CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Il segreto del twang Gretsch è in un humbucker in parallelo?
Il segreto del twang Gretsch è in un humbucker in parallelo?
di [user #12502] - pubblicato il

Il Filter'Tron è il punto d'incontro tra il single coil Fender e l'humbucker Gibson. Ha la brillantezza del primo con la silenziosità del secondo e un carattere unico responsabile dell'inconfondibile tono Gretsch, ma che può essere ricreato con un gioco di wiring...
Mi è capitato di recente di comprare da un privato, per una cifra simbolica, una simil ESP Eclipse senza meccaniche, ponte ed elettronica. Era un periodo in cui desideravo tutto tranne che una chitarra tipo Les Paul, specialmente nera, ma non resisto al prezzo. Soprattutto, ho un pickup meraviglioso installato su di una chitarra che non uso più da molto tempo, ed è quindi il momento di trovargli una nuova casa. Il trasduttore in questione è un Wylde L-298, un single coil noiseless che sulla carta dovrebbe assomigliare a un P90: non ho termini diretti di confronto (avevo una chitarra con un Di Marzio Bluesbucker, ma mi è stata rubata), ma posso affermare che è un pickup ottimo, con caratteristiche sonore da monobobina ma con un livello di uscita più alto e un midrange più pronunciato. Born to crunch insomma. Tra l’altro tempo fa avevo preso una mascherina per adattare i pickup single coil agli scassi da humbucker. Il problema è che le ferie sono alle porte ed il budget per comprare tutte le parti mancanti è risicato.
Mi rivolgo al solito sito inglese di ricambi, che grazie al Brexit risulta pure più conveniente del solito, e mi pongo come obbiettivo di spendere un centinaio di euro. Il sito vende anche pickup con il proprio brand che costano poco e, sulla carta e a quanto si vede/sente in rete, dovrebbero pure essere buoni. Ci fidiamo? Ahimè, in formato doppia bobina hanno solamente humbucker (e non ne ho sinceramente voglia) e un P90, che però non è noiseless. Vado alla ricerca di un Bluesbucker usato, ma sul solito sito di scambi non ne trovo e il prezzo da nuovo assorbe quasi completamente tutto il budget. Infine: ho quattro chitarre con i single coil, metterne un altro mi creerebbe un ulteriore doppione.
Mi sveglio sudato di notte, mi guardo allo specchio e penso: "Che tipo di suono, di cui già non disponi, desideri?"
La risposta sta scritta in un foglio A4, collocato sulla mia scrivania, dove è stampata la prenotazione per un hotel di Senigallia in cui passerò due notti della prima settimana di agosto, in occasione del Summer Jamboree. Non me ne vogliano amanti, intenditori e storiografi ma per me, che non ho mai ascoltato assiduamente quel tipo di musica e che sono nato nel '77, il suono rockabilly è quello di Brian Setzer.

Il segreto del twang Gretsch è in un humbucker in parallelo?

Riassumendo: l'ampli fenderoso ce l’abbiamo, il Tubescreamer ce l’abbiamo. Ok, lui ha una hollow body e io no, lui ha il Bisgby e io no, ma se trovo un simil-Filter'Tron con le dimensioni di humbucker standard ho fatto cinquina. Mi proietto su un sito americano di parti per chitarra che vende a sua volta pick up col proprio brand ma purtroppo, visto il recente apprezzamento del dollaro sull’euro e viste le altissime spese di spedizione, vado fuori budget un’altra volta. E di TV Jones usati non se ne parla neppure.

Che fare? coil-splitting? No, niente noise reduction e suono moscio. Poi, a un certo punto, penso alla posizione quattro del selettore della mia Stratocaster. Col suono Gretsch c’entra poco, anche se in realtà un filo ci assomiglia. E se prendessi un humbucker e collegassi gli avvolgimenti in parallelo? Guardo in rete vari video di gente che lo ha fatto e il risultato mi sembra convincente. Dopo qualche ora di web surfing un altro tarlo si insinua nella mia testolina: "Ma non è che i Filter'Tron sono humbucker collegati in parallelo?"

Il segreto del twang Gretsch è in un humbucker in parallelo?

