VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Duncan e Bonamassa per i pickup della
Duncan e Bonamassa per i pickup della "miglior Strat di sempre"
di [user #116] - pubblicato il

Seymour Duncan replica con cura maniacale i pickup trovati sulla hardtail del 1955 che Joe Bonamassa definisce “la miglior Strat di sempre”.
La passione di Joe Bonamassa per le chitarre d’epoca non è un segreto, e il suo gusto raffinato per le Fender d’annata è noto a molti.
Nella sua sterminata collezione, una Stratocaster spicca con un’aura speciale: Joe l’ha soprannominata Bonnie, e ne parla come un pezzo unico nel suo genere.
Adesso “la magia” della Bonnie Strat è alla portata di tutti grazie all’ultimo progetto in collaborazione con Seymour Duncan.

Duncan e Bonamassa per i pickup della "miglior Strat di sempre"

Bonnie è una Fender Stratocaster del 1955, una hardtail per la precisione, cioè con ponte fisso anziché il più comune Tremolo. La chitarra deve il suo nome a Bonnie Bramlett, la cui firma è incisa sul retro del body in frassino.
Joe si dice innamorato dello strumento, al punto da utilizzarlo in tutti i concerti e le sessioni in studio da quando l’ha acquistato. Per qualche ragione, a suo dire, i pickup montati sulla Bonnie offrono “un 5% in più” che fa la differenza. Seymour Duncan si è messo quindi all’opera per tentare di catturare quella sfumatura extra, e il risultato è un set di single coil dal gran carattere, fortemente riconoscibili sul piano sonoro quanto su quello estetico.

Duncan e Bonamassa per i pickup della "miglior Strat di sempre"

I Seymour Duncan Bonnie di Joe Bonamassa sono stati ricreati con una grande attenzione per i dettagli. Sono storicamente corretti sotto ogni aspetto, dalla caratteristica smussatura delle cover al tessuto usato sui cavi fino al magnete Alnico IV impiegato per la costruzione su una base di 5,96K in comune per tutti e tre i pickup, uguali tra loro negli avvolgimenti e nell’output.



L’edizione limitata di Joe Bonamassa Signature Bonnie Strat proviene dal Custom Shop di Seymour Duncan, è disponibile in finitura bianca o anticata e come set di tre pickup o battipenna completo già cablato.
In quest’ultima variante, sono inclusi condensatori Chicklet in stile “Phone Book” da .1uF appositamente costruiti, potenziometri CTS da 250k e un selettore a cinque posizioni, preferito da Joe a quello vintage montato in origine sulla sua Bonnie.

Solo 550 set e 100 battipenna saranno prodotti, ed è già possibile ordinare il proprio sul sito Seymour Duncan, qui i soli pickup e qui il battipenna completo pronto per essere montato.
Se ve li siete fatti sfuggire, non lasciatevi scappare le offerte Seymour Duncan su Musicarte Store.
bonnie joe bonamassa pickup seymour duncan
Link utili
Bonnie pickup set sul sito Seymour Duncan
Bonnie battipenna completo sul sito Seymour Duncan
Seymour Duncan su Musicarte Store
Mostra commenti     27
Altro da leggere
Gibson e DiMarzio in tribunale: pomo della discordia è il PAF
I PAF Gibson più costosi di sempre arrivano in valigetta da collezione
Brandon Ellis racconta il Dyad Parallel Axis: signature Seymour Duncan
I classici DiMarzio diventano Filter’Tron: nasce il Super Distor’Tron
Il docufilm di Bonamassa è gratuito per un periodo limitato
Le playlist per fuggire dal solito Natale
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964