SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Sonic: le Squier entry level si rifanno il trucco
Sonic: le Squier entry level si rifanno il trucco
di [user #116] - pubblicato il

Finiture inedite e configurazioni meno scontate affiancano gli evergreen per i modelli Fender destinati a chi è agli inizi. Una serie di video mostra all’opera le Squier Sonic.
Stratocaster, Telecaster, Mustang, ma anche Precision e Bronco Bass sono i modelli Squier rivolti alle fasce entry level. La serie Sonic raccoglie l’eredità delle Squier Bullet destinata agli esordienti e a chi vuole aggiungere alla propria collezione un classico senza tempo in una versione particolarmente accessibile.

Sonic: le Squier entry level si rifanno il trucco

Su tutta la collezione, Squier ha usato body in pioppo e ha avvitato manici in acero. L’insieme promette voci equilibrate, risonanti e una struttura leggera, ideale per i più giovani. I manici sono a C per una presa tradizionale e la possibilità di scegliere tra tastiere in acero o in alloro a seconda delle finiture scelte consente di esplorare le sfumature dei legni più diffusi nei cataloghi Squier e Fender.
Anche le colorazioni sono rimodernate e accolgono toni appariscenti come l’Ultraviolet della Telecaster e della Stratocaster, il Tahitian Coral della Stratocaster HSS o il Flash Pink della Stratocaster HT H e della Mustang HH, tutto affiancato a finiture tipiche come il nero e il sunburst.

A completare il tutto, dei set di pickup ceramici promettono timbri brillanti e segnali consistenti a sufficienza da affrontare saturazioni importanti, per chi preferisce entrare nel mondo della chitarra distorta più spinta.

Per la presentazione della gamma, Squier mette tutti i modelli rapidamente all’opera su un brano solo.



Gli stessi sono poi esplorati più a fondo con video individuali. Si parte con la Stratocaster, disponibile nella classica configurazione con ponte Tremolo e tre pickup single coil, o con due single coil e un humbucker al ponte. Meno scontata è la presenza delle controparti HT, con ponte fisso di tipo hardtail che arrivano sia con tre single coil sia con un solo humbucker al ponte.
La Stratocaster, nella versione a tre single coil e ponte mobile, è l’unica disponibile anche in edizione “Pack”, completa di amplificatore Frontman e tutti gli accessori necessari a muovere i primi passi nel mondo della chitarra elettrica.



Le Sonic sono accomunate da un approccio relativamente moderno, e la Telecaster lo dimostra con la preferenza per un ponte fisso a sei sellette contro le tre delle edizioni più vintage-oriented.
Questa è disponibile sia con i due single coil, sia con un solo humbucker al ponte.



Per nulla scontata è anche la presenza di un modello come la Mustang nella collezione. La offset del gruppo si distingue per una scala corta da 24 pollici e 22 fret contro i 21 tasti e i 25,5 pollici degli altri modelli. Tale caratteristica, oltre a offrire un pelo di escursione in più lei registri acuti rispetto ai canoni Fender e Squier della prima ora, rende le corde sensibilmente più morbide risultando più adatta a chi ha una fisicità minuta o ha difficoltà con le corde più dure dei modelli Stratocaster e Telecaster.
Anche per la Mustang il ponte è fisso, con sei sellette, e c’è l’opzione di un’elettronica basata su due pickup single coil inclinati da un lato o due humbucker.



Ce n’è anche per i bassisti che, oltre all’immancabile Precision, possono scegliere anche un meno diffuso modello Bronco. Il primo offre l’inconfondibile pickup split coil e una scala lunga da 34 pollici, mentre il secondo monta un single coil tradizionale e preferisce una scala corta da 30 pollici, ancora una volta per una suonabilità più morbida e, di pari passo, un timbro leggermente più caldo e smussato.



Sul sito Fender, tutti i modelli Sonic sono descritti nel dettaglio a questo link, con schede tecniche, foto e prezzi per il mercato statunitense.
bassi elettrici bronco chitarre elettriche mustang precision sonic squier stratocaster telecaster ultime dal mercato
Link utili
Serie Squier Sonic sul sito Fender
Nascondi commenti     19
Loggati per commentare

di Nun_So_Capace [user #24540]
commento del 26/04/2023 ore 18:37:47
Ho appena preso la strato hardtail Torino red.

