VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
John McLaughlin e PRS per una signature esclusiva
John McLaughlin e PRS per una signature esclusiva
di [user #116] - pubblicato il

Solo 200 esemplari della signature dedicata da Paul Reed Smith a John McLaughlin prenderanno vita nel 2023, con legni ricercati ed elettronica personalizzata a firma Private Stock.
Secondo John McLaughlin, Paul Reed Smith è riuscito a portare il concetto di chitarra elettrica su un nuovo livello. Per questo l’artista è così affezionato al marchio da fare delle elettriche del Maryland i suoi strumenti prediletti, tanto da volere la sua prima PRS sulla copertina del DVD didattico “This Is The Way I Do It” anche se non aveva fatto in tempo a usarla nelle registrazioni di quei brani, e tanto da entrare ora in laboratorio con Paul per mettere a punto insieme una signature a dir poco preziosa.
Il suo modello custom punta ai massimi livelli della produzione PRS, senza compromessi e con tutto il pregio della collezione Private Stock, in un’edizione limitata di soli 200 pezzi.



Sul piano costruttivo, la John McLaughlin Signature Private Stock ricalca i canoni classici di casa, con alcune concessioni speciali per ciò che riguarda i legni utilizzati e in particolare per quanto concerne l’elettronica.
Il body in mogano africano è verniciato di Smoked Black sul retro ed è coperto da un top in acero figurato, le cui fitte fiammature sono lasciate bene in vista sotto la finitura Charcoal Phoenix.
Il manico è in un unico pezzo di hormigo, un legno spesso usato per costruire marimba, ed è abbinato a una tastiera in blackwood africano.
Il diapason da 25 pollici è tipico per il modello, come anche i 22 fret su un raggio da 10 pollici. Per la sua signature, John ha voluto un manico dal profilo Pattern, tondeggiante e mediamente abbondante senza però affaticare eccessivamente la mano nei passaggi più complessi o nelle sessioni più impegnative.
Per l’occasione, il modello accantona i canonici segnatasti a uccello in favore di intricati “nodi celtici” in abalone e opale. L’aquila del Private Stock compare al centro della paletta, appena oltre il nome dell’artista apposto sul coperchio per il trussrod. Sul retro, la sua firma compare sul coperchio delle molle del ponte.

John McLaughlin e PRS per una signature esclusiva

Più piccoli di un humbucker tradizionale, organici nel suono, brillanti e comunque profondi nel timbro, due pickup TCI sono scelti per dar voce alla signature. La sigla sta per Tuned Capacitance Inductance, e Paul Reed Smith ha messo a punto un sistema per controllare la particolare risonanza naturale del trasduttore per donare a ogni modello una risposta caratteristica, “intonata” su una precisa gamma di frequenze in un’ottica che viene paragonata al timbro distintivo di una voce umana rispetto a un’altra.
Sulla Private Stock di John McLaughlin, i pickup sono gestiti da controlli di volume e tono, più un selettore a tre posizioni. A metà strada tra le manopole compaiono due piccoli selettori che agiscono sull’equalizzazione generale per richiamare dei veri e propri preset in grado di alterare la risposta dello strumento in modi originali e distintivi.

Sul versante dell’hardware, la garanzia di un ponte PRS Tremolo Gen III e di meccaniche Phase III bloccanti assicura stabilità d’accordatura e precisione d’intonazione anche durante le escursioni più decise sulla leva.

John McLaughlin e PRS per una signature esclusiva

Sul sito PRS, la John McLaughlin Signature in edizione limitata per il Private Stock è a questo link. In Italia, sarà disponibile con la distribuzione di Algam Eko.
chitarre elettriche john mclaughlin prs ultime dal mercato
Link utili
John McLaughlin signature sul sito PRS
Sito del distributore Algam Eko
Nascondi commenti     2
Loggati per commentare

di Gigibagigi [user #49591]
commento del 25/07/2023 ore 09:06:40
Mi pare perfetta per suonare in 11/16, ma solo se preceduti da 2 battute in 10/8 e una in 7/4.
Rispondi
Loggati per commentare

di MAURIZIO [user #49375]
commento del 25/07/2023 ore 14:17:09
Non aono d'accordo: è una chitarra ottima anche per le battute in 13/16.
Rispondi
Altro da leggere
Seymour Duncan Noumenon: la svolta passiva di Jeff Loomis
L’impianto hi-fi Orange è una piramide
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
Walrus Canvas ora è un alimentatore modulare
IR-D: preamp valvolare a due canali con IR loader da Friedman
PRS DGT 15: valvolare "per l'uomo comune" firmato David Grissom
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964