HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Quale ampli per il jazz?
di [user #4259] - pubblicato il

Dopo anni di risparmi finalmente ho acquistato la tanta agognata chitarra da jazz… la scelta è ricaduta su una classica Gibson ES 175 Natural che con il cambio euro/dollaro era più vantaggiosa del solito. Tutto contento arrivo a casa e attacco il gioellino al mio Fender Blues Deluxe non reissue made in Usa. Nessun pedale, riverbero a zero e cavo di qualità.... grande attacco, gran suono e dinamica spaventosa!!

 Suono un po’ di cose e provo un po’ di walking bass e qui arrivano i dolori! Su alcune note (precisamente sul E, sul F e sul F#) si innesca il feedback. Provo a spostarmi, a direzionare la chitarra da un’altra parte, a mettermi dietro l’ampli… in alcune posizioni fa un pochino meglio e mi dico : “vabbè sono in casa, quando suonerò in giro, magari all’aperto, sarò più lontano e non ci saranno problemi”. Niente di più falso. Ho fatto le prove col quartetto e il feedback c’era, ho fatto la serata e il feedback c’era e ho dovuto cambiare tutti i rivolti degli accordi per limitare i danni. Visto che comunque il mese prossimo le date ricominciano, mi sono messo sul problema ampli. Il dubbio amletico è il classico: ampli a transistor tipo Minibrute, Roland e Jazzkat o valvolare più potente con un cono più grande tipo il Fender Twin o il 65 twin reverb? Visto che utilizzo anche una strato vintage 62 per i pezzi più blues e fusion, portare in giro due ampli mi sembra veramente troppo! Quindi sarei orientato sui valvolari fender in modo che anche con la strato ci guadagnerei in suono… la mia paura è però che più potenza significhi anche più feedback!! Insomma, non so cosa fare e non vorrei fare spese inutili. In più, il peso di un’ampli del genere non è indifferente… aiutatemi!! Ogni consiglio è ben accetto. Grazie Ciao

amplificatori
Altro da leggere
Pubblicità
Supro 1696RT Black Magick Reverb...
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a...
Sovtek Mig 50: britanniche dalla Russia...
Marshall Origin 20H: prime impressioni...
Pubblicità
Commenti
Ciao, le chitarre ti
di coldshot [user #15902] - commento del 23/08/2008 ore 11:3
Ciao, le chitarre tipo la es 175 hanno un'pò il problema del feedback per via della cassa vuota, io ho una 335 e se suono troppo vicino all'ampli un hot rod deluxe mi và in feedback, a volumi alti però. La 175 (splendida,complimenti) avendo la cassa ancora più alta il problema è maggiore, non penso sia colpa dell'ampli. C'è un video di George Benson che suona con la sua Ibanez e sulle f della chitarra si nota che ha messo del nastro adesivo trasparente per via del feedback. Riguardo all'ampli se vuoi qualcosa di comodo , che sia adatto per il jazz e soprattutto non vuoi spendere un capitale ti consiglio un Roland Cube 60, ha davvero degli ottimi puliti, non è a valvole ma per fare jazz non sono cosi importanti, è piccolo e leggero e soprattutto spara davvero forte. Un classico sarebbe il jazz chorus ma è gigante e le versiono più piccole non le fanno più, trovi solo l'usato a prezzi ingiusti. Vai col Cube.
Rispondi
Re: Ciao, le chitarre ti
di Alabamasmith [user #8060] - commento del 25/08/2008 ore 03:4
Confermo, il cube 60 della Roland non costa niente e ha bei puliti.
Rispondi
Fender Blues Junior
di kfd [user #1076] - commento del 23/08/2008 ore 13:2
E' un po' un azzardo, forse... ma ho visto in giro già qualche jazzista che lo usa con la 175. Penso che un tentativo lo potresti fare, perlomeno sembra un'accoppiata interessante da provare! :)
Rispondi
Non penso sia un azz
di coldshot [user #15902] - commento del 23/08/2008 ore 14:0
Non penso sia un azzardo, non lo paragono certamente al polytone o al jazzcat, questi sono ampli superiori senza dubbio, però credimi, se non vuoi spendere cifre assurde il cube 60 è un oggetto da prendere in considerazione se vuoi un timbro pulitissimo per jazz, ed inoltre se parliamo di transistor o digitali la roland ha davvero pochi rivali.
