VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
CST: tre finiture inedite per la double-cut bombata Harley Benton
CST: tre finiture inedite per la double-cut bombata Harley Benton
di [user #116] - pubblicato il

Double-cut con spalle asimmetriche, top bombato, due humbucker splittabili e ponte a scelta tra Tremolo e wrap-around: la CST-24 riprende un classico americano in tre finiture esclusive.
Tre colorazioni inedite per il catalogo Harley Benton impreziosiscono la solid body ispirata alla chitarra a 24 fret più famosa del Maryland. I riferimenti alla base della CST sono chiari a una prima occhiata, e la ricetta messa sul piatto dal brand tedesco punta sull’accessibilità della produzione orientale per uno strumento classico nell’approccio, versatile nel suono, realizzato con legni esotici e dall’estetica raffinata.
Disponibile in due varianti con ponte fisso o mobile, la chitarra arriva nei modelli CST-24 e CST-24T, quest’ultima offerta anche in versione mancina.
Le tre finiture introdotte in catalogo comprendono la Amber Stripes, che fa spiccare le venature dorate sottostanti con un caldo color miele, la Purple Burst con un viola che sfuma verso il nero a ridosso dei bordi, facendo spiccare un binding a contrasto tutto intorno e la Vintage Sunburst, un giallo che vira nel rosso e poi nel nero, vicino ai canoni del Tobacco Burst.

CST: tre finiture inedite per la double-cut bombata Harley Benton

La CST riprende la liuteria classica americana con legni alternativi. Così il body è in meranti, una varietà di mogano proveniente dalle Filippine usato anche per il manico, sagomato in un profilo a C. Il top in acero fiammato dona al tutto un’estetica ricercata e descrive una superficie delicatamente bombata.
La tastiera è in jatoba, anche chiamato ciliegio brasiliano, trattato ad alte temperature e con 24 fret in acciaio segnati da dot perlati, lungo un diapason da 25 pollici.

CST: tre finiture inedite per la double-cut bombata Harley Benton

Sul top, due pickup Roswell HAF Alnico 5 sono controllati da un selettore a tre posizioni piazzato nella parte bassa del top, e sono resi splittabili mediante push-pull sul potenziometro dei toni.
La CST-24 è il modello con ponte fisso wrap-around, mentre la CST-24T preferisce un ponte mobile Wilkinson. Entrambe le varianti promettono stabilità d’accordatura con meccaniche Deluxe e capotasto in grafite.

Sul sito Harley Benton, la serie di chitarre CST è a questo link.
chitarre elettriche cst-24 cst-24t harley benton ultime dal mercato
Link utili
CST-24 sul sito Harley Benton
Nascondi commenti     48
Loggati per commentare

di fab-for [user #62742]
commento del 22/08/2023 ore 11:23:45
Ad una prima occhiata la posizione del selettore mi pare poco felice... ma andrebbe imbracciata per esserne sicuri. Per il resto non si può che rimanere colpiti: pickup in alnico splittabili, capotasto in grafite, tasti in acciaio :O
Rispondi
di RedRaven [user #20706]
commento del 22/08/2023 ore 18:17:54
le PRS McCarty ce l'hanno li e va benissino, non rischi di inciamparci
Rispondi
di fab-for [user #62742]
commento del 22/08/2023 ore 21:06:12
ok, grazie!
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 22/08/2023 ore 12:07:05
Complimenti all'autore dell'articolo per le acrobazie linguistiche volte a farci capire che questa chitarra trae ispirazione dalla PRS custom 24 senza nominarla. 😅
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 22/08/2023 ore 12:10:2
Non esiste una chitarra della Harley Benton che non tragga ispirazione da altre.
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 22/08/2023 ore 13:20:11
Mai detto il contrario. Mi congratulavo per le abili contorsioni verbali dello scrittore.
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 22/08/2023 ore 14:09:38
mmhhh ... decisamente delle chitarre demmerd@!
come tutte le erli merdon!
... amen!!!
Rispondi
di fab-for [user #62742]
commento del 22/08/2023 ore 14:13:25
complimenti per l'approfondita analisi e la sofisticatezza del linguaggio.
