CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA

Gianni Rojatti
utente #17404 - registrato il 03/01/2009
Città: Udine
Artisti preferiti Album preferiti
+ Vedi altri
+ Vedi altri
Attività Risposte ricevute Commenti effettuati Post su People Articoli Annunci

Attività

Poggipollini: niente "Trappole" da click
di Gianni Rojatti | 18 settembre 2020 ore 15:30 da (Didattica)
E' uscito oggi il nuovo singolo di Federico Poggipollini. Si intitola "Trappole" ed è una chicca della musica italiana d'autore: il pezzo, infatti, è una canzone del 1981 di Eugenio Finardi presente anche come special guest in questa versione. Abbiamo raggiunto telefonicamente Federico per curiosare sulla produzione di "Trappole".
Pino Rucher: una chitarra che ha fatto la storia
di Gianni Rojatti | 09 settembre 2020 ore 13:00 da (Didattica)
Hendrix, Clapton, Page, Van Halen sono i nomi di alcune delle icone del rock che hanno inventato la chitarra elettrica per come la conosciamo oggi. È vero però, che spesso dimentichiamo figure di alcuni musicisti italiani imprescindibili: Mussida, Radius, Battaglia e poi Portera o Solieri, giganti che per primi hanno codificato quel nuovo linguaggio elettrico portando quelle modalità sonore ed espressive nella nostra musica. Prima ancora di questi, c’è Pino Rucher chitarrista che negli anni sessanta ha suonato in centinaia tra dischi, colonne sonore, festival dispensando con classe, gusto e innovazione, sonorità che avrebbero influenzato il chitarrismo delle generazioni a seguire.
"McStine & Minnemann": musica bella e senza tabù
di Gianni Rojatti | 31 agosto 2020 ore 10:00 da (Didattica)
Un giro sulle montagne russe tra progressive, ottimo pop e impennate tra punk e djent. Il tutto sorretto da un songwriting di livello e prestazioni strumentali eccellenti, trainate dal batterismo alieno di Marco Minnemann. "McStine & Minnemann" è un disco da ascoltare assolutamente.
A lezione con Giacomo Castellano - Parte 1
di Gianni Rojatti | 14 agosto 2020 ore 00:00 da (Didattica)
Una raccolta di lezioni con un'icona della chitarra Rock italiana: Giacomo Castellano. Castellano è stato un pioniere nel introdurre e nel divulgare a più di una generazione il chitarrismo moderno del post Van Halen. E il suo merito è stato poi quello di riuscire a calare il suono, l'approccio e l'estetica di questo rock anche nel grande pop italiano. Delle lezioni per lavorare a fondo su tecnica solista ( da Hybrid Picking a Tapping, passando per il legato), ritmica e armonia.
Kris Barras: usare i cromatismi e mettere pepe nel fraseggio blues
di Gianni Rojatti | 05 agosto 2020 ore 08:30 da (Didattica)
Una lezione con una montagna di lick da imparare. Parliamo di fraseggio Rock Blues con Kris Barras e, grazie all'inserimento dei cromatismi, ci divertiamo a creare fraseggi per suonare in maniera più fluida, moderna e ammiccante al jazz le solite idee che normalmente ci si spende in un Blues in A7.
E' morto Peter Green
di Gianni Rojatti | 26 luglio 2020 ore 12:30 da (Didattica)
È morto a 73 anni Peter Green chitarrista che nella seconda metà degli anni ’60 prese il posto di Eric Clapton nei John Mayall & the Bluesbreakers per poi, subito dopo, fondare i Fleetwood Mac.
Meglio poche note ma col cuore
di Gianni Rojatti | 15 luglio 2020 ore 15:00 da (Didattica)
Suonare con il cuore è una delle espressioni più inflazionate tra i musicisti in vena di consigli. Al cuore attribuiamo metaforicamente la responsabilità dei pensieri e delle nostre azioni più autentiche perché motivate dall’amore o passione più ardente. Per questo, le cose che facciamo davvero con il cuore sono quelle che, proprio perché capaci di gratificarci nel profondo, affondano radici viscerali nei nostri desideri, nella nostra vera identità. Per fare qualcosa davvero con il cuore bisogna aver esplorato ciò che realmente si ama, si desira, si è. Altrimenti, sarebbe meglio utilizzare l’espressione “agire di pancia”, tradendo un’azione più istintiva, estemporanea, legata al bisogno o capriccio del momento.
