VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Custom Shop mostra un made in Italy più forte che mai
Custom Shop mostra un made in Italy più forte che mai
di [user #17844] - pubblicato il

Il made in Italy è forte come mai prima e l'evento milanese ha fatto da contenitore e amplificatore per diverse eccellenze talvolta lontane dai riflettori. La prima edizione di Custom Shop ha acceso riflessioni e commenti sulle realtà artigianali e sul ruolo degli eventi fieristici per la loro valorizzazione.
Il made in Italy è forte come mai prima e l'evento milanese ha fatto da contenitore e amplificatore per diverse eccellenze talvolta lontane dai riflettori. La prima edizione di Custom Shop ha acceso riflessioni e commenti sulle realtà artigianali e sul ruolo degli eventi fieristici per la loro valorizzazione.

L'artigianato musicale in Italia è vivo, mosso da una passione impressionante e capace di trasmetterne altrettanta. Questo è quanto emerso dall'esperienza del Custom Shop di Milano appena trascorso.
Già da alcuni anni di SHG cominciavamo a sentire l'esigenza di affiancargli una nuova formula adatta a valorizzare la dimensione della liuteria e della costruzione manuale. Quando abbiamo annunciato Custom Shop, gli espositori hanno risposto con entusiasmo, compatti e in gran numero. Il giorno dopo lo show, possiamo dire che i fatti hanno dato ragione a chi ha voluto credere nel progetto.

Più che mai, oggi si può affermare che il made in Italy sia una realtà forte e invidiabile per stile e qualità. In fiera abbiamo incontrato molti guru storici del panorama musicale e abbiamo avuto modo di conoscere dei nuovi professionisti eccezionali, con niente da invidiare a marchi più affermati o ad artigiani d'oltre oceano. Ciò che riteniamo mancasse al panorama era un riferimento sicuro, forte, capace di restituirgli la visibilità che il loro lavoro merita e che permettesse di interfacciarsi con la giusta utenza.
L'esperimento di Custom Shop è riuscito a riunire sotto lo stesso tetto il meglio della produzione italiana e un pubblico specializzato, attento e numeroso che solo l'esperienza ultraventennale di Accordo e SHG può garantire. La partecipazione in pompa magna dei marchi di Spaghetti Guitar Tools, insieme a delle aree studiate "a misura di boutique", ha fatto sì che la fiera fungesse da cassa di risonanza potente per chi vi ha partecipato.
Ancora gasati dallo show, visitatori ed espositori ci hanno restituito ottimi feedback, che raccoglieremo come preziosi consigli per dei futuri Custom Shop sempre più eccitanti, e non è da escludere che alcune soluzioni di successo vengano poi adattate alle modalità e dimensioni del prossimo SHG, il 15 novembre 2015 per la grande festa della quarantesima edizione.
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
custom shop milano 2015
Mostra commenti     14
Altro da leggere
Di Donato: un gioiello dal futuro?
Ragghianti flat-top doppio-manico
Prova su strada con Astor Amplitube
Ecco a chi andrà la Kramer del Custom Shop Milano 2015
Cortesi Instruments Nina e Odette
Custom Shop 2015: finalmente
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964