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 22/08/2023 ore 14:56:04
si ... diciamo che ho fatto un'estrema sintesi! :)))
se sei uno di quelli che ne ha in casa 2 o 3 mi spiace non volevo offendere nessuno! : ma conoscendo chi ne ha in casa 7 ( e avendole
provate per bene ...) ... valgono esattamente quello che costano= poco!)
Rispondi
di enricofra [user #29774]
commento del 22/08/2023 ore 15:42:26
Io posseggo molte chitarre, anche di fascia alta di fender e Gibson, ma anche economiche ed ho, per divertimento, preso una HB a doppio manico (6 e 12 corde replica SG stile j. Page) con custodia rigida (enorme!) A 499 euro e di recente una simil fender strato SSS a 149.....che dire, sono molto ben fatte e suonano bene, tornassi indietro forse comprerei qualche fender/Gibson in meno e qualche HB in più, tanto se cambi i pick up alla fine siamo lì ....ripeto sono molto ben fatte e comode da suonare e i pick up di serie non sono male
Rispondi
di fab-for [user #62742]
commento del 22/08/2023 ore 20:59:34
mai avute e mai provate. Però sulla carta alcune caratteristiche mi sembrano da apprezzare.
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 22/08/2023 ore 14:52:10
Ho una Harley Benton (tipo Les Paul), e ne ho provata un'altra (tipo PRS custom 24). Intendiamoci, non valgono quanto le originali, e ci mancherebbe. Ma considerando che costano il 10% o addirittura il 5% delle chitarre che riproducono, e che sono assolutamente suonabilissime, be': chi non vuole spendere 2.000-4.000 euro per un PRS o una Gibson, né 500 per una Epiphone, secondo me con 200 euro si porta a casa un prodotto che non lascerà delusi.
Rispondi
di OliverJR [user #60182]
commento del 23/08/2023 ore 14:41:10
Se le hai provate e non ti piacciono ci può stare, ma se dici che sono chitarre m. non ti sei mai trovato tra le mani una chitarra di m.
Poi sarebbe sempre curioso poter valutare il chitarrista che giudica una chiatarra
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 23/08/2023 ore 18:28:13
il problema è che mi sempre trovato tra le mani belle chitarre (attualmente ho una mezza dozzina di strato Custom Shop, 1 tele sempre custom shop e una decina di Music Man)
inoltre una chitarra la può giudicare ANCHE un 'NON CHITARRISTA' che si intenda di liuteria!
buona musica
Rispondi
di OliverJR [user #60182]
commento del 23/08/2023 ore 19:05:06
Guarda mi sono passate tra le mani più Gibson che altro e non condivido la tua sensazione negativa. Poi chiaro che una chitarra si possa giudicare avendo anche solo competenze liuteristiche...ma se tra le mani la senti comoda e suona... ;) poi non entro nel merito della battaglia tra chi sostiene che siano come o meglio delle gibson/fender/ecc. Quelle sono sciocchezze che lasciano il tempo che trovano. Non saranno il santo graal delle chitarre (e per quella cifra ci mancherebbe) ma secondo me chi le ritiene una m. o ha avuto la sfortuna di provare un modello con qualche problema (possibilissimo vista la scarsa cura nei controlli qualità degli oggetti così economici) oppure non è stato in grado di settarsela. Oppure il problema è alla radice
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 23/08/2023 ore 20:02:2
opinioni rispettabili comunque!
Rispondi
di OliverJR [user #60182]
commento del 23/08/2023 ore 20:13:41
Sicuro! Alla fine ritengo tutte le opinioni (circa) rispettabili. Ma ha un suo peso anche come vengono espresse 😉
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 23/08/2023 ore 23:01:23
dai cattso, ogni tanto tanto mi prende il trip e parto per la tangente ... sarà l'età! ;)
Rispondi
di OliverJR [user #60182]
commento del 24/08/2023 ore 07:25:29
Il punto secondo il mio modestissimo parere è che con ste sparate si fa la figura del "neanderthal" :)
Se tu avessi detto: "ne ho provate diverse e proprio non mi ci trovo" credo che nessuno avrebbe avuto niente da ridire. E se ci avessi aggiunto: " sarà perché ho la fortuna di avere chitarre di un certo livello" nessuno ti avrebbe dato dello sborone.
