CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
The Aristocrats congelati sul palco
The Aristocrats congelati sul palco
di [user #17404] - pubblicato il

È uscito meno di un mese fa Freeze! Live in Europe 2020, live degli Aristocrats, la super band di Guthrie Govan, Bryan Beller e Marco Minnemann che negli ultimi dieci ha contribuito a svecchiare la fusion con inserti di qualità tecnica, sonora e di contaminazione stilistica. Apporto indispensabile per riaccendere su questo genere un interesse diverso e – soprattutto – proveniente da un pubblico più fresco.

To freeze, congelare, è un verbo divertente per descrivere cosa fa la registrazione di un live, preservando un concerto nel tempo. Permettendoci così, quando vogliamo, di tornare a gustare e assaporare di nuovo note e vibrazioni di quella serata: i suoni, l’eccitazione del pubblico, l’interplay dei musicisti. L’inflessione unica che quella tale canzone assume in quella tale esecuzione, ora immortalata su disco. Ma in questo caso, come detto esplicitamente dai tre Aristocrats, FREEZE! Live In Europe 2020 è la testimonianza di un mondo musicale che ha dovuto - per più di un anno - congelarsi per non appassirsi e marcire in un maledetto stop forzato.

The Aristocrats congelati sul palco

Quanto ascoltiamo su  FREEZE! Live In Europe 2020 è la testimonianza di una band di alieni che, dopo un centinaio di date del tour, suona in maniera sublime ma a inizio marzo 2020 deve interrompere i concerti.
 Così, di fronte ai mesi buoi che improvvisamente si schiudono, decide di pubblicare questa foto musicale che li ritrae bellissimi e bravissimi, divinità nel loro genere, negli ultimi concerti registrati in Spagna tra Bilbao, Sevilla e Murcia nell’appena trascorso febbraio.
Una foto per non dimenticare come si era e spronarsi a riguadagnare, prima possibile, la dimensione unica del live. 
Perché a fare male di questo live non è solo quanto bene suonino Guthrie, Marco e Bryan. E ce n’è per tutti: ciascuno incarna lo standard tecnico ed espressivo del proprio strumento e, per di più, il live è registrato in maniera eccezionale, con definizione, dinamica, spazialità allucinanti. (A proposito di dinamica, questi tre maledetti su “Last Orders” scendono così in basso e in maniera così omogenea, da convincerti al primo ascolto che si tratti di un fade out!)
Quello che fa più male è che ascoltando gli Aristocrats svolazzare tra i loro pezzi e furoreggiare tra jam, improvvisazioni, assolo si sbatte il muso sul fatto che per quanto tutti noi musicisti si sia stati capaci ed eroici nel tenere viva la nostra attività con collaborazioni a distanza (video, dirette, streaming…) tutto non è che un fiacco e tiepido surrogato del palco. 
Questo live ti va venire una voglia maledetta di suonare dal vivo: di sentire un pubblico che applaude quando infili la svisata giusta mentre la sezione ritmica pesta forsennatamente su basso e batteria.
Ascoltare questo disco in cuffia, ti fa sentire da morire la mancanza di decidere che il brano inizierà con un groove aperto; poi ci saranno il tema e il chorus. Ma che tutto quello che succederà in mezzo - fino al tema e chorus che porteranno al finale - sarà frutto di sguardi, interazione, guizzi, interplay, assolo. Non di messaggi scambiati tra mail, vocali e chat.
 


Nel disco ci sono sei brani e, nello stile degli Aristocrats, due firmati da ciascuno dei tre protagonisti.
Su “Get It Like That” Marco Minnemann suona un assolo di batteria fantascentifico dedicato alla memoria di Neal Peart dei Rush.
Una nota conclusiva su Guthrie Govan che in questo live ha un suono, soprattutto pulito, celestiale: modulazioni e ambienti avvolgono con perizia e gusto digressioni stilistiche allucinanti tra country, funk, jazz e deflagrazioni shred. Govan è stato sicuramente il chitarrista più significativo di questi ultimi 10 anni e ascoltandolo improvvisare live negli assolo, si sente quanto lo stile dei chitarristi tecnicamente più brillanti e spettacolari del momento (da Matteo Mancuso a Max Ostro, passando per Andrè Nieri e Tom Quayle) debba tanto, tantissimo - e anche di più - a questo geniale musicista.
 
 
bryan beller dischi guthrie govan marco minnemann the aristocrats
Link utili
Ascolta e acquista FREEZE! Live in Europe 2020
Il sito degli Aristocrats
Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Intervista a Guthrie Govan: “Non siate timidi!”
Le origini di Marco Minnemann
Niente tempi difficili con Marco Minnemann
La strumentazione degli Aristocrats
The Aristocrats: rock che resuscita la fusion
Maurizio Solieri: al grosso pubblico la musica non interessa
Intervista a Guthrie Govan: "In Italia tutto è bello, buono e suona bene"
Intervista a Guthrie Govan
Concerto del Primo Maggio: scarsa attenzione alla musica.
Sette consigli per un concerto più smart
Bryan Beller: debutto solista del bassista di Aristocrats, Vai e Satriani
2020: le cose che ho ascoltato e mi sono piaciute di più
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964