CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Fai-da-te, speaker emulator e pillole di vita da club
Fai-da-te, speaker emulator e pillole di vita da club
di [user #12502] - pubblicato il

Armarsi di molti watt in locali medi e piccoli potrebbe essere controproducente. Una testata dalla potenza contenuta abbinata a una cassa fatta in casa e a una DI Box può essere un'alternativa interessante. Ecco perché.
Questo articolo dovrebbe parlare della mia cassa costruita 1x12". Tuttavia non credo che interesserebbe particolarmente l'utenza di questo sito, in primis perché di lettori che si sono costruiti una cassa ce ne sono parecchi, in seconda istanza perché quasi tutti i sopracitati l'avranno costruita molto meglio di me. La protagonista di questo articolo non è quindi la cassa di per sé, piuttosto volevo raccontare una storia, cercando di dare anche qualche spunto. Ma andiamo con ordine, ogni storia ha un inizio.

Suono in una cover band che fa serate in ambienti di dimensioni variabili e, con la bella stagione, pure all’aperto. Dopo anni di attività e di tentativi di comprendere e risolvere alcune delle molte problematiche connesse agli spettacoli dal vivo arrivo, con l’aiuto dei miei colleghi, alle seguenti conclusioni:

a) se si vuole che le chitarre siano massimamente fruibili da tutta l’audience, bisogna microfonarle sempre, anche nei locali piccoli. Ne discende che, specialmente negli ambienti di dimensioni più ridotte, alla pratica della microfonatura debba corrispondere una cospicua riduzione della potenza degli amplificatori. No problem, ho comprato due testate a valvole, rispettivamente da 15 e 5 watt, di cui sono molto soddisfatto.

b) tanti microfoni = tanto casino. Quindi, sacrificando un po' di "integrità etica" chitarristica, si può optare per una DI Box con cabinet simulator. Le testate sono rispettivamente l’Ibanez TSA15h e l’Epiphone Valve Junior. La prima la uso stock, la seconda l’ho un po’ modificata. Su entrambe si sono sprecati fiumi di inchiostro, molto meno sull’utilizzo combinato con la DI Box. Per quanto riguarda tale aggeggio, la scelta è caduta sulla Hughes&Kettner Red Box Pro (ormai fuori produzione) per vari motivi: suona bene, è passiva (ok che al giorno d’oggi anche i mixer da 100 euro hanno l’alimentazione Phantom, ma non si sa mai) e ne ho reperita una sul solito sito di annunci per un prezzo ridicolo.

Fai-da-te, speaker emulator e pillole di vita da club

Per chi non lo sapesse, si usa così: si collega l’uscita della testata all’ingresso della Red Box, e l’uscita della Red Box alla cassa. Per il chitarrista non cambia nulla, si usa il proprio amplificatore come si fa solitamente. In più, però, la DI Box ha un'uscita bilanciata (un connettore XLR) che preleva una piccola parte del segnale della testata, la elabora con un circuito analogico (bypassabile) che simula il passaggio attraverso un cabinet 4x12" da chitarra con relativa microfonazione e la spedisce direttamente dentro il mixer, con somma gioia dei fonici che così non devono più lottare contro fischi, rumori da palco, botte, aste che si spostano e così via. La domanda che tutti si porranno è: ma il suono è come quello di una vera cassa microfonata? La risposta è, ovviamente, no. Però, a mio avviso, è verosimile e gradevole. Un buon compromesso insomma. Ecco perché decido di utilizzare una cassa piccola: a me piace di più il suono di quelle grosse (io suonerei sempre con la 4x12") ma, visto che il suono che va sul banco di missaggio non dipende dal tipo di diffusore, tanto vale usare una cassa piccola, con tutto l'agio che ne consegue in termini di ingombro e trasportabilità. Decido quindi di costruirmela, alla fine il fai-da-te è sempre divertente. Inoltre ho già vari pezzi del mosaico, tra cui l’altro protagonista di questo articolo, il Fane Axiom 12-75.

Fai-da-te, speaker emulator e pillole di vita da club

Comprai questo altoparlante l’anno scorso, per un altro progetto che avevo in mente. È fuori produzione, credo. Lo trovai usato, in ottime condizioni, vicino a casa e per un prezzo abbastanza buono. In rete sono riuscito a reperire i dati tecnici e poco altro, per cui l’acquisto era un po’ alla cieca, ma mi è andata bene. Trattasi di un altoparlante da 75 watt su 8 ohm, 12 pollici di diametro, magnete in ferrite. In cassa piccola è il miglior altoparlante che abbia mai provato: il termine che lo descrive meglio è "equilibrato". Non c’è nessuna frequenza predominante e mi restituisce tutta la gamma di frequenze della chitarra in modo molto omogeno. La dinamica è buona ma non eccezionale (100 dB) e anche congiuntamente al fatto che lo uso con amplificatori poco potenti non è assolutamente incline al break-up. Bello insomma, magari un po' hi-fi, comunque i bassi sono rotondi, i medi equilibrati, gli alti presenti ma non fastidiosi. Anni luce dalla mediosità tipica dei Celestion Vintage 30 (che secondo me sono perfetti per la configurazione 4x12", ma che in cassa piccola hanno un mid-range troppo pronunciato), dalla rotondità dei Luca Fanti Seventy’70 (perfetti per jazz o generi dove serve una botta notevole sulle basse, ma un po' chiusi sulle alte), dalla complessità degli Eminence Super V12 (che sono una sorta di Vintage Greenback sotto steroidi, con vari spike su tutto lo spettro).
Infine la cassa.

Fai-da-te, speaker emulator e pillole di vita da club

Multistrato di pioppo (per contenere ulteriormente il peso) e, per darle un tocco personale, un outfit piuttosto tamarro, con griglia da subwoofer e copertura con nastro americano, idea che ho ripreso da un'Ibanez di qualche anno fa: la signature di Noodles, il chitarrista degli Offspring. Le dimensioni sono quelle della Mesa Boogie Recto, più o meno. Per aumentare la versatilità ho disegnato sul pannello posteriore il didietro di un porcellino: la cassa è quindi chiusa ma anche un po’ piggy back...

Fai-da-te, speaker emulator e pillole di vita da club

Scordiamoci i ceffoni di una 4x12". Tuttavia il suono è equilibrato e all'altezza del lavoro a cui è preposta. In più mi sono divertito a costruirla, e la mia schiena da attempato rocker di provincia ringrazia.
casse e altoparlanti effetti e processori fai da te gli articoli dei lettori hughes & kettner red box
Mostra commenti     8
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Se la base è valida...
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special più complesso
Fender Stratocaster #0015 del 1954: il restauro ToneTeam
Modificare una chitarra economica: sì, no... forse?
La GAS colpisce ancora: Harley Benton Big Tone Trem Orange
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964