Ma se parti dicendo che sono una m. e ti "vanti" di chitarroni della madonna (come è già successo con altri utenti) mi verrebbe da dirti: "bene, fammi sentire un suono della Madonna da tutto sto ben di Dio!" Ma qualcosa che faccia capire che suona molto meglio di una HB, altrimenti il gioco non vale la candela. Io ho fatto un video abbastanza dettagliato dove confronto una vera Gibson con una Burny ed una Harley benton, e pur non dubitando della superiorità di mamma Gibson le altre due suonano tutt'altro che male. Quindi io le mie prove ho cercato di darle a supporto della mia tesi, se sei convinto della tua ti invito a fare altrettanto ;)
Rispondi
di davey2089 [user #53758]
commento del 23/08/2023 ore 22:13:13
Tiratela meno però, pensavo che gli sboroni che rinfacciano la loro collezione da millantamila euro e sputano sulle entry level si fossero estinti 10 anni fa
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 23/08/2023 ore 22:53:43
scusa ma non me la tiro neanche un pò ...
le chitarre che possiedo le ho messe insieme in decine e decine di anni, rinunciando ad altre cose,
e forse è anche per questo che le apprezzo di più
buona musica
Rispondi
di davey2089 [user #53758]
commento del 24/08/2023 ore 00:30:21
Ho capito ma secondo me criticare chitarre da 100 euro tirando in ballo custom shop e music man non ha senso.
Una chitarra da 100 euro non è una chitarra di merda, è una chitarra da 100 euro. Goditi le tue custom shop ma apprezza anche che sul mercato vi sono strumenti per chi non può permettersi, nemmeno in una intera vita, una chitarra da cinquemila euro.
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 24/08/2023 ore 01:37:05
non è proprio così: ho tirato in ballo quei marchi perchè l'amico sopra mi ha detto ...
"ma se dici che sono chitarre di m. non ti sei mai trovato tra le mani una chitarra di m."
ho avuto la fortuna che di quella categoria avevo una eko ranger 12 poi aspettando di avere i quattrini ho tolto i 6 cantini dalla 12 e sono andato avanti così finchè (a fatica e con rinunce) ho potuto permettermi di meglio ... magari un usato e non la brutta copia di strumenti blasonati con top fotoflamed ma magari con hardware scadente (per esempio) ... se devo fare paragoni le HB sono paragonabili con le chitarre di ali express (la fascia di prezzo quella e')

(ammetto di essere stato un pò 'crudo' di primo acchito ... e mi scuso se ho offeso qualcuno)

uhe comunque non è che ti devi inc@xxare ;) ... si sta solo discutendo
ciao a te e buona musica
Rispondi
di felix9 [user #33282]
commento del 26/08/2023 ore 13:47:38
Uno che scrive "ho una mezza dozzina di ...". Per me il discorso finisce li.
Rispondi
di eko22 [user #15375]
commento del 23/08/2023 ore 20:27:09
Eccolo lì, quello che poi in un blind test non sa distinguere l'una dall'altra.
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 24/08/2023 ore 01:39:19
:)))
Rispondi
di Axilot [user #52908]
commento del 22/08/2023 ore 17:41:3
Io ero stato sempre tentato di riprendere la CST24T Emerald Flame, bella anche la nuova purple burst , alla fine per non comprare a scatola chiusa ho preso una PRS SE standard 24 da un negozio fisico, la chitarra è comodissima da suonare e molto versatile. Ma mi è rimasto sempre il dubbio se la PRS valga il prezzo quasi doppio.
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 25/08/2023 ore 10:00:58
Io ho una custom 24 tobacco burst. Ad essere buoni, vale si e no la metà del prezzo di vendita...tornassi indietro, col cavolo che la comprerei! Mai più PRS...