Una compilation di grande musica in regalo
di Gianni Rojatti | 08 maggio 2020 ore 17:30 da (Didattica)
Assieme a Mascot Label Group abbiamo deciso di farvi un regalo. E abbiamo confezionato una compilation affiancando ad alcuni giganti della chitarra rock blues altri grandi artisti, altrettanto interessanti da ascoltare. Da Joe Bonamassa a Gary Moore, passando per The Magpie Salute, George Benson e Black Stone Cherry, dieci chicche di grande musica in un clic sul vostro HD.
Questi esercizi sono la scoperta dell'acqua calda
di Gianni Rojatti | 07 maggio 2020 ore 12:30 da (Didattica)
Abbiamo deciso di parlare di warm up, raccogliendo più testimonianze possibili su come i musicisti sono soliti riscaldarsi prima di salire sul palco o affrontare una sessione di registrazione.
Il caratteraccio degli artisti
di Gianni Rojatti | 27 aprile 2020 ore 13:00 da (Didattica)
In un recente articolo, Jeff Bowders popolare batterista americano, ha dispensato alcuni consigli che potrebbero aiutare un giovane musicista a intraprendere la strada del professionismo. Tra questi, quello di essere una persona corretta e affabile, qualità che fanno sì che sia piacevole lavorare assieme. Un nostro lettore si è detto non d'accordo, scrivendo che l'essere affabili è, spesso, la strategia dei mediocri che non hanno altri strumenti per far valere il proprio talento.
I miei assolo preferiti
di Gianni Rojatti | 18 aprile 2020 ore 13:00 da (Didattica)
Questa mattina mi sono trovato faccia a faccia con un’incombenza che rinviavo da giorni, pulire e sistemare buona parte della casa. Mentre si rassetta, un'azzeccata selezione musicale in sottofondo è un’ottima maniera per farsela passare. Allora, ho deciso di creare una playlist ad hoc, raccogliendo una sfida che non mi ero mai deciso ad affrontare: selezionare le canzoni con le parti di chitarra solista che mi hanno influenzato di più. Qui le prime sei.
Perché una chitarra diventa la tua chitarra?
di Gianni Rojatti | 18 aprile 2020 ore 10:30 da (Chitarra)
E va bene, oggi facciamo i romantici. E allora chiediamoci: chi è davvero il partner ideale? Il compagno dei sogni? Quello giovane, avvenente, perfetto che risponde sulla carta a ogni nostro gusto o desiderio o quello che nel tempo ci ha mostrato fedeltà, ci ha supportati e ora è in grado di farci sentire, sempre, perfettamente a nostro agio, spronandoci a dare il massimo? La risposta ce l’ha suggerita Doug Aldrich, parlando della sua Les Paul GoldTop.
Cesareo: "Grazie per la domanda!"
di Gianni Rojatti | 14 aprile 2020 ore 07:30 da (Didattica)
Davide Civaschi, l'ineffabile Cesareo degli Elio & Le Storie Tese, è una delle più brillanti chitarre rock italiane, capace da sempre di dosare con raffinatezza e originalità, memorabili slanci melodici con impennate virtuosistiche. Cesareo è un musicista camaleontico, in grado di interpretare sempre in maniera pertinente le mille geniali contaminazioni stilistiche della musica degli Elio & Le Storie Tese. “Grazie per la domanda” è il nome di una serie di articoli nei quali ci ha detto la sua circa tanti argomenti: organizzazione dello studio, gestione sensata della pratica quotidiana e tutta una serie di considerazione sul processo di maturazione che necessariamente un chitarrista deve percorrere se vuole diventare un musicista da band, capace di interagire in maniera produttiva con altri musicisti. 
Maurizio Solieri: la chitarra rock della musica italiana
di Gianni Rojatti | 14 aprile 2020 ore 07:30 da (Didattica)
Maurizio Solieri è, per antonomasia, il chitarrista rock della musica italiana. Nella produzione di Vasco Rossi ha incastonato, se non addirittura inventato, stilemi che sono diventati un classico nella nostra cultura chitarristica pop. Riportiamo il meglio delle sue interviste rilasciate per Accordo: ci racconta gli esordi di Vasco, l'avventura della Steve Rogers Band e l'amicizia con Massimo Riva. E tra aneddoti su chitarre, tour e amplificatori, riserva un po' di amarezza per quella fetta di grande pubblico che ha perso il gusto della qualità.