Era da troppo che avevo la scimmia per un hardtail rossa. Veniamo al dunque: è praticamente una bullet.
Ne più ne meno.
Di seguito pro e contro.
PRO: action e ottavatura perfette out of the box, manico e tastiera di categoria superiore, meccaniche al tatto e alla vista un gradino sopra rispetto a quelle che un po’ di tempo fa si vedevano sulle bullet, profili dei tasti limati alla perfezione, verniciatura impeccabile. Tiene benissimo l’accordatura nonostante capotasto di plastica ma sagomato alla perfezione e delle sellette dall’aspetto davvero basico.
Passiamo ai CONS: tasti sporchi e che grattano quando si fanno i bending (puliti e lucidati ora sono ok), legno di dubbissima qualità (trovato anche una lesione all’interno dello scasso del jack), pickup ed elettronica bocciate.

Sostituirò i ceramici con degli Alnico e cambierò le sellette per una spesa di 50 euro che sommate alle 170 per la chitarra portano il totale a 220.

Ne è valsa la pena?
Per me SI perché un hardtail rossa la Fender nel catalogo per umani non c’è l’ha e con un minimo indispensabile di upgrade sarà sicuramente più che sufficiente per un amatore della domenica come me.
In ogni caso non aspettatevi nulla di più di una entry level.
Diciamo che è una serie che sostituisce a tutti gli effetti la Bullet.
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 27/04/2023 ore 01:38:11
Anch'io ho subito pensato che con quelle caratteristiche... sono delle Bullet con un nuovo nome.
Una domanda, visto che ne hai una sotto mano: lo spessore del body com'è? Più sottile dello standard, come è sempre stato per le Bullet?
Edit: "Thin and lightweight body". Bastava leggere :)
Rispondi
di Nun_So_Capace [user #24540]
commento del 27/04/2023 ore 11:09:55
Si il corpo è più sottile della mia USA.
Non è necessariamente una cosa negativa, anzi.
Infatti è molto più leggera di una strato tradizionale.

Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 27/04/2023 ore 12:21:02
Non parli delle meccaniche, nelle due bullet che ho comprato nel 2015 erano indegne.
Hanno messo roba decente?
Poi se è lo stesso il ponte ti consiglio di investire un 50 Euro per qualcosa di un po' più pesante, ma quello era comunque passabile.
Rispondi
di Nun_So_Capace [user #24540]
commento del 27/04/2023 ore 12:27:1
Per le meccaniche ho scritto che sembrano meglio di quelle precedenti e non credo sia il caso di cambiarle e nei 50 euro prenderò delle sellette buone. Il ponte è un hardtail e già ora non ho alcun problema di accordatura.
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 27/04/2023 ore 13:38:20
..oops, è l'ho anche letto due volte per vedere se le nominavi....
Tra l'altro vedo dalle foto su un sito che in effetti sono quelle chiuse, molto meglio di quelle con il "coperchietto" di lamierino che c'erano nelle bullet.
Se Il ponte è hardtail non serve cambiarlo in effetti.
Per il manico anche i miei (a parte un tasto montato male in uno dei due) erano buoni, a livello di chitarre ben più costose.
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 26/04/2023 ore 19:14:13
E' difficile criticare una chitarra da 199 dollari onestamente, ma perchè una strato pickup singolo e ponte fisso costa esattamente come una SSH e tremolo?
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 27/04/2023 ore 13:42:01
Perchè le differenze di costo di produzione in Cina saranno si è no due dollari, e tanto vale semplificare i listini facendo un prezzo medio.
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 27/04/2023 ore 14:24:
lo capisco ma fa ridere scusa, proprio perchè i costi sono limati al centesimo mi sarei aspettato anche una minima differenza, ma presente.
Rispondi
di Pucci utente non più registrato
commento del 27/04/2023 ore 03:58:30
Io ci vedo sempre una Bullet entry level a cui hanno cambiato il colore, e che pagai 128 euro due anni fa dal tedesco, e ora ne costa 181. ;) PS. se qualcuno avesse per caso in mente di appoggiare la mano sulla fondina, lo invito a levare il dito dal cane, era solo una battuta ironica :) saludos!
Rispondi
di dariothery [user #12896]
commento del 27/04/2023 ore 12:27:47
eppure in poch sanno che in Germania fanno il presepe coi pastori tedeschi!!!:)
Rispondi
di Pucci utente non più registrato
commento del 27/04/2023 ore 15:14:37
Io sapevo che in Germania, con un pastore tedesco ci avevano fatto solo il Papa!!!, :) perdonami la battuta vecchia ma non mi veniva in mente altro di nuovo ;)
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 27/04/2023 ore 09:14:54
Il Precision blu è bellino bellino.
Rispondi
di giambibolla [user #5757]
commento del 27/04/2023 ore 15:52:05
Suonano da paura, meglio di molte Custom Shop.
Rispondi
di xavier [user #9768]
commento del 27/04/2023 ore 21:36:0
Grraaaandeeee... mi hai strappato una risatona!
Rispondi
di Gigibagigi [user #49591]
commento del 28/04/2023 ore 08:05:35
Anche perché lo sanno tutti che oramai le CS le fanno in Cina... non cielo dicono...
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 30/04/2023 ore 18:00:49
Ma certo!
CS sta per China Selection!
Rispondi
di matteo76 [user #35041]
commento del 06/05/2023 ore 23:42:42
L’anno scorso ho preso una Telecaster bullet per modificarla. Devo dire che i pickup d’origine erano proprio muti, senza carattere. Però come chitarra per giocarci un po’ e perfetta. Ho montato un Roswell tipo filtertron al manico e un altro roswell al ponte.Che dire ora è una chitarra niente male che suona davvero bene. Secondo me sono chitarre perfette per essere modificate senza rovinarsi.
Rispondi
di Nun_So_Capace [user #24540]
commento del 09/05/2023 ore 14:37:03
Concordo.
Come scrivevo qualche giorno fa, per la mia strato hardtail, ho speso 50 euro per dei pickup alnico basici e delle buone sellette.
E' migliorata tantissimo.
Ovviamente resta una chitarra entry level, inutile girarci intorno.
Non sarà mai e poi mai a livello di una USA, ma adesso anche il suono è più definito e meno inscatolato e sopratutto aumentando il gain il suono non impasta come con i ceramici di fabbrica.
In più la sto strapazzando davvero tanto e l'accordatura non sembra risentirne minimamente. Perfettamente accordata anche dopo strumming e bending spinti e ripetuti.
Il capotasto in plasticaccia sarà brutto da vedere ma per adesso regge.
Ripeto "170+50" euri per una chitarra che mi sta facendo divertire tantissimo e che pesa niente (chi ha passato gli anta sa cosa significhi avere una chitarra leggera al collo).
Per me a distanza di quasi 1 mese, e dopo le piccole modifiche fatte, è ancora un SI.
Rispondi
Loggati per commentare

Altro da leggere
La chitarra elettrica torna in prima serata: sì, parliamo di Matteo Mancuso
IR-2: BOSS sfida gli amp-sim compatti con audio via USB
Una chitarra che non ha bisogno di presentazioni
Ampli, effetti e un nuovo sistema cabinet negli ultimi firmware per Helix e POD Go
Tutte le fortune a Thomas Raggi: il video con la Strat del 1954
La Silver Sky dei Grateful Dead diventa una Limited Edition
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Zoom G2x Four: prime impressioni
Le chitarre dei grandi all'asta: c’è da fidarsi?
100-140 watt solid state in stereo: un vecchio ampli nel cassetto
Digitale, analogico o entrambi?
Il mio ampli Primitive 3 watt a stato solido del 2003
Dophix Dante: l'overdrive per il rock
I pickup fanno davvero la differenza?
La mia analisi di "Rock Bottom", l'ultimo singolo di Steven Wilson
Come si misurano le caratteristiche di un amplificatore di potenza e s...
Aggiungere il controllo footswitch al Yamaha THR




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964