Rispondi
di Axilot [user #52908]
commento del 25/08/2023 ore 14:15:55
In effetti volevo prendere anche io una custom (faded blue burst) ma poi ho letto che a parte il top in acero era identica alla standard considerato la differenza di costo (1/3 in più) solo per l' estetica ho preso la standard. A favore della PRS devo dire che è la prima chitarra che trovo perfettamente settata già all acquisto, di solito una regolata a truss rod, action e intonazione devo sempre farla su una chitarra nuova.
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 25/08/2023 ore 22:11:03
Purtroppo quella che ho, e quelle americane provate in negozio, a setup stavano inguaiate, tra action altissime, intonazioni non proprio perfette e selettori che trattavano...che ti posso dire di più...
Rispondi
di Axilot [user #52908]
commento del 26/08/2023 ore 11:56:21
La mia era perfetta mi ci sono trovato subito a mio agio a suonarla , in realtà ho provato anche una SE standard 24-08 ed in effetti non era settata bene come quella che poi ho preso, ma comunque nulla di drammatico.
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 25/08/2023 ore 15:15:24
La PRS custom 24 di cui parli è SE oppure made in USA?
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 25/08/2023 ore 22:08:44
È la custom 24 ma ho provato anche le americane e nulla giustifica quei prezzi esasperati...a parte il nome sulla paletta, le spese di sdoganamento, magazzino, seghe mentali ecc. Ho provato chitarre a prezzi di gran lunga inferiore ma a dir poco ottime
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 25/08/2023 ore 22:19:49
Scusa, chiedo di nuovo: quindi è la SE quella di cui parli (scrivi che è la custom 24 ma hai provato anche le americane)?
Rispondi
di Jumpy [user #1050]
commento del 23/08/2023 ore 20:43:09
Sintesi: valgono il giusto (poco). Segue spiegazione.
Ho la cst24t paradise flame, versione di qualche anno fa (pickup Wlkinson e altre piccole differenze). Esteticamente bellissima, il top fa la sua bella figura. Manico e tastiera comodissimi e scorrevolissimi: si suona per ore senza stancarsi. Ponte e meccaniche così così, fan più o meno quel che devono. La presi come chitarra "da battaglia" da portare in giro senza particolari pensieri. Dopo pochi mesi, inizia a perdere colpi il pot del volume (sfrigolava come fosse logorato da decenni di utilizzo), poi il selettore (idem: come fosse stato usato per molti anni), poi il tono del push-pull. Cambio volume e selettore (il push-pull ha un groviglio di fili in cui sinceramente mi son perso, non l'ho cambiato ancora), di qualità infima... davvero mai visto nulla di più scadente (la mia prima elettrica è un'Eko del 1989, replica Jackson economica, ora la tengo per affetto più che altro, ma l'ho usata e strausata per almeno quindici anni e non ha di questi problemi).
Sempre della HB ho poi un basso fretless che uso molto poco: qui, al contrario, l'elettronica non è male (ha la modalità attivo/passivo gestibile da push/pull... grande cosa per un basso di 150€), ma meccaniche scattose e imprecise e ponte che tiene giusto ferme le corde.
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 23/08/2023 ore 21:57:10
Vabbè, ci mancherebbe anche che riuscissero a produrre chitarre a quei prezzi con componentistica di livello militare...
E' ovvio che su qualcosa devono andare al risparmio, ma se la parte... "di legno" (non dico liuteria, sennò a qualcuno viene un coccolone) è fatta bene -e in tutte le HB che ho provato lo è- cambiare qualche dettaglio è una sciocchezza e con una manciata di euro si risolve, ottenendo uno strumento valido e decisamente divertente. Tra l'altro non è neanche detto che sia necessario, io ho trovato anche potenziometri full-size ben cablati e dal funzionamento preciso e graduale anche dopo utilizzi molto prolungati.
Ovvio che non sarà paragonabile a una Custom Shop (e me lo auguro, con quello che costa una CS dovrebbe praticamente suonare da sola, accordarsi e fare anche il caffè) ma ci si può suonare anche seriamente e con soddisfazione, oltretutto senza l'ansia che si possa rovinare o che qualcuno se la freghi.