Impariamo lo Sweep
di Gianni Rojatti | 14 aprile 2020 ore 07:30 da (Didattica)
Un ciclo di lezioni dedicato alla tecnica dello Sweep Picking pensato per i principianti e per i chitarristi di stampo più tradizionale che non si sono mai cimentati con questa tecnica. Lo Sweep non è solo un marchio di fabbrica tra i più spettacolari del chitarrismo metal, fusion e shred ma è anche un prezioso strumento di fraseggio: può rendere più fluido e scorrevole il solismo e - in ambito jazz fusion - aiutare ad emulare il playing dei sassofonisti.
I suoni del mio G3
di Gianni Rojatti | 02 aprile 2020 ore 14:00 da (Didattica)
Ho utilizzato assiduamente il mio piccolo e fidato Zoom G3 dal 2012. Mi ha supportato in tutta l’attività live con i Dolcetti, anche nei tour più importanti come quelli da spalla agli Aristocrats o, nel 2016, quando fummo l’unico opening act europeo per il “Passion & Warfare Anniversary Tour” di Steve Vai. Salire su quei palchi importanti, e suonare in diretta nell’impianto, con questo aggeggino da poco più di 100€, non solo era maledettamente pratico, ma mi pareva così sfacciato e quasi irriverente da farmi sentire un po’ punk.
Oggi parliamo di Chitarristi, Dischi & Interviste
di Gianni Rojatti | 01 aprile 2020 ore 14:00 da (Didattica)
Paul Gilbert, Steve Vai, Billy Gibson, Tosin Abasi, Guthrie Govan, Tommy Emmanuel, Robben Ford, Tony McAlpine, Marty Friedman, Eric Johnson, Steve Morse, GusG, Stef Burns, Bruce Bouillet, Michael Lee Firkins, Michael Angelo...quasi non ci credo che in questi anni li abbiamo incontrati e intervistati tutti.
"I am a Peacock": intervista a Pierpaolo Ranieri
di Gianni Rojatti | 31 marzo 2020 ore 17:30 da (Didattica)
Il disco solista di Pierpaolo Ranieri è un lavoro semplice e ricercatissimo assieme: semplice nella ricerca di essenzialità degli arrangiamenti che lasciano al basso elettrico spazi enormi; ricercatissimo per la cura, sensibilità e stile con cui questi spazi sono gestiti. Si mescolano elettronica e Lo-fi, affogati in un'estetica sonora analogica e vellutata, pulsante e viva, che si diverte a evocare scenari da colonna sonora da b-movie italiano anni'70. Tutto è suonato benissimo e scritto meglio.
Diretta in trasferta da Phil Mer
di Gianni Rojatti | 28 marzo 2020 ore 14:00 da (People)
Stamattina mi sono svegliato, ho alzato le persiane e ho pensato: "Col piffero che con una giornata di primavera così, me ne sto chiuso in casa!" Resomi conto di quanto sarebbe stato sciocco fare una cosa del genere, ho deciso - però - che almeno la mia diretta quotidiana me la sarei andata a fare altrove, fuori da Accordo. Allora ho accettato l'invito di Phil Mer, batterista colto e brillante che mi ha chiamato a passare un'ora da lui, sul suo canale Instagram, per parlare non mi è ancora ben chiaro di cosa.
Chi ha detto che suonare Reggae è Facile?
di Gianni Rojatti | 27 marzo 2020 ore 14:15 da (Didattica)
Stasera ho deciso di paccare la mia diretta sullo Shred e gli anni ’80, per parlare di un genere musicale che mi piace e che spesso, sento additato dai miei colleghi a sei corde, come uno dei più inutili chitarristicamente. Per farlo ho deciso di coinvolgere un amico Mattero Da Ros che Gibson al collo gira il mondo con i Mellow Mood, di sicuro la band reggae italiana più famosa a livello internazionale.
1 di 12   «« Precedente  Successivo »»
Cerca Utente
Seguici anche su:
People
Blackhole è il riverbero sperimentale di Eventide
"Gli ultimi giorni di Jimi Hendrix" nel libro di Enzo Gentile e Robert...
Poggipollini: niente "Trappole" da click
Alicia Keys: esce oggi il nuovo album di inediti anticipato dal singol...
50 anni senza Jimi
Zoom AC3: ecco come va
Thelonious Monk: pubblicato “Palo Alto” la registrazione inedita d...
OC-5: l’octaver Boss è più potente che mai
Signature al femminile - Chitarre 2011
Gli albori del modding
Black Stone Cherry: il nuovo singolo “Ringin' In My Head”
Intervista: Berklee's experience
Pocket GT: multieffetto didattico Boss in tasca
EHX: Pitch Fork diventa Plus
N12K: lo speaker Jensen dei Fender Tone Master








Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964