CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Panico: Fender Usa a 300 Euro!
Panico: Fender Usa a 300 Euro!
di [user #50760] - pubblicato il

Qualche sera fa ho assistito a una lapidazione bella e buona, ovviamente via Facebook. Un tizio ha messo sul Marketplace una Fender Stratocaster Highway One (per chi non lo sapesse, si tratta di una serie made in Usa di fascia bassa) a 300 euro: un’onta intollerabile per i pipparoli del web, categoria di cui peraltro faccio parte.

Sotto l’annuncio, decine di commenti di gente impanicata, utenti che si mettevano reciprocamente in guardia: nel giro di quattro minuti il venditore era stato messo alla sbarra e condannato senza appello. In apparenza, la sua colpa era quella di proporre una chitarra falsa (cosa di cui non c’era nessuna evidenza, anzi), ma la realtà è che il suo reato era molto più grave: aveva destabilizzato gente convinta che la propria messicana standard, usata di dieci anni, valesse come minimo 700 euro. Con il suo annuncio, questo signore li ha depauperati, offesi, trafitti nell’orgoglio e nell’onore che neanche Mimì Metallurgico.
Che poi io me la vedo la scena a casa di questo ignaro utente,residente in un paesino del basso Molise. Ho a casa una chitarra da dieci anni, regalata a mio figlio per il compleanno, o forse era la Cresima? Non la suona nessuno, in salotto impiccia. Maria, quanto l’avevamo pagata? Ah, l’aveva comprata Pasquale? Aspetta che lo chiamo… Pasquale, ti ricordi? Ah, 590 euro, tieni ancora lo scontrino? Bene. Che dici, 300 euro possiamo chiederli o è troppo, visto che manca una corda?
Ecco, questa la genesi possibile per quell’annuncio. 300 euro per una chitarra che, nuova, dieci anni fa ne costava circa il doppio. Dove sarebbe lo scandalo?

Panico: Fender Usa a 300 Euro!

Ma tranquilli, mica faccio il verginello. Agli annunci, in tempi remoti, mi dedicai per un anno intero, sempre fedele alla regola del mio mentore Dario (nome di fantasia): “Fabio, amico mio, se è a buon prezzo non comprare; se è un affare, non comprare; compra solo se è un affarissimo”. E così feci, per un anno brandii la luminosa spada dell’Affarissimo per farmi largo tra le tenebre, comprai a prezzo stracciato per rivendere a prezzo di mercato (o, spesso, tenere per me).
Fu allora che scoprii, se non proprio tutto, perlomeno molto di quel giardino zoologico che è Mercatino, della sua fauna eterogenea i cui rapporti sono legati da una precisa catena alimentare. E sì, è tutto vero: c’è chi vende per professione e ha cinquecento annunci online, chi ti propone solo scambi anche se tu hai scritto “no scambi”, chi chiede la spedizione anche se hai scritto “consegno a mano”, chi ti fotte il sabato insediandosi a casa tua tutto il pomeriggio per provare un Boss DS-1 da 40 euro, per poi andarsene meditabondo dicendo “ci penso” (e lì ti chiedi quanto possa essere stato dilaniante per lui l’acquisto di una casa).
C’è quello la cui Classic Vibe vale 500 euro(100 in più rispetto al nuovo in negozio), perché la sua è made in China, mentre ora le fanno in Indonesia, è chiaro che non c’è paragone. C’è quello che ha la chitarra “settata da noto liutaio della zona”, il che fa invariabilmente crescere il valore dello strumento, di solito una sottomarca di scarso appeal. C’è quello del “è del 2016, quando ancora le facevano bene…” con i puntini di sospensione di chi la sa lunga, Al che io mi trovo a supporre che lui di mestiere faccia il supervisoredelle linee di montaggio di Ensenada, Incheon e Soerabaya, poi invece scopro che lavora alle poste di Caronno Pertusella. 
Ora sarebbe bello che arrivasse la morale, ma sono qui che mi scervello e non la trovo. Però, però. Partiamo dalle basi: negli annunci, come in ogni cosa, serve il buon senso, serve un’idea di proporzioni. Serve educazione: non prendete per il culo la gente. E non umiliatevi per spillare a qualcuno dieci euro in più: non vi sentirete meglio, a meno che non siate davvero molto, molto meschini.

Panico: Fender Usa a 300 Euro!
 
Mostra commenti     76
Altro da leggere
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
Billy Gibbons: suona quello che tu vuoi sentire
Gretchen Menn: fatevi un regalo, studiate la teoria
I suoni del mio Zoom G3
Questi esercizi sono la scoperta dell'acqua calda
Kris Barras: usare i cromatismi e mettere pepe nel fraseggio blues
"I più penalizzati? Noi fornitori di servizi: musicisti, tecnici, fonici"
1987: un assolo su una ballad hard rock
La frustrazione che ci mantiene vivi
L’analfabeta funzionale non molla mai
Yvette Young: identikit di una musicista meravigliosa
La GAS e il pensiero magico
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964