Rispondi
Scusa forse ho toppa
di coldshot [user #15902] - commento del 23/08/2008 ore 14:0
Scusa forse ho toppato, ti riferivi al blues junior. Pardon
Rispondi
Da utilizzatore di 175 e 335...
di luvi [user #3191] - commento del 23/08/2008 ore 16:2
...a mio parere posso dirti che per suonare jazz un amplificatore con un buon suono pulito può sempre fare al caso, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata o dal marchio. Quasi tutti i Fender valvolari o solid-state si adattano molto bene, così come gli Yamaha, i Roland Cube e JC, i vecchi Music Man, i Peavey Classic, ecc. Il Polytone, in effetti, altro non è che un ampli estremamente lineare (quasi Hi-Fi...) accoppiato ad un altoparlante che invece sopra i 3000 Hz è praticamente muto! Il problema del feedback, invece, non è affatto di facile gestione (perlomeno con la ES175...): non dipende dall'amplificatore in sè, ma dal volume che tieni e dalla distanza alla quale poni la chitarra rispetto allo speaker. Un ampli come il Twin, che ha una cassa 2x12, potrà senz'altro stare a distanza maggiore da te che non un Blues Junior con il suo meno efficiente 1x10: avendo un suono più grosso, ricco e di maggiore potenza, sentirai meglio la chitarra a distanza e ti darà così anche meno problemi di rientri. ;-)
Rispondi
Re: Da utilizzatore di 175 e 335...
di kfd [user #1076] - commento del 23/08/2008 ore 16:3
Hey, il Blues Junior ha un cono da 12"! :)
Rispondi
Re: Da utilizzatore di 175 e 335...
di luvi [user #3191] - commento del 23/08/2008 ore 16:4
Urca... hai ragione... Suona così medioso e inscatolato, per i miei gusti, che a memoria mi pareva un 10". Provare per credere: collegalo ad una 2x12 come si deve e il suo suono cambia come dal giorno alla notte (in meglio, imho...)!
Rispondi
Re: Da utilizzatore di 175 e 335...
di fa [user #4259] - commento del 23/08/2008 ore 18:0
Grazie a tutti per i vsotri consigli! Dunque se il problema è solo la distanza e non la dimensione dell'ampli o del cono, può andare benissimo anche il mio ampli! L'unica serata in cui, per ora, ho potuto testare la 175 era all'aperto e il volume dell'ampli era intorno 4,5... e andava in feedback (oltre che cominciare a distorcere, cosa che comunque non è un male). Su un twin penso corrsiponda a un 2 di volume...sforzando meno l'ampli il feedback si dovrebbe ridurre o no? Anche perchè non è detto che ci sia sempre la possibilità di stare molto distante dall'ampli..ad esempio se suoniamo a matrimoni o ad aperitivi. Insomma...in media 1 o 2 serate al mese le faccio... val la pena investire dei soldi per un twin se poi il problema non si risolve?
Rispondi
Re: Da utilizzatore di 175 e 335...
di luvi [user #3191] - commento del 23/08/2008 ore 18:4
Fai delle prove di distanza e di posizionamento rispetto agli speakers. A volte basta cambiare di poco l'angolazione della chitarra (o la sua distanza) dall'ampli, per sentire il feedback diminuire notevolmente. Non c'è una regola fissa (a parte il fatto che maggiore è la distanza o minore il volume dell'ampli e minore è la possibilità del feedback): varia tutto di volta in volta a seconda delle regolazioni, dell'ambiente nel quale ti trovi, ecc. Se sei molto vicino all'amplificatore, comunque, con la 175 oltre ad abbassare il volume c'è ben poco da fare, a meno di non ricorrere a rimedi drastici, come la chiusura delle buche ad effe "alla Benson", alla quale si accennava più sopra!
