco che la chitarra in mio possesso hum non ne ha, anche con gain alti, non vedo perché dovrei mettermi a smanettare con carta stagnola e saldatore per raggiungere poi un improbabile risultato. Sulle lunghezze dei cavi all'interno del vano potenziometri non è che ci siano dei chilometri. Per avere dei pessimi risultati ci vanno proprio dei materiali scadenti, che nella mia chitarra non ci sono.
Ho anche una strato AS e anche li non mi sembra abbiano messo roba sopraffina...suona bene pure lei anche se ha un carattere diverso.
Sono perito elettrotecnico e traffico col saldatore da quando avevo 10 anni (ora ne ho 53), stai tranquillo che se cambiare un componente banale come un condensatore o un filo elettrico facesse molta differenza lo farei subito, invece non è così. Probabilmente la Epiphone di cui parli ha beneficiato del cambio componenti perché non ne era ben dotata all'origine, e il prezzo un po' lo conferma.
Scusa, non ho capito cosa hai studiato.
Rispondi
"IL setup sulle chitarre è ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 01/12/2014 ore 23:26:32
"IL setup sulle chitarre è fondamentale e, soprattutto, personale. Pertanto la chitarra può uscire come vuole ma se a me il setup non piace è da rifare. Che costi 200 euro o 2000 poco importa, una ritoccata ci vuole sempre. A me per esempio piacciono le corde alte e il ponte floating ma non per tutti è così. Poi c'è anche di mezzo il trasporto (a volte in nave dentro i container), le variazioni climatiche durante il viaggio e molte altre cose. "

se per te questo discordo del set up è fondamentale(mi chiedo il perchè poi). ti do un altra possibilità. facciamo finta che nel mio discorso abbia incluso il costo del set up nel prezzo in entrambe, pertanto ai prezzi che ho fornito la prs anzichè 800 ne verrà a costare complessivamente 880 e l'altra 680. embe?? la qualità del suono in uscita viene mica dal set up? verrà la suonabilità, verrà l'intonazione. ronzii, disturbi, efficacia dei pot, brillantezza e definizione non vengono minimamente intaccati.


per quanto riguarda il resto ci sono strumenti del doppio del valore delle SE che gioverebbero da una modifica del genere. magari hai avuto fortuna e ti è capitato uno strumento fantastico, che ne so.
ma questa mi sembra lo scambio dove se io dico A tu dici B. quindi la chiuderei qua, perchè non è questo il succo del discorso.

sono laureato in economia, se ho espresso un parere in merito al valore di un immobilizzazione d'azienda è solo in base a quello che ho studiato. ho dato un semplice parere, e a mio sostegno ho fornito degli elementi a riprova che sono molto semplici. poi l'economia non è una scienza esatta (alcuni speculano se sia una scienza o meno) e potrebbe non essere come dico. pace.

comunque sia, puoi stare tranuqillo, quello che credo io non svaluterà in alcun modo il tuo acquisto.



Rispondi
Credo che le PRS si ...
di Zenzero [user #36862]
commento del 02/12/2014 ore 09:39:28
Credo che le PRS si debbano acquistare solo ed esclusivamente in serie core, per poterne apprezzare la qualità.
E sono convinto che ai prezzi delle SE si trovino altre marche molto più performanti.
Rispondi
Re: Credo che le PRS si ...
di Deadwing utente non più registrato
commento del 03/12/2014 ore 11:26:33
affermazioni pericolose le tue :P comunque mi trovi d'accordo in pieno.
qualche tempo fa le SE costavano consistentemente meno,allora si che erano un buon acquisto
Rispondi
e i prezzi delle custom 24 made in usa?
di SteveZappa93 [user #38837]
commento del 03/12/2014 ore 16:40:15
nah limata ai prezzi delle made in usa non sarebbe male!come regalo di Natale!
Rispondi
Altro da leggere
Harley Benton DC Custom II: Il sogno rock a sei e dodici corde diventa accessibile
Chitarre da sogno, chitarre da record
Finiture vintage, pickup inediti e il ritorno del palissandro con le Fender Player II
QX52: headless ibanez con tasti “storti” in video
SC-Custom III è la single-cut versatile di Harley Benton
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
The Aston Martin Project: verniciatura fai-da-te
Perché ti serve un pedale preamp e come puoi utilizzarlo
Vedere la chitarra oggi: io la penso così
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964