Rispondi
di Pattagorru [user #56686]
commento del 23/08/2023 ore 22:57:52
il problema è che sono paragonabili certo più a quelle su ali express: ripeto un amico ne ha sette ...
e le ho ben provate come già scritto ... gli dico sempre ma non è meglio averne una 'come si deve'!?
(ciao Oliver, noi ci siamo conosciuti via chat qui anni fa, ma avevo un altro nick)
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 23/08/2023 ore 23:28:32
Ciao.
Ne ho provate parecchie anch'io. Attualmente in casa ne ho due, una Junior e una Explorer (che mi sono divertito a "marchiare" Gibson con un adesivo posticcio, con gran divertimento quando i presenti ci cascano con tutte le scarpe), assieme a un basso con il quale mi diverto moltissimo. E assieme a quelle "come si deve".
Le due HB, comprate per pura curiosità perchè costavano pochissimo -una usata, l'altra B-stock- hanno avuto qualche upgrade (principalmente pickup) e le alterno spesso e volentieri con le Gibson. Ogni chitarra è una storia a sè e anche le mie Gibson "vere" differiscono tra loro per feel e suono.
Posso però tranquillamente affrontare una data con una qualsiasi delle chitarre che possiedo, comprese le Harley Benton, sicuro di non avere alcun problema. Chi ascolta non avvertirà nessuna differenza, ma si sa che questo vuol dire poco; il fatto curioso è che al di là delle fisiologiche differenze tra uno strumento e l'altro, non avverto differenze così marcate di qualità, nonostante il condizionamento psicologico che -anche non volendo- fa capolino ogni volta che vedo una paletta open book con il logo della grande G :)
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 23/08/2023 ore 21:14:59
Interessante come la forma della paletta, per questa PRS style, sia identica a quella di una marca coreana di qualche anno fa di cui ho avuto in mano per un breve periodo una versione semihollow PRS style.
Il marchio si chiamava SPEAR, il modello lo ignoro ma si trovano foto su internet ..
Esteticamente si presentava molto bene, acero ( impiallacciato) tigrato nero trasparente, binding, meccaniche più che decenti... Avevo aggiunto dei dot in abalone alla tastiera perché totalmente priva di segnatasti...
Il manico era onesto...esteticamente faceva la sua figura, ma anche dopo tutti i settaggi del caso, il suono semplicemente non c'era... Arrivato al bivio di un nuovo set di pickups ( e visto il prezzo della chitarra), mi sono arreso e l'ho rivenduta...
Sarebbe interessante capire se il costruttore alla base sia o no lo stesso....
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 23/08/2023 ore 22:00:05
Probabilmente è così, e se non è lo stesso usa gli stessi macchinari e templates.
Ci sono forme di body e palette che ritornano a cicli periodici dagli anni '90 ad oggi con marchi diversi, troppe coincidenze diventano sospette ;)
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 24/08/2023 ore 11:58:33
Mamma mia quanti ormoni, ragazzi! Si parla di musica, dovremmo essere tutti più sereni e lasciare da parte certi toni, non credete? Dai, stasera tutti in saletta a divertirci, chi con le Custom Shop e chi con la Chibson e la Fenner da quattro soldi! 😃 Rock rules!
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 31/08/2023 ore 06:54:13
Leggendo molti commenti negativi sto ridendo di brutto! Chissà quanti di loro hanno chitarre costruite nella stessa fabbrica (la Cort), con gli stessi operai, stesse macchine, stesse procedure, stessi dirigenti ma, udite udite, con i nomi diversi sulle palette: troppo, troppo divertente!
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 31/08/2023 ore 08:14:19
Non è solo il marchio sulla paletta che può fare differenza... I costruttori sono fondamentalmente sempre quelli... Ma l'assemblaggio e il controllo finale...
Purtroppo nel mio caso, quindi esperienza personale, ne ho acquistata una anche io di recente, visto l'entusiasmo generale ed i commenti per lo più positivi sul marchio.
Anche per curiosità, visto il basso investimento.
Al momento sono ancora incaxxato per quello che Thomas mi ha spedito a casa, specialmente quando poi vedo videorecensioni di una Tele da 89 euro con un manico dai tasti rifinitissimi ( nemmeno parente del manico montato sulla mia)...