Rispondi
Un consiglio che costa poco
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 25/08/2008 ore 11:1
Visto che il feedback non dipende dal tipo di ampli. Io ti direi prova a cambiare la V1o la V2 (vedi come suona meglio) che ora sono 12AX7 (100% gain), con una 12AY7 (45% gain) o con un 5751 (70% gain) per avere più headroom, cioè + pulito. qui c' è un pagina che mostra la scala dei valori di gain vai al link Così l'ampli disorce meno e le valvole finali lavorano di più, con la 5751 la distorsione diventa anche + morbida. Il costo è limitato, le valvole preamplificatrici sono intercambiabili e non necessitano di bias, se non ti piace rimonti la valvola originale. Se l'ampli resta pulito forse riesci a limitare l'effetto feedback, cmq è da sperimentare. Ciao P.S. Ti riporto un stralcio dalla pagina di cui ti ho messo il link sopra: "... Many guitar amp users (particularly harmonica players) like to reduce the gain to get a different sound or calm the amp down to prevent feedback." Quindi dovresti avere meno problemi di feedback.
Rispondi
peavey classic 50 pr
di mattanza [user #7470] - commento del 23/08/2008 ore 17:5
peavey classic 50 provare per credere!
Rispondi
Il twin è uno dei m
di coldshot [user #15902] - commento del 23/08/2008 ore 20:5
Il twin è uno dei migliori ampli al mondo secondo me, però ricorda che è davvero pesante e scomodo da portarsi dietro, anche il peavey classic 50 secondo me è troppo potente, non sò a che livelli di volume tu suoni , ma secondo me non ha senso o almeno poco comprarsi un gigante del genere e tenerlo a due di volume, io fossi in te non supererei i 30w di potenza se si parla di valvolari, ma forse sono io che sono un'pò pigro e non mi và di trascinarmi 35-40 chili di ampli, e poi se vai un'pò più sù di volume l'ampli suona meglio assai. Io proprio in questi giorni stò provando qualcosa di nuovo perchè voglio vendere l'hot rod deluxe, ieri ho provato il nuovo princeton reverb reissue della fender, 15w forse un'pò pochini pero che bel suono altro che blues junior.
Rispondi
italiani...
di SHENANDOAH1980 [user #10847] - commento del 25/08/2008 ore 12:3
mmh..ho sentito recentemente, in ambito jazz, il nostrano lombardi lc8, ovviamente microfonato...interessante..
Rispondi
Blues Junior
di Bertoblues [user #13018] - commento del 27/08/2008 ore 13:4
Ciao. Avevo il tuo stesso problema con una Epiphone Emperor Joe Pass... ho provato diversi ampli sia transistor che valvolari... anche il buon roland cube (ho il 30) è assolutamente imparagonabile al blues junior se rimaniamo in ambito "quasi-economico". Certo anche il Deluxe è eccellente ed alla fine è un blues junior con più watt. Interessanti invece nelle fascia economica i Wega ampli transistor con una valvola per dare più colore.
Rispondi
Re: Blues Junior
di fa [user #4259] - commento del 28/08/2008 ore 10:1
Scusa ma non ho capito come hai risolto il problema! Hai preso il cube30? In più ho anche la strato da "tenere a bada"... ciò sigifica andare in giro con due ampli... doppio microfono, doppie regolazioni, non so,sono molto indeciso.
Rispondi
Ciao, il Cube ed il
di coldshot [user #15902] - commento del 27/08/2008 ore 14:4
Ciao, il Cube ed il Blues jr sono due cose completamente diverse è difficile paragonarli, inoltre il cube costa la metà, il blues jr mi sembra un'pò caro per quello che è ( cosa non lo è della fender), dipende da quale è il timbro che cerchi, se cerchi un timbo tipo Metheny, Diorio, Jim Hall ecc.. io andrei sul cube sempre se vuoi spendere il giusto, se preferisci timbri all J Scofield, B Frisell, S. Henderson ecc... allora vai sulle valvole con l'aggiunta di qualche pedalino magari. Il deluxe che è il mio ampli che stò vendendo non è male, sappiamo tutto su questo oggetto ormai, puliti cristallini ma non proprio classic fender, crunch discutibile, sensibilità dell'equalizzazione discutibile, potenza più che sufficente, prezzo abbordabile. Non ti manda in extasi.