Scatta subito un’altra ricerca, e questa ipotesi pare confermata da più fonti. Tuttavia, gli unici due che hanno certezze granitiche in merito alla questione forniscono, ovviamente, versioni antitetiche: il primo, che ha una Cabronita a cui ha fatto un upgrade con i TV Jones, per dirimere la questione ha deciso di cannibalizzare un Fideli'Tron, ovvero il simil-Filter'Tron di casa Fender/Squier: lo apre e sostiene convintamente che le bobine siano collegate in serie. A chi gli fa presente che è impossibile, poiché il suono è troppo diverso da quello che teoricamente dovrebbe essere in quel caso, risponde un altro utente, il quale asserisce che i pickup Gretsch suonano così perché le bobine sono più vicine rispetto a quelle di un humbucker standard. In base alla mia esperienza è un’affermazione opinabile, avendo suonato per anni una Stratocaster equipaggiata con un Seymour Duncan Hot Rails e, nonostante che le lame (facenti la funzione dei poli di un pickup normale) siano molto meno distanti rispetto alle due file di poli, per esempio di un PAF, il timbro, anche se con le proprie peculiarità, è senza dubbio afferente alla categoria humbucker. Comunque la mia ipotesi iniziale vacilla. Poi trovo un commento, su di un altro forum, di un tipo che ha comprato due TV Jones a quattro conduttori (disponibili solo con ordine custom, di serie escono con due) e ha implementato sulla chitarra gli switch per l’opzione serie/parallelo: sostiene che le due bobine collegate in serie suonano più o meno come un humbucker, mentre in parallelo il timbro è quello di riferimento.
L’unico modo per sanare il dubbio è, come al solito, passare all’azione, e quindi sfodero senza indugi la Gazzetta dello SpRrock, una Flying V che comprai in formato kit da assemblare, l’unica chitarra in mio possesso ad essere dotata, al ponte, di trasduttore a doppia bobina e a quattro conduttori, e pure di buona qualità, ovvero un Wylde L-500XL, mentre al ponte c’é un Seymour Duncan AlNiCo II Slash, che però ha solo due conduttori.

Il segreto del twang Gretsch è in un humbucker in parallelo?

Un euro e cinquanta di switch al negozietto di elettronica sotto l’ufficio, cacciavite e saldatore alla mano, un’oretta di sano fai-da-te in cui implemento pure il treble bleed, e subito in sala prove a suonare col gruppo al completo. Indubbiamente il pickup in configurazione parallelo suona molto diverso: il volume di uscita è più basso, non tragicamente, ma la differenze si sente. Poi il timbro che, pur non essendo uguale a quello di Setzer, comunque ci assomiglia. Potrebbe essere imputabile sia ai fattori di cui sopra, sia al fatto che la potenza dell’L-500XL è enorme, specialmente se confrontata con quella dei Filter'Tron vintage. Sta di fatto che l’attacco secco c’è, i bassi asciutti pure, e io il jingle jangle di casa Gretsch lo sento, anche se il mid range è più gonfio di quanto speravo. Ci sta che con file di poli più ravvicinati e magneti/avvolgimenti meno performanti il suono si schiarisca ulteriormente.
In sintesi, dovendo giocarmi una IPA sulla questione "Filter'Tron parallelo o serie?" io scommetterei sulla prima. Sarebbe il top se qualche lettore o consulente di Accordo mi desse una risposta certa.

Il segreto del twang Gretsch è in un humbucker in parallelo?

Considerazione finale: l’humbucker con gli avvolgimenti in parallelo produce un suono utilizzabilissimo, tuttavia non si pensi che possa sostituire un single coil. Perché, provando anche tutte le combinazioni di overdrive, fuzz, amplificatore che uso di solito, emerge innanzitutto come interagisca in modo radicalmente diverso con ogni elemento della catena (specialmente col fuzz, un Roger Meyer Axis), e soprattutto come il timbro sia assai diverso, in particolare sui bassi, che sono meno presenti e, per esempio, fanno sì che nelle walking bass line fatte sulle corde più grosse venga sottolineato maggiormente l'attacco metallico, se mi passa il termine, e meno la corda. Perdonatemi, non è facile da spiegare.
Un bel timbro insomma, riconoscibile ma di certo poco versatile. Di positivissimo c’è che, essendo lo spettro delle frequenze più piccato e meno spalmato farà la felicità dei fonici, che non dovranno arrabattarsi in equalizzazioni esoteriche per limitare le sovrapposizioni con gli altri strumenti. Consiglio quindi vivamente a tutti di implementare switch per avere a disposizione tutte e due le configurazioni, magari con potenziometri dotati di DPDT che non impongono modifiche estetiche e strutturali alla chitarra.
chitarre elettriche elettronica fai da te gli articoli dei lettori pickup
Nascondi commenti     20
Loggati per commentare

