VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
I Dream Theater e le nuvole
di [user #13620] - pubblicato il

L'atmosfera è di quelle che ti lasciano senza fiato. La tastiera ti avvolge e ti culla mentre la chitarra ti guida in posti bellissimi. La melodia è un'accozzaglia onirica fino ad arrivare a qualcosa di più definito. E' a quel punto che quattro accordi di una semplicità quasi disarmante ti prendono alla sprovvista, mentre LaBrie quasi sussurra: "Could this be the end? Is this the way I die? Sitting here alone? No one by my side.". Riecco Rudess e Portnoy. La chitarra acustica diventa distorta, il tutto in un crescendo bellissimo che culmina con l'assolo di Petrucci mentre tu sei lì all'angolo, sopraffatto da un avversario molto più forte di te. Ultimi secondi: rumore di mare e uccelli in lontananza. Gli ultimi 8 minuti del nuovo disco dei Dream Theater, "Black Clouds and Silver linings".


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964