DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La mia MJTE: Most Jazzy Telly Ever
La mia MJTE: Most Jazzy Telly Ever
di [user #31999] - pubblicato il

Una copia Telecaster economica può essere un'ottima base per sbizzarrirsi con estetiche personali ed elettroniche sopra le righe. È la storia della MJTE.
Mi piacerebbe condividere questo mio esperimento per il quale ho scelto il nome altisonante di MJTE, Most Jazzy Telly Ever.
Tutto parte dalla curiosità, fomentata dalle letture dei post qui su People, di provare un P90, dal fatto che io, con la simil Telecaster Harley Benton TE-52 Vintage, ci suono quasi solo col pickup al manico e dall'essermi messo a studiare un po' Grant Green. Allora mi procuro un P90 senza troppe pretese e pianifico una serie di interventi a basso costo sulla mia economica ma dignitosa chitarra.

La mia MJTE: Most Jazzy Telly Ever

Una parte del lavoro riguarda l'estetica.
Monto il P90 nello scasso già predisposto nel body, già schermato in passato, posizione quanto più vicino al manico (21 tasti, quindi ben avanti). Mi metto poi a lavorare di dremel e limetta un battipenna a tre strati per Telecaster e ne tiro fuori una sagoma che ricordi i McCarty, che si raccordi in modo gradevole con la piastra controlli, che però abbia una personalità spiccata, che sia armonioso e riconoscibile (tutto soggettivo, il risultato a me piace e mi trasmette il feeling fiusto per suonarci con rinnovata passione).

La mia MJTE: Most Jazzy Telly Ever

Una seconda parte riguarda l'elettronica. Dopo tanti ragionamenti, qualche calcolo e due prove, la configurazione che metto in piedi è decisamente - a quanto ne so - originale.
Posizione 1: solo P90, no volume, solo tono ricalibrato per chiudere il giusto. In questa situazione il P90 è caricato pochissimo, risonanza alta, tanta dinamica e tanta uscita.
Posizione 2: solo P90 ma con volume e tono. La differenza di carico data dall'aver connesso il potenziometro del volume si traduce in un timbro leggermente più frenato.
Posizione 3: il potenziometro del volume adesso agisce come un leggero taglia bassi mentre il potenziometro del tono è neutro in posizione centrale, c'è uno scattino, chiudendo lavora come sopra mentre aprendo aggiunge gradualmente il pickup al ponte per arrichire di armoniche la miscela finale.

Nell'immagine seguente trovate lo schema, nessun segreto.

La mia MJTE: Most Jazzy Telly Ever

Il risultato mi soddisfa moltissimo: ho rinfrescato il mio rapporto con questa chitarra. Non ha la versatilità universale ma espande incredibilmente la tavolozza di colori per chi, come me, è un amante del pickup al manico.
L'operazione è divertente da eseguire, ma se come me non sei attrezzato e non hai la mano del professionista ci si mette un bel po'. Fate fare il lavoro del liutaio ai liutai!
chitarre elettriche elettronica fai da te gli articoli dei lettori pickup
Mostra commenti     17
Altro da leggere
PRS Swamp Ash Special: non sei tu, sono io
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Bare Knuckle e paletta Strat per la Jackson 7-corde di Josh Smith
Fender ammicca al vintage giapponese con la Gold Foil Collection
La sottile inesistenza del vintage
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964