di DottorZero [user #44787]
commento del 15/08/2016 ore 09:39:20
Bellissimo articolo! Da "niubbo" del guitar modding, leggo sempre più interessato....solo una domanda: qual è il "solito sito inglese di ricambi"?
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 16/08/2016 ore 09:20:12
Ti ho risposto in privato.
Rispondi
di DottorZero [user #44787]
commento del 16/08/2016 ore 09:41:52
Thanks soooooooo much!!!
Rispondi
di luvi [user #3191]
commento del 15/08/2016 ore 10:16:40
Le bobine dei Filtertron originali, prese singolarmente, non superano i 2,5 kohm... questo smentisce l'ipotesi che siano collegate in parallelo, dato che i pickup in questione misurano di norma tra i 4 e i 5 kohm... Il segnale debole che esse generano viene compensato da un magnete molto massiccio.
L'estensione della risposta in frequenza deriva proprio dal basso valore di induttanza consentito dagli avvolgimenti leggeri (apporto sostanziale) e dalla struttura identica delle due bobine (viti in entrambe) unita alla distanza ravvicinata tra di esse (apporto minoritario). :-)
Rispondi
di TidalRace [user #16055]
commento del 15/08/2016 ore 13:09:06
Ciao Luca, non ho mai smontato questo tipo di pickup per cui ho piacere a leggere queste informazioni. Il magnete potente avrà sicuramente ripercussioni sul sustain delle note che non sarà elevato, ma l'idea di produrre un suono simile a un single-coil ma con due bobine in serie mi era già passato per la testa tempo fa. Sarebbe diverso da qualsiasi altro pickup noiseless oppure no?
Rispondi
di luvi [user #3191]
commento del 15/08/2016 ore 20:16:49
Ciao!
Il magnete è posto sotto le bobine, per cui molto lontano dalle corde... la forza di coercizione è appena più alta di quella di un normale PAF, per cui non la si avverte.
Il segnale generato, in compenso, è più elevato e rafforza quello deboluccio generato dalle bobine "leggere".
Il suono dipende come sempre dall'architettura e dal progetto del pickup: se il picco di risonanza si alza e si stringe come in un siglecoil anche il sound diventa di conseguenza molto simile.
Le due bobine affiancate risentono però dell'effetto di cancellazione delle armoniche più alte causato dalla finestra magnetica che si crea, per cui tendono ad essere meno sensibili sulla gamma acuta.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 15/08/2016 ore 14:50:2
Cavolo mi hai smontato una convinzione di quelle granitiche... anche perché si legge un po' ovunque che sono collegati in parallelo.
Però la configurazione in parallelo viene usata al manico in una delle posizioni delle Ibanez S anche di fascia alta, quindi avrà una sua utilità, purtroppo non l'ho mai provata.
Rispondi
di Alex95SG [user #30733]
commento del 15/08/2016 ore 19:01:36
Io sulla mia ex Ibanez RG avevo messo la possibilità di mettere in parallelo l'humbucker al manico (dimarzio liquifire) e il risultato era molto bello, una bella via di mezzo tra il suono pieno e caldo dell'hb e il suono più chiaro e squillante di un single coil, diciamo che aveva il meglio dei due mondi. Lo usavo solo per i puliti, perché sui distorti era un po' troppo vuoto e con poca botta per i miei gusti. Concludo dicendo che per me è meglio mettere in parallelo un hb che splittarlo
Rispondi
di luvi [user #3191]
commento del 15/08/2016 ore 20:03:42
Concordo. :-)
Spesso, specie sugli strumenti nei quali la disposizione delle bobine non permette di riprodurre timbriche particolarmente "strato", consiglio proprio di evitare lo split e provare il collegamento in parallelo.
Il suono è appena diverso, ma non il tipo di utilizzo, dato che rende sempre molto bene con gli effetti di modulazione, sugli arpeggi o sulle ritmiche più funk, mantenendo inalterata la funzione "humbucking", cioè la cancellazione del rumore di rete.
Rispondi
di luvi [user #3191]
commento del 15/08/2016 ore 20:05:51
Provala, provala... come puoi leggere più sotto è un'ottima alternativa allo split!
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 16/08/2016 ore 09:21:09
Grazie per le delucidazioni!
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 15/08/2016 ore 11:11:06
Articolo interessantissimo, e ricco di informazioni preziose.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 15/08/2016 ore 20:29:30