Rispondi
Re: Ciao, il Cube ed il
di fa [user #4259] - commento del 28/08/2008 ore 10:2
A me il suono del deluxe piace abbastanza, ma i problemi che hai detto ci sono tutti! Il secondo canale a mio gusto è pressochè inutilizzabile e il volume praticamente oltre il 4 non si alza più. Onestamente in un paio di situazioni ho avuto anche qualche problema di potenza... Il problema è sempre lo stesso, vendo il deluxe, investo dei soldi, prendo un ampli più grande e poi ho sempre il problema el feedback... mah!
Rispondi
Ciao, se lo vuoi cam
di coldshot [user #15902] - commento del 28/08/2008 ore 11:4
Ciao, se lo vuoi cambiare e prenderti il twin come avevi accennato prima per la potenza miglorerai e non di poco il tou suono ma il problema del feedback si può ripresentare con una semiacustica, và gestito con le distanze trà te e l'ampli ma ricordati di non trascurare quello che ti ho detto prima riguardo il peso del twin. Se vuoi rimanere in fender e ti capisco perchè anche io sono parecchio fissato potresti provare il '65 vibrolux reverb reissue, sono sempre 40w ma è un altra storia e le dimensioni e peso sono più o meno come il deluxe.
Rispondi
Blues Junior
di Bertoblues [user #13018] - commento del 01/09/2008 ore 13:2
Intendevo dire che il problema l'ho risolto acquistando un BJ... il cube 30 si impasta troppo sui bassi! Ciao
Rispondi
EQ
di ale85redstrat [user #14216] - commento del 05/09/2008 ore 12:2
Il problema del feedback è principalmente su alcune frequenze specifiche che risuonano nella cassa della chitarra. Potresti provare a mettere un equalizzatore o un piccolo preamp tra chitarra e ampli e tagliare un po' di volta in volta le frequenze basse che innescano il feedback. Poi tutto varia dall'ambiente e da mille altri fattori. Mi sembra buona l'idea di cambiare valvole nel pre e poi dei bei tappi per le buche son sempre utili! Comunque la cosa più logica è smanettare sull'equalizzazione. Spero di esser stato utile ciao ciao!
Rispondi
Scelta finale
di fa [user #4259] - commento del 05/09/2008 ore 19:5
Ringrazio tutti per i consigli che mi avete dato! In questi giorni ho girato vari negozi del milanese e ho provato di tutto con la es 175. Il twin oltre al costo è di un peso abominevole (suono splendido)! Ho provato il cube 60 della Roland e non mi è piaciuto, avrei pagato un sacco di effetti e simulazioni per non utilizzarli pressochè mai!! E il suo pulito mi sembrava un po' "scatoloso".... Il blues junior è un bell'ampli ma a 3 di volume va già in crunch con la 175...Poi ho avuto un'idea... visto che mi interessa un suono pulito che valorizzi il suono della chitarra (che reputo buono) perchè non provare un ampli per acustica? Fatto sta che ho guardato su diversi forum americani e ho sentito parlare bene del Roland Ac60. Dicevano ottimo per registrare, ottimo suono, buon volume, va bene anche sull'elettrica ecc. ecc. Insomma sono andato in negozio e l'ho provato. Che dire... una grande sorpresa. L'ac60 è piccolo, leggero, maneggevole, abbordabile economicamente e vi assicuro ha un gran suono! In negozio problemi di feedback zero anche a volumi sostenuti. Avevo paura per i bassi dato che ha due coni piccoli... invece ha un suono molto spazioso e ricco. Ha diversi effetti che sono convincenti, uscita stereo, uscita per altre casse o per un woofer. Insomma l'ho preso!! Sono arrivato a casa, ho alzato un po' il volume e in alcune posizioni l'odiato feedback c'era ancora... però essendo un ampli per acustica c'è la possibilità di tagliare le frequanze per eliminarlo. In più questa funzione è anche automatica: schiacci un pulsante, suoni la nota che va in feedback e automaticamente l'ampli taglia la frequanza relativa e... feedback addio!! Se avete il mio stesso problema vi consiglio di provarlo perchè non rimarrete delusi! In più è piccolo e ci sta esattamente sopra il blues deluxe... posso microfonare il fender per la strato e mandare il roland in stereo direttamente nell'impianto per la 175 e il problema è risolto!! Missione compiuta!! :-)))
Rispondi
Re: Scelta finale
di yasodanandana [user #699] - commento del 05/09/2008 ore 22:0
complimenti.. difficile trovare chitarristi non troppo tradizionalisti che stanno attenti al suono e non ai cliche'...
