CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Ha senso avere un suono stereo in live?
Ha senso avere un suono stereo in live?
di [user #1906] - pubblicato il

"Avendo acquistato il DD-500 della BOSS mi trovo a dilettarmi con le sue modalità di delay in stereo. Mi sto però chiedendo se sia una buona idea utilizzare dei suoni stereofonici in un contesto live; temo che un suono stereofonico sia controproducente - oltre che poco utile - perché finirebbe per penalizzare gli ascoltatori a lato del palco." Abbiamo chiesto un parere a Enrico Sesselego, fonico - tra i tanti - di Paul Gilbert e Steve Vai.
Avendo acquistato il DD-500 della BOSS mi trovo a dilettarmi con le sue modalità di delay in stereo, lo sto usando in casa per ora e sempre in cuffia. Mi sto salvando alcuni bei suoni che mi potranno servire anche in live, lo uso abbinato ad un POD XT che anch'esso ha la modalità di uscite stereo per entrare direttamente nel mixer. Mi sto però chiedendo se sia una buona idea utilizzare dei suoni stereofonici in un contesto live: come tutti sappiamo, e come sempre succede, nei contesti dal vivo, siano pub piccoli o grandi o serate all'aperto, il pubblico che sta alla destra dell'impianto percepisce molto di più, se non in alcuni casi, quasi esclusivamnete, ciò che esce dalla cassa destra e viceversa per chi sta alla sinistra. Mi dico quindi che forse, un suono stereofonico sia controproducente oltre che poco utile, perché il non sentire ciò che esce dall'altro lato del palco potrebbe alla fine imbruttire un suono invece molto bello se ascoltato in un contesto diverso.
Quindi chiedo a chi ha esperienza al riguardo, perché leggo che molti usano dei setup stereofonici, come viene gestita la situazione.

Ha senso avere un suono stereo in live?

Risponde Enrico Sesselego.
Sesselego ha lavorato in studio come assistente e fonico per Steve Vai e Paul Gilbert. Con Gilbert è stato anche fonico in vari tour ed è pronto a ripartire per la prossima tournè europea del chitarrista che inizierà ad ottobre. Ha appena registrato mixato il nuovo disco dei Dolcetti, band che segue anche dal vivo.

Il chitarrista che dal vivo  desidera servirsi  di un suono stereo, deve confrontarsi  con la necessaria mediazione e compromesso con la   realtà imposta dal palco. Valgono infatti, le considerazioni del nostro lettore: utilizzare un suono stereo potrebbe far incorrere in grossi sbilanciamenti di ascolto soprattutto per gli spettatori disposti lateralmente rispetto al palcoscenico.
Ci sono però, anche altre riflessioni da tenere a mente. La prima che mi sento di evidenziare è che – ahimè - non tutte le situazioni nelle quali ci si trova a suonare sono ottimali, sia dal punto di vista della location che dell'impianto audio. Tutti noi vorremmo disporre sempre di un impianto adeguato con service preparato e disponibile, condizioni capaci di offrire a noi e al pubblico,  una situazione di ascolto pulita e quanto più corretta possibile; ma la realtà non è questa.
Lo dico per esperienza personale, dato che mi è capitato di trovarmi a lavorare con set up decisamente non ottimali, nonostante la qualità delle produzioni nelle quali ero coinvolto, lo avrebbero richiesto.
Parlando di suono, per esempio, Paul Gilbert nell’ultimo tour utilizzava due amplificatori con i quali potevo creare un'immagine stereo: nel suo caso c’era la volontà di  creare un muro del suono, nel quale la stereofonia era creata dall’utilizzo di  un doppio phaser o di un phaser stereo.  Questa soluzione garantiva un certo "movimento" del suono, che risultava aperto pur mantenendo una notevole compattezza.

Ha senso avere un suono stereo in live?

Il tuo caso però è diverso visto che vorresti preservare l'immagine stereo (magari con risultati di Vaiana ed Holdsworthiana memoria) creando degli ambienti e degli spazi ben definiti.
Ti suggerirei di seguire una strategia che, come detto, medi le tue esigenze con quelle del palco. Insomma, un compromesso accettabile!
L'ideale potrebbe essere tenere le tue uscite L/R del tuo segnale non pannate in maniera drastica sul mixer, evitando ciò che si chiama "hard left" o "hard right" setting, soluzione che magari, un fonico potrebbe avere di primo approccio. Regolando invece i pan pot del canale Left & Right rispettivamente tra ore le 9/10 e l'altro 2/3. Ciò creerebbe un netto vantaggio del segnale principale nel canale in questione con il suo delay dominante; allo stesso tempo ci sarebbe una riproduzione di ciò che succede all'altro canale, con una sua riduzione del volume drastica ma che  comunque restituirebbe garantirebbe agli spettatori laterali un'idea accettabile dell'immagine stereo desiderata.
Un consiglio extra: fai in modo che il segnale del delay sia ben pulito ed equalizzato con perizia dal punto di vista delle frequenze, soprattutto dalle basse e medio basse. Di sua natura il delay accentua le acute e pulirlo ulteriormente sulle frequenze gravi e medie lo renderebbe più intellegibile. Questo suggerimento vale sia nel contesto stereo appena analizzato ma anche in un utilizzo tradizionale, miscelato con il suono straight della chitarra.

Ha senso avere un suono stereo in live?
Boss enrico sesselego stereo guitar
Link utili
Il sito di Enrico Sesselego
Mostra commenti     14
Altro da leggere
Custom Shop Milano 2017: lezioni e workshop di chitarra gratuiti
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
Dolcetti: tour con Greg Howe e Stu Hamm per lanciare il disco
Musicisti dal mondo: tra Marty Friedman e Babymetal
Chitarristi dal mondo: Koco Dhavale
Racer Café: intervista a Enrico Sesselego
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964