Confermo, ho una ibanez sas che consente di avere sia una connessione in parallelo al manico che entrambi gli hb splittati. Quando mi capita di avere necessitá di un suono single coil, mi trovo molto meglio con il parallelo invece degli hb splittati. Per gusti musicali, non lo uso molto, ma ne esce un suono bello e sfruttabile.
Rispondi
di axlrov [user #32222]
commento del 16/08/2016 ore 18:35:53
Interessante articolo adesso ti dico la mia esperienza al riguardo.
Ho una Greg bennett che montava 2 humbucker duncan design a 4fili,il suono nella posizione centrale era meraviglioso, ma volevo a tutti costi il suono gretsch. avevo pensato di provare prima di acquistare il tv jones classic,fare la prova montando la cornice della seymour duncan; questo vai al link , che da la possibilita di passare in paralello o splittare un coil a scelta (quello sopra u quello sotto)alla volta,fatto sta che decise di comprare il tv jones classic al ponte(quello con 4 fili credo sia il classic plus)si trova facilmente anche qui in italia.
Il suono del classic è si più brillante di un humbucker, ma lontano da un single coil.
per il pickup l manico ho deciso, di montare la sudetta cornice seymour duncan, per non comprare un altro tv jones, che comunque non costa una follia, daun negozio qui in italia 120 euro ( e hai un pickup che viene montato solo su gretsch da 3000 euro in su),ad ogni modo avrei preso il magnatron, promete piu twang, non ha le vite, ma ha i poli come i single coil come nelle strato per intenderci.
il risultato con la cornicetta è buono cè molta differenza in modalita humbucker normale,splittadolo a single coli u paralello, devo dire che il suono e uguale per le mie orecchie, sia in paralello che modalita single coli.
Un altra cosa,ho montato al manico il humbucker duncan design che prima era al ponte perche quello al manico anche con questa cornice non era brillantissimo. adesso con quello al ponte sono piu sodisfatto e piu brillante, solo che la distanza, vite/ corde e un po sballata, ma non cambia nulla nel suono ,ogni corda si sente benissimo, non cè bisogno la corda sia precisamente sopra la vite.
per avere un suono piu twang ancora ho deciso di provare a montare delle corde piu sottili, cioè delle 0,9 / 0,42, molto importante che le corde basse siano sottili a punto 0,42, che diventano quasi dei cantini molto intelligibili e sferragianti, certo il suono e meno pieno e grosso che con delle 0,10 0,52 ,ma fanno al caso mio per avere quello suono twang da telecaster, che sulla stratocaster viene perfetto,su quella con tv jones molto di meno, poi la differenza tra pickup si sente sopratutto nelle corde basse, i cantini suonano quasi sempre uguale , questo vale anche per la scalatura dellle corde
Rispondi
di Lio [user #45352]
commento del 17/08/2016 ore 10:43:30
Da possessore di gretsch e tv jones, son curioso di provare (su altri humbucker) a metterli in parallelo, comunque, se possibile mi piacerebbe sapere il nome del "solito sito inglese di ricambi"
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 17/08/2016 ore 19:08:0
Ti ho risposto in privato.
Rispondi
di tittis [user #28285]
commento del 30/12/2021 ore 17:42:31
anch'io vorrei sapere che sito è( ma perchè sto segreto?), magari è gia nel mio archivio...
Rispondi
di FBASS [user #22255]
commento del 17/08/2016 ore 21:41:45
Ho una Gretsch economica, ma che suona bene, la G 5220 Junior Jet II° che monta due mini humbuckers con regolazione solo tramite le 12 viti per pickup, ma io da sempre preferisco il suono dei DeArmond Dynasonic, infatti appena posso mi comprerò la G 6120 G Brand con i Dynasonic; dei DeArmond Filtertron ho fatto un articolo tempo fa, furono montati sulle Chet Atkins e successivamente, nel 1955, sulle G 6120 che portano lo zoccolo di cavallo sulla paletta al posto delle G Brand del 1954 che avevano il "Toro con le Corna", anche come segnatasti, FBASS.
Rispondi
di Alkimia [user #43253]
commento del 23/05/2021 ore 01:29:55
Ciao. Articolo molto interessante grazie. Puoi dirmi per favore qual è il "solito sito inglese di ricambi"?
Rispondi
di KingCharles [user #62056]
commento del 11/06/2022 ore 23:46:2
Grazie per l'articolo, molto interessante e che stimola a mettere le mani sulla chitarra.
Mi unisco al coro di richieste sul "solito sito inglese di ricambi" :-))
Rispondi
Altro da leggere
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
La Gibson che non sapevo di volere
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964