Rispondi
Re: Scelta finale
di LucaFiorano [user #18818] - commento del 30/05/2011 ore 14:0
Anche io ho fatto una scelta simile. Gibson 175 col ben conosciuto da queste parti SR JAM 150 Plus.. Così al naturale si apprezza davvero tanto la qualità dello strumento. Non faccio jazz dal vivo, ma solo per passione, tra le mura domestiche, quindi non so come si comporterebbe su un palco.. Penso che così da solo non abbia un volume paragonabile a un qualsiasi ampli per elettrica di medie dimensioni. Però dall'uscita bilanciata LineOut lo si può tranquillamente mandare in impianto. Ho sperimentato questo modo inserendolo nel mixer .Come monitor ho una coppia di SR club 150 .. Sembra di stare dentro la pancia della chitarra . L'SR JAM lo avevo già per suonare in acustico quindi quello con la Gibson175 è stato un incontro casuale .Penso che non lo avrei mai considerato se avessi cercato un ampli apposito per il Jazz. E' invece una scelta validissima e di una comodità sconcertante.
Rispondi
Re: Scelta finale
di Peterpanico utente non più registrato - commento del 02/12/2011 ore 15:5
Ti "straquoto! Luca... ;-) altro che valvole,la mia CS 336 sul Jam suona da favola!!! Ho un Twin,ed una testa Egnater da 20 watts su cassa 1x122 con Jensen,quindi posso tranquillamente fare paragoni in real time.....lo avevo già visto in giro da diversi chiatrristi Jaz,usare ampli ( buoni!9 da acustica,quindi gli SR o gli Aer,magari anche altri,ma su questi ci sacommetto perchè uno ce l'ho e l'altro l'ho sentito "live".... Riguardo la ES 175...ci sto lavorando.....magari arriva a breve ;-) P.S. secondo me,da provare,anche il nuovo DV Mark "Frank Gambale"..... ;-)
Rispondi
di meccò [user #46483] - commento del 06/03/2017 ore 19:42:2
Credo che sia inutile girarci attorno-Con il valvolare, avrete sempre il problema del "larsen"
e il peso-per fare jazz, non occorre avere 2 canali di cui uno che va in distorsione...è una spesa in più. Consiglio un Polytone minibrute 1(per intenderci il 100 W.con cono da 12) vintage, cioè
quello degli anni 70-80- Se poi volete qualche effetto (chorus+reverbero),basta acquistare un paio di pedalini.Comunque il jazz(puro), no vuole effetti.
Se non vi garba il Polytone, provate lo ZT Jazz Club.E' ottimo.
Saluti da Meccò.
Rispondi
di Paolo64 [user #48337] - commento del 26/03/2018 ore 21:57:22
JAZZREVERB 150 Dualmaster
vai al link
Leggero, 150 watt RMS, clean impeccabile, la versione II ha anche la mandata effetti valvolare
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Fender spiega la Jazzmaster
Fender Player Series prime impressioni su Strat e Telly
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Vai a Custom Shop Milano, conosci musicisti, torni con una Strat!
Framus Pro Series The Stormbender Devin Townsend
I più commentati
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
Fender Player Series prime impressioni su Strat e Telly
Boss WL: trasmettitori smart per tutti i gusti
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
I vostri articoli
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Come creare true bypass, looper e footswitch
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964