VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!
Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!
di [user #35497] - pubblicato il

Una Telecaster diversa dal solito fa scattare la scintilla per costruirne una ancora più originale, su misura, con strumenti semplici ma idee molto chiare. Ecco la storia del nostro lettore Onghi.
Mentre scorrevo la bacheca di Instagram durante un pomeriggio primaverile, ho visto la foto di una bellissima Nash T2HB in una configurazione alquanto insolita su una Telecaster: P90 al manico e Humbucker al ponte. Sono rimasto letteralmente impressionato da cotanta bellezza. Desideroso di sentire come suonasse e come si comportasse nella posizione centrale, quindi P90 insieme all’Humbucker, ne sono uscito davvero scioccato.
Era un periodo in cui sentivo la necessità di avere una chitarra con l’humbucker al ponte. Riflettendo un po’, non volevo nel mio gear una cosa che hanno tutti: sentivo la necessità di dover cambiare un po’ le carte in tavola. E mi sono detto? Perché non realizzare una Tele-style come la T2Hb di Nash?

Inizialmente il progetto era quello di farmi costruire una Telecaster con due P90 da un noto liutaio italiano, però le cifre erano un po’ alte. Volevo risparmiare.
Nel lontano 2016/2017 conobbi un ragazzo di nome Nicola, anche lui grande cultore come me di Fender. Questa sua passione per la musica, insieme alla mia, nonostante non abitiamo proprio dietro l’angolo, ci ha dato la possibilità di conoscerci. Gli anni passano, la nostra amicizia si rafforza e Nicola comincia ad ampliare il mondo legato alla realizzazione di chitarre elettriche. Con le nostre solite chiacchiere da bar legate al mondo Fender e non solo, parlo di questo progetto “Telecaster T2Hb”. A sorpresa decide di accettare la sfida.
Ci siamo confrontati su quale legno fosse meglio usare, dato che, avendo già due chitarre in ontano e una in pino, era meglio rompere gli schemi. Sono venuto a conoscenza di questa falegnameria italiana, della Brianza, con un’ampia di scelta di legni di altissima qualità. Pertanto, dopo un lungo consulto: due pezzi di pioppo, uno ebano e uno di acero fiammato sono i legni che ho scelto.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

I disegni del body sulla tavola sono stati fatti tramite delle dime che raffigurano al 100% la forma di una Telecaster, idem per il manico e per la tastiera.
Tutti i lavori eseguiti sono stati fatti senza l’ausilio di CNC, a mano e con piccole attrezzature.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Per quanto riguarda la tastiera, ho optato per un raggio da 12” per dare modernità allo strumento, con 22 tasti medium jumbo e dot madreperlati.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Il manico invece, un pezzo unico in acero fiammato, come forma è un mid-C che risulta molto ergonomico e fornisce un’ottima impugnatura. Risulta preciso e scorrevole.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Per risaltarne le fiammature, Nicola, ha applicato della vernice color Noce.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Una volta terminati manico e tastiera, ci siamo concentrati sulla verniciatura del body. Per prima cosa abbiamo applicato del fondo turapori, per far aderire meglio la vernice alla nitro. Sono state applicate cinque mani di fondo e, una volta che ha aderito bene su tutto il body, abbiamo carteggiato per rimuovere le piccole imperfezioni. A seguito, è stata applicata della vernice Daphne Blue Nitro, tramite la pistola spray collegata a un compressore.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Terminata la verniciatura, ci siamo occupati dell’assemblaggio dell’elettronica e dell’hardware della chitarra.
Per risparmiare qualcosa, ho deciso di comprare potenziometri, selettore, manopole, battipenna, ponte, meccaniche, control plate, strings ferrules, strings guide, cover humbucker e trussrod direttamente su Aliexpress. Humbucker e P90 invece sono due Tonerider: Hot P90 al manico e un Birmingham Alnico V al ponte. Ponte e meccaniche sono Wilkinson.
A fine lavori, la chitarra si presenta così, con un peso di circa 4.3kg.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Nonostante il peso sia importante, rimane una chitarra molto versatile e con molto carattere.

Pota! Ho fatto un omaggio alla mia terra: Potacaster!

Il fatto di aver scelto un radius 12” ti dà la possibilità di eseguire dei bending precisi, morbidi e senza impegno. Nonostante ci siano un P90 e un humbucker, la posizione centrale non viene snaturata, in quanto abbiamo deciso di tenere quest’ultimo un pelino più vicino al P90.
Il P90 al manico si comporta davvero molto bene, molto definito sia sui puliti sia su suoni più distorti. È anche piacevole da sentire perché allo stesso tempo è anche morbido.

chitarre elettriche fai da te gli articoli dei lettori t-style
Mostra commenti     22
Altro da leggere
Tono TBX e manico custom: Susan Tedeschi racconta la sua Telecaster signature
La AZ del 2024 di Tom Quayle punta su flessibilità e affidabilità
Ronciswall: una visione italiana per la chitarra elettrica del futuro
ST-Modern Plus HSS è la Strat-style ultramoderna di Harley Benton
La mia LadyBird
Vintage Visions from the World - Paolo Lippi e la Stratocaster Sunburst del 1955 #09759 [IT-EN]
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964