VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La chitarra in fiamme
di [user #3] - pubblicato il

Non c'è nulla da fare, quando ti piglia ti piglia. Credi di esserne uscito, ma poi ti capita di vederne una che per te è nuova, unica, diversa, irresistibile. Quasi sempre vieni giudicato un pazzo da tutti gli altri, soprattutto se affetti dalla medesima sindrome, che non capiscono il tuo volo di fantasia su un oggetto che a loro dice poco o nulla. Ma tant'è, la chitarra è così, in realtà te ne basterebbero un paio al massimo, l'elettrica e l'acustica. O due elettriche e un'acustica. O due acustiche. Insomma, quando ne hai quattro sei già oltre. Eppure quasi tutti noi ne abbiamo troppe di più, perché di tanto in tanto capiamo di non poter più vivere senza "quella". A me è capitato di recente, dopo un bel po' di tempo di pace dei sensi. Trasformato da bluesman elettrico fenderdipendente in strimpellatore acustico casereccio per necessità, ho coltivato con cura la mia malsana passione per le chitarre di plastica di cui ho già avuto modo di parlare.


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964