Non ho intenzione di denigrare il marchio, per carità ,e sono apertissimo a cambiare idea nel caso avessi la possibilità di provarne qualcun' altra un po' più in grazia di Dio, ma al momento non credo riacquisterò ancora...
Anche perché se sulla paletta ci fosse stato scritto Donner , Storm o altro, gli stessi che mi hanno insultato avrebbero scritto...." E vabbè... ma cosa pretendi.....
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 31/08/2023 ore 10:09:58
Io ho provato per bene una HB fusion 3, quella con ponte wilkinson e meccaniche autobloccanti, che mi ha lasciato qualche giorno un parente. L'ho trovata più che buona e se avessi avuto la possibilità di provarla prima, non avrei comprato quella fregatura di PRS se custom 24 che vale meno della metà del suo prezzo, a voler essere buoni. Avrei risparmiato e avrei avuto una chitarra con tutte le basi per poterla migliorare/adattare alle mie necessità con pochissima spesa. Forse sei stato sfortunato? Può darsi. Ciò che ho imparato nei lunghi anni di strimpellatore è che le chitarre, se ti va bene, dopo i mille euro circa in su diventano "migliori" soltanto per l'effetto delle seghe mentali...
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 31/08/2023 ore 10:33:35
Non metto in dubbio di essere stato sfortunato, le chitarre andrebbero provate sempre e comunque avendone la possibilità...
Ho provato diverse " delle due grandi case" nel corso degli anni, tra nuove e usate di diverse annate, ma mai è sbocciato amore vero, unico pentimento una firebird che è rimasta per anni nel negozio di strumenti vicino casa, buon prezzo perché non se la cagava nessuno, suono e suonabilita' eccezionali , ma esteticamente non mi piaceva proprio...
Mi manca giusto da provare PRS.
Da anni ho trovato un giusto equilibrio tra prezzi e performance con Yamaha, mai avuto problemi col marchio, ma ultimamente vedo in rete gente con problemi con le ultime serie Revstar...
La mia è perfetta, però vedendo le foto dei difetti di alcuni esemplari non posso che rimanere zitto...
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 31/08/2023 ore 10:44:3
Anche a me le Fender e gibson non mi vanno proprio. Le ho avute, sia les paul che Fender americana, perché il gruppo di allora mi ruppe le scatole, dicevano che per una questione di immagine dovevo suonare con quelle chitarre di marca. Risultato: vendute tutte e due dopo pochi mesi di utilizzo, proprio non scattava quel feeling minimo. Sono più tipo da jackson, kramer o ibanez, per intenderci. Non posso che essere d'accordo con te, le chitarre andrebbero provate. Comunque, per lo meno, thomann permette di rispefirgliele entro un mese. Personalmente ho comprato parecchia roba da loro e dopo 12 anni non ho mai avuto problemi e solo 3 o 4 volte mi sono arrivati prodotti difettati o rotti durante la garanzia e me li hanno rimborsati/cambiati a seconda di ciò che ho loro richiesto...
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 31/08/2023 ore 11:00:21
😁Jackson, Charvel, Ibanez e Yamaha erano le mie " indecise" all' epoca... Sono poi arrivato a Yamaha per caso perché mi sono imbattuto in una stra occasione e ha prevalso l'affare... ( una 904 pagata meno di una strato messicana...).
Per la Benton, mi è arrivata a casa mentre ero in trasferta per lavoro, quando ci ho messo le mani sopra era passato il tempo per restituirla mio malgrado... Ora ci sto mettendo le mani sopra....
Rispondi
di gerlop [user #44005]
commento del 31/08/2023 ore 11:34:29
Le Yamaha le trovo ottime chitarre, pollice in su! :)
Rispondi
Altro da leggere
Cory Wong in un Pack gratuito per le DAW Apple
Valvenergy: i pedali valvolari Vox crescono per il 2024
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Il Power Fuzz Wah di Cliff Burton è tornato
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
Marcus King al calcio d'inizio per i 50 anni di Taylor
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964