HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Keith McMillen: BopPad
Keith McMillen: BopPad
di [user #116] - pubblicato il

Keith McMillen introduce BopPad, un drum pad elettronico espressivo particolarmente interessante per quanto riguarda le sue caratteristiche tecniche e, perché no, anche per il prezzo.
Sino a poco tempo addietro, l'unico controller dell'azienda dotato di pad a uso percussivo era QuNeo. Il suo utilizzo era però in punta di dita e il pubblico cui si rivolgeva, ben differente. BopPad è invece concepito per essere utilizzato da batteristi e/o percussionisti sia come singolo strumento che come elemento aggiuntivo del proprio set acustico o elettronico.
E' sostanzialmente un drum pad elettronico sensibile al tocco e alla pressione, dotato di quatro quadranti programmabili in modo completamente indipendente l'uno dall'altro.

Ciascuno dei quattro quadranti, è indipendente anche nell'invio delle note MIDI (6 note MIDI) e dei parametri velocity, pressione, control change (5 messaggi di MIDI CC), pitch bend, channel pressure e aftertouch polifonico. La gamma dinamica gestita dallo strumento è particolarmente ampia riuscendo a rilevare e interpretare dall'esecuzione più soft a quella più potente si riesca a suonare. E soprattutto per quanto riguarda i picchiatori, Keith McMillen ha realizzato BopPad con una robustissima superficie in elastomero sintetico montata su un cerchio da 10”.

Keith McMillen: BopPad

Il sistema di rilevamento dei colpi, è stato studiato per risultare particolarmente accurato e rapido (con una latenza che si attesta sotto ai 3 ms). Per ogni colpo sferrato, vengono rilevati dinamica (velocity), pressione (polyphonic pressure) e posizione (continuous radius), quindi il punto in cui la bacchetta (o la mano) colpisce il pad.
Al suo interno, la tecnologia Smart Fabric Sensor brevettata da Keith McMillen. Questa, utilizzata su tutte le superfici di controllo realizzate dall'azienda, prevede inoltre che il materiale scelto cone punto di contatto tra l'utilizzatore e lo strumento, sia conduttivo, sensibile alle variazioni di pressione e capace di variare la sua resistenza quando compresso.

BopPad non dispone di una libreria sonora interna. E' quindi necessario utilizzarne una esterna o sfruttando il proprio computer o dei moduli sonori esterni. In quest'ultima alternativa, è necessario dotarsi di MIDI Expander, altro prodotto realizzato da Keith McMillen.

Keith McMillen: BopPad

Per poter configurare i quattro quadranti, è necessario connettere BopPad al proprio computer (supportati Mac, Windows, dispositivi iOS e Android) e installare il software BopPad Editor fornito all'atto dell'acquisto. E' comunque disponibile una versione dello stesso programma, web-based, per cui senza nessuna installazione e accessibile via browser.
Attraverso l'editor è possibile gestire canale MIDI, sensibilità generale, densità dei colpi, gain e tanto altro. Chi non volesse addentrarsi nelle - se pur semplicissime - configurazioni, può affidarsi ai preset pronti all'uso. I preset consentono di utilizzare istantaneamente BopPad con software quali Ableton Live!, Garage Band, Logic e Bitwig.



Con il peso di appena 1 Kg, risulta inoltre estremamente portatile. BopPad è disponibile da gennaio 2018 al prezzo di € 199 (IVA inclusa).

Keith McMillen è un marchio distribuito in Italia da Sound Wave.

 
boppad keith mcmillen midi controller
Link utili
Sound Wave
Keith McMillen
Keith McMillen - QuNeo
Altro da leggere
Pubblicità
Pearl malletSTATION EM1...
Keith McMillen - QuNeo...
Keith McMillen QuNexus...
Mawzer - Controller MIDI modulare...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964