CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Alberto Rigoni - Something Different
di [user #13197] - pubblicato il

La sinfonia del nuovo millennio è l’interferenza del cellulare nelle casse di uno stereo. Alberto Rigoni, classe 1981, ha passato gli ultimi anni ad aggirarsi nella scena veneta tra Rock molto Eightyes ruotante attorno ad un fitto manierismo, e cose di stampo più sperimentale. Something Different è il suo primo album da solista. Amante di una dimensione sonora sputata fuori dal progressive, il bassista la usa come veicolo per arrivare ad un Metal estremamente “del nuovo millennio”, avvalendosi di una spinta elettronica di fondamentale importanza. Fino a qui, a dire la verità, parrebbe piacevole ma nulla di nuovo. Tutto sommato Rigoni dona al tutto una certa grazia. Nei dieci brani si riconosce una magistrale capacità di dare un suono scrupoloso ma mai robotico, se non dove volutamente deciso.

La presenza di tecnica strumentale massiccia è spesso motivo di incomprensioni dai fruitori di quel che è rimasto della musica Rock. Dalla grande massa di ascoltatori, o è eccessivamente glorificata e osannata, oppure è evitata perché identificata come mancanza di ispirazione. Rigoni non si interessa ne degli uni ne degli altri pareri e la versatilità è una lingua che parla molto bene, e senza troppi fronzoli. L’album insegue un’urgenza espressiva sì virtuosistica ma innamorata del melodico, di una riverenza Pop indiscutibilmente convinta. Le tessiture melodiche tracciate per essere linee cantabilissime e non semplici esercizi fini a se stessi, sono presenti in gran quantità. Il tema di The Factory che apre l’album, trascina nell’ascolto quasi sommerso negli echi elettronici. Rigoni si presenta con un suono urbano e futuristico. Riesce nell’intento di suonare musica che si presta suo malgrado all’avere un suono meccanico, conferendole un tocco di umanità, che fuoriesce dall’album a poco a poco.

Il tutto ricorda di tanto in tanto la schizofrenia di Prince (Bassex). SMS richiama alla mente un ambiente à là Tribal Tech riletti nel nuovo millennio. Roller Coaster è addirittura un Nu Metal spintissimo, a tratti Metal Core nella voce filtrata e, più Zappa che Vai, Glory Of Life si aggira acuta e sentitissima in tempi dispari sinuosi.

Tra accenni Drum’n bass e amore per l’AOR, Rigoni è sorretto da una produzione impeccabile nella godibilissima spinta elettronica, che rende l’album coeso e dinamico, e se non direttamente coraggioso, consapevole di una dimensione di ricerca costante della musica, che in molti scordano.

Una trance ipnotica spesso permea i pezzi, li inorgoglisce nelle pieghe degli arrangiamenti. Desert Break rincorre una cadenza quasi innocentemente rituale, al limite del tribale. L’ossessività dell’elettronica glorifica un discorso strumentale ampio e amorevolmente versatile. Zappa torna ma con più Blues prepotentemente in Jammin’ On Vocal Drums ed Il congedo, Sweet Tears, tastiere in primo piano, possiede addirittura un soffio di Radiohead.

Fondamentalmente Something Different è un tributo alla tecnologia dannatamente tribolante figlia soprattutto del nuovo millennio. In mezzo a tutto questo Rigoni si nutre di Funky.

Strizzando l’occhio ad Alan Parson, esplora il suo strumento con un Progressive che talvolta sfocia in Jazz viziato dall’elettronica più pura. E’ musica ispirata dagli anni Duemila per gli anni Duemila. Il rigore con cui i pezzi sono suonati li rende abbastanza fieri di se, e tutto sommato affascinanti. Rigoni non si è ancora distaccato dai canoni tradizionali delle iconografie Prog Rock ancora assuefatte di Dream Theatre e di Vai, ma siamo felici che di album di esordio solista così freschi, stimolati e ben prodotti, se ne registri ancora.

L’osservazione un po’ cinica con cui si apriva questa recensione (suggerita dell’espediente che Rigoni utilizza, di inserire l’interferenza del telefono cellulare nell’album), è la chiave per capire in parte il lavoro concettuale del disco. Non è scontato per molti che il Rock inteso in forma tradizionale stia arrivando alla sua fine. E per fortuna ci si evolve. La globalizzazione sta toccando anche la musica, portandola su altri lidi. L’abbracciare la tecnologia nei suoi ritmi, i suoi suoni, la sua mancanza di respiri, anzichè ricercare ancora gli anni sessanta in un afflitto e vagamente patetico tentativo di far rivivere il passato, è il punto di partenza per lanciarsi nella novità definitiva.

Alberto Rigoni

Something Different

2008

alberto rigoni album
Link utili
Sito di Alberto Rigoni
Myspace di Alberto Rigoni

Mostra commenti     0
Altro da leggere
Ascolta White Christmas in blues da Eric Clapton
Spunta una nuova copia del Black Album di Prince
Gli Stray Cats sono tornati
White Album mai sentito prima per i 50 anni
Online il video di Valley Of Fire di Jason Becker
Album in arrivo per i Greta Van Fleet
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964