VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Multiscala, multi-switch e ultra-versatile: Dingwall racconta il basso del futuro
Multiscala, multi-switch e ultra-versatile: Dingwall racconta il basso del futuro
di [user #17844] - pubblicato il

Strano a dirsi, ma il creatore dei bassi in foto, a oggi tra i più apprezzati da un’intera compagine di bassisti più avvezzi alla sperimentazione, è un chitarrista. Lo abbiamo intervistato in video per voi.
Quella di Sheldon Dingwall è la storia di un liutaio sopra le righe, un artigiano che ha creduto in una visione chiara e precisa, tenendovi fede finché il mercato non gli ha dato ragione. E alla grande, si potrebbe aggiungere.
Oggi i bassi Dingwall sono annoverati tra le realtà più rivolte all’innovazione, nel campo dello strumento musicale, e quello che nel 2024 appare uno strumento futuristico deve il suo successo in una storia lunga quasi quarant’anni.

Multiscala, multi-switch e ultra-versatile: Dingwall racconta il basso del futuro

Dingwall nasce nella seconda metà degli anni ’80 con un chiodo fisso: le potenzialità della scala variabile. Corde della lunghezza diversa permettono di massimizzare le caratteristiche timbriche di uno strumento, per contare su acuti morbidi e rotondi insieme con bassi chiari e sempre intelligibili, con una logica che ha un deciso che di pianistico.
Sono gli anni della chitarra virtuosa e i riflettori sono rivolti altrove. Si pensa al Floyd Rose, alla super-Strat, e il basso non riceve la stessa attenzione, ma Dingwall crede nel progetto e continua a esplorarne le potenzialità. Nel tempo le tecniche si affinano, i modelli si fanno sempre più efficaci e completi, le opzioni custom crescono e il pubblico comincia a guardare quei curiosi bassi dalla tastiera “storta” con rinnovato interesse.
La svolta avviene quando Adam “Nolly” Getgood sceglie Dingwall per cesellare il proprio basso nell’affollato mix dei Periphery.
Il timbro presente, incisivo e a fuoco dello strumento disegnato a quattro mani col liutaio canadese si rivela perfetto per farsi largo tra le chitarre droppate della band, e tutto un filone di musica ultra-moderna segue il suo esempio. In breve i bassi Dingwall diventano un riferimento per la ricerca sulle basse frequenze, e la risonanza non tarda a infrangere le barriere del genere. John Taylor dei Duran Duran ne apprezza l’eccezionale ergonomia, leggerezza e versatilità, e vuole un modello per sé.
I caratteristici pickup inclinati, utili ad assecondare il progetto multiscala che contraddistingue l’intero catalogo, contano sulla varietà sonora di un’elettronica elaborata, con un selettore rotativo a impostare combinazioni originali che rivelano orizzonti estremamente ampi, che ora fanno gola a musicisti di ogni genere ed estrazione stilistica.

Multiscala, multi-switch e ultra-versatile: Dingwall racconta il basso del futuro

Scoprire il mondo Dingwall rappresenta un contatto con l’essenza più pura dell’innovazione in fatto di liuteria elettrica, e incontrare il fondatore dell’azienda è un’opportunità per toccare con mano una visione capace di superare le epoche per suonare nuova e fresca oggi come alla sua prima apparizione sul mercato.

Abbiamo avuto l’occasione di scambiare due chiacchiere con Sheldon Dingwall durante una sua tappa in Italia, e abbiamo documentato il tutto in video. Parte di un clinic tour che ha portato Dingwall in giro per tutta l’Europa in collaborazione con il distributore Musifacts, l’incontro si è tenuto il 16 aprile presso Bassline, shop milanese di strumenti musicali che proprio nel basso ha trovato la sua punta di diamante.



La chiacchierata con Sheldon Dingwall e Claudio Gaggino di Bassline attraversa sound, storia e prospettive del basso elettrico, con un accento sull’evoluzione che ha investito lo strumento negli ultimi anni, per un momento storico che evidenzia forte interesse sul tema.
Scoprire una frequentazione abbondante, attenta e curiosa a un evento dedicato a uno strumento così singolare e all’uomo che l’ha inventato è un indizio chiaro circa la salute del basso elettrico e dei suoi estimatori, attivi ed entusiasti ora più che mai.
bassi elettrici bassline dingwall interviste
Link utili
Sito Dingwall
Sito del distributore Musifacts
Sito del negozio Bassline
Mostra commenti     1
Altro da leggere
I classici del basso vintage da Harley Benton
Dal Rhodes anni ’70 alla Rickenbacker degli Oasis: esclusività d'epoca all’asta
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Cornerstone con Jack Griffiths: "Il boutique è carattere, non componenti NOS"
Rosaire Riccobono: la versatilità è un investimento sulla